Cerca Hotel al miglior prezzo

A Mauritius con i bambini: cosa fare e vedere

Quando si parla di vacanze ideali fantasticando su mete turistiche esclusive, luoghi di totalitaria bellezza e sogni (ir)realizzabili, ecco spuntare nomi che solleticano realmente l’immaginario collettivo attratto dalla natura, dalla sensazione di libertà e dalla comodità, componenti che sovente esigono portafogli pieni e un accentuato desiderio di evasione: Polinesia, Hawaii, Caraibi, Acapulco, Cuba e… ovviamente Mauritius, sono essi avamposti quasi onirici di aneliti lontani, ma che possono veramente cristallizzarsi in un viaggio da fare anche e soprattutto con la famiglia e i propri figli, specialmente se bambini.

Proprio l’ultima meta citata, l’isola vulcanica di Mauritius, ben si presta agli slanci turistici di nuclei familiari che ambiscono a sbrigliarsi dai ritmi europei per abbracciare una concezione nuova di divagazione vacanziera. Tantissime le strutture pronte ad accogliere i visitatori, resort e hotel con spa inclusa (e intrattenimenti per bambini).

Certo, questa meraviglia non è dietro l’angolo, ma perché fermarsi quando il progetto è un gran progetto? Una manciata di ore dividono il Vecchio Continente dal succitato paradiso, ergo niente sfasamenti da jet lag. Non è un problema neanche la paura della non comunicazione con gli autoctoni, dato che la scelta spazia fra ben tre lingue, ovverosia francese, inglese e creolo, e si suppone che una fra le prime due siano per lo meno “masticate” (anche in maccheronico).

Ogni timore decade se si pensa che nell’isola le attività da svolgere in pieno relax e spirito d’avventura (ma in totale sicurezza) risultano tante e arrivano addirittura a sfociare nel pletorico, specie se si è in compagnia dei propri figli ancora in età fanciullesca. Mare, spiagge, sentieri e luoghi incantevoli vanno assolutamente esplorati e faranno certamente la felicità dei bambini al seguito, indipendentemente da quanti siano. Vediamo una selezione di cose da fare su cui posare la lente d’ingrandimento.

Il giardino botanico di Pamplemousses


Quello di Pamplemousses è il giardino per famiglie per eccellenza, accessibile a piedi, in bicicletta o con passeggino da spingere. Un incanto da esplorare in lungo e in largo, gli occhi devono viaggiare e non perdersi nulla, mentre i pargoli troveranno ampio divertimento, parola di scout. Maggiore giovamento si trarrà venendo affiancati da una guida turistica, il cui costo è di solo € 1,00 a persona.

Casela World of Adventures


Il "Casela World of Adventures" non lontano dalle spiagge di Tamarin, è semplicemente un parco da sogno concepito per avvicinare il turista alla tutela dell’animale: rinoceronti, leoni e pony sono assolutamente da vedere, e con la possibilità di dare da mangiare ad alcune specie. Inoltre, il Mountain Kingdom – recentemente ristrutturato – vi farà provare l’esperienza di rimanere sospesi a 500 metri di altezza tramite zip line e ponti tibetani: adrenalina in tutta sicurezza, da godere singolarmente o con il proprio bambino, senza pericoli e in estrema facilità. Provare per credere!

Curious Corner of Charamel e Dodo Quest


L’aspetto ludico della vacanza è assicurato in primis da un’attrazione unica sull’isola, il "Corner of Charamel", nella punta sud-occidentale dell'isola, un ambiente pervaso da latenti giochi di specchi, riflessi e illusioni ottiche che proietteranno i bambini in un mondo dove nulla è come sembra. Gli adulti facciano invece un salto al "Dodo Quest", escape room ad alto tasso enigmistico.

La via del té e dello zucchero


Mauritius è nota non soltanto per essere meta vacanziera, ma anche per la copiosa produzione di . I turisti più curiosi potranno ripercorrerne per tappe la laboriosa filiera, dalle piantagioni alla fabbrica di Bois Cheri, nei pressi di La Flora, dove un’assortita degustazione rappresenterà il culmine gustoso di una storia secolare. Altri due prodotti di punta sono la vaniglia e lo zucchero: visitabili a tal proposito la Rhumerie de Charamel e il museo interattivo Aventure du Sucre.

Port Louis


Anche Mauritius ha una sua capitale, Port Louis, luogo di incontro di culture diverse e tradizioni che si uniscono per un iconico viaggio etnico dall’insuperabile fascinazione. Tra le case, nei mercati di frutta e verdura, nei centri commerciali o nella Chinatown di turno una passeggiata vi aprirà le porte del cosmopolitismo più accentuato e speciale, formativo anche per i vostri bambini.

La Vanille Nature Park


Il tema di questo parco, posto a due passi da Souillac, sono i rettili, ma in questo caso le vere star sono le tartarughe giganti dell'Oceano Indiano, che potrete vedere e toccore con le vostre mani! Sono previste attività di "turtle feeding" e quindi i vostri piccoli potranno dare, loro stessi, da mangiare a questi giganti oziosi. Oltre alle testuggini qui si trova un piccolo rettilario dove impare altre curiosità su questi animali a sangue freddo.

Parchi giochi coperti


Può anche capitare una giornata di clima inclemente, ma a Mauritius hanno pensato anche a questa eventualità, sicché l’ombra della noia verrà scacciata subito via dalla possibilità di frequentare parchi giochi coperti, lasciare i propri figli a divertirsi e godersi a un tavolino un caffè, una pizza o un semplice snack magari connettendosi a internet con il Wi-Fi gratuito.

Blue Safari Submarine


In molti si saranno chiesti cosa si prova a esplorare le cristalline profondità dell’oceano a bordo di un sottomarino. Ebbene, a Mauritius tutto è possibile, persino inabissarsi con un vero sottomarino a 30 metri dalla superficie per osservare da vicino i cangianti coralli, alghe e pesci che i bambini hanno probabilmente visto soltanto nei libri di biologia marina. E’ un’esperienza indimenticabile che non scorderete, e i più grandi possomo provare lo scooter sottomarino!

Acquario


Essere in vacanza, ad ogni modo, non significa staccare completamente le sinapsi mentali. Anzi, l’occasione per imparare qualcosa è sempre dietro l’angolo, così una visita all’Acquario di Mauritius (Pointe aux Piments)diventa un appuntamento doveroso che farà felici tutti: i puerili occhi si riempiranno di stupore alla vista dei pesci variopinti, degli inquietanti squali e delle sornione tartarughe giganti.

Camminata sott’acqua


Dai pesci da vedere a quelli da toccare: camminare sott’acqua non ha eguali e, udite udite, lo possono fare anche i bambini – purchè di età uguale o superiore ai 5 anni - dotandosi di casco per la respirazione subacquea. In questo modo anche l’esperienza tattile assumerà un chiaro significato che darà seguito a quanto visto all’acquario. Dove? A Grand Baie, sulla punta nord dell'isola.

Osservare i delfini


Alzi la mano chi non ha mai desiderato entrare in contatto con quelle meravigliose creature che sono i delfini. A Mauritius gli stupendi mammiferi si possono sia vedere che toccare: le due modalità sono la gita in barca o la pratica dello snorkeling. Le imbarcazioni partono da La Preneuse alle ore 7.30, quindi di primo mattino, e si sa, il mattino ha l’oro in bocca. Godetevelo.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close