Cerca Hotel al miglior prezzo

Iowa (Hawkeye State), viaggio attraverso il paese

Pagina 1/2

Gli indiani lo chiamavano Iowa, ovvero “paese meraviglioso”, per la bellezza delle sue vaste praterie e per gli abbondanti raccolti, caratteristiche rimaste intatte nel corso dei secoli ed ancora visibili all’interno del cosiddetto Hawkeye State. Dal punto di vista geografico, lo stato si estende tra il corso del Mississippi ad est e quello del Missouri ad ovest per oltre 140.000 km², confinando a nord con il Minnesota, a est con il Wisconsin e l’Illinois, a sud con il Missouri e a ovest con il Nebraska e il South Dakota. Il territorio è prevalentemente pianeggiante, caratterizzato da dolci colline, laghi e sterminati campi di grano e mais: l’Iowa è infatti una potenza agricola negli USA, essendo al primo posto per la produzione di granoturco e soia, oltre che per l’allevamento di bestiame. Tra le specie vegetali più diffuse delle campagne dell’Iowa spicca la rosa selvatica, considerata uno dei simboli dello stato.

Esplorato per la prima volta dai francesi Jacques Marquette e Louis Joliet nel 1673, l’Iowa fu a lungo conteso tra Francia e Spagna fino a quando nel 1838 fu annesso all’Unione. Da quell’anno in poi la colonizzazione divenne permanente, con il conseguente allontanamento dallo stato di quasi tutte le tribù indiane che lo abitavano da molti secoli. Nel corso della guerra civile, seppur lontano fisicamente dai campi di battaglia, l’Iowa si schierò a fianco delle forze dell’Unione, contribuendo con l’invio di ingenti scorte di cibo per gli eserciti delle città orientali, oltre che con l’arruolamento di decine di migliaia di uomini poi inviati al fronte. Dopo una pesante fase di crisi avvenuta a cavallo tra la Grande Depressione del 1929 e la Seconda Guerra Mondiale, l’Iowa è riuscito a rilanciarsi in ottica nazionale grazie all’introduzione di nuovi settori economicamente redditizi, come quello finanziario ed assicurativo, o quello delle biotecnologie, che hanno progressivamente affiancato l’agricoltura tra le attività più importanti.

La capitale è Des Moines, una città di quasi 200.000 abitanti situata nella parte centrale dello stato, alla confluenza tra il Des Moines River e del Racoon River. Des Moines fu fondata nel 1834 come fortificazione per proteggere i pionieri dagli attacchi dei Sioux e dei Fox, due tra le popolazioni indigene più presenti sul territorio. Ricca di alberi e giardini, dall’urbanistica armoniosa, questa città dal nome europeo è il terzo centro assicurativo del mondo dopo Hartford e London nel Connecticut. Tra le attrattive principali ricordiamo: lo State Capitol, con la sua cupola dorata che troneggia oltre il Des Moines River; l’Iowa State Historical Museum and Archives, che dedica un’ampia mostra alla storia naturale, industriale e sociale dello stato; e il Des Moines Art Center, ospitato in tre edifici realizzati rispettivamente da Eliel Saarinen, I.M. Pei e Richard Meier, che ospita capolavori di Matisse, Picasso e Renoir, insieme alle opere di artisti americani del XX secolo come O’Keeffe, Wood e Hopper.

La seconda città più grande dello stato è Cedar Rapids, un centro di 126.000 abitanti situato nella parte centro-orientale dell’Iowa. Nel 1840 questa cittadina fu meta di un’ondata migratoria dalla Cecoslovacchia, cosicché attualmente lungo la 16th Avenue, tra 1st Street e C Street Sw si trova il Czech Village, lo storico villaggio dove è possibile acquistare prodotti cechi e visitare il Czech Museum and Library, che ospita una vastissima raccolta di costumi cecoslovacchi. Un’altra attrattiva molto apprezzata è il Cedar Rapids Museum of Art, che vanta la più grande collezione di opere di Grant Wood, un artista che ritraeva prevalentemente soggetti rurali della provincia americana.

Oltre alle altre più grandi e popolose città dello stato, come ad esempio Davenport (98.000) o Sioux City (82.000), una destinazione da non perdere è Iowa City, una città di discrete dimensioni situata lungo il corso dell’Iowa River. Pur essendo nota soprattutto per essere la sede del prestigioso Writer’s Workshop, nella University of Iowa, da cui sono usciti maestri del calibro di John Irving e Flannery O’Connor, Iowa City vanta numerose attrattive di diverso genere. Downtown ha un’area pedonale ricca di gallerie, negozi, ristoranti e caffè, risultando la zona ideale per passeggiare e magari per acquistare qualche souvenir. Visibile da ogni angolo del centro, l’Old Capitol ricorda che Iowa City è stata per un breve periodo la capitale dello stato; cinque isolati a ovest dell’edificio, su N. Riverside Drive, si trova il Museum of Art, dove è esposta un’eclettica raccolta di dipinti, sculture, oggetti d’antiquariato e argenteria. Da notare l’insolito murale realizzato dalla sapiente mano di Jackson Pollock.
... Pagina 2/2 ...
Essendo uno stato dal carattere ancora prevalentemente rurale, l’Iowa è attraversato da numerose affascinanti strade immerse nella natura. Tra le più suggestive c’è sicuramente la Route 6 Ovest, un tragitto che passa da Amana Colonies, un gruppo di sette villaggi fondati nel 1859 da una setta protestante tedesca in cerca di libertà religiosa. La comunità, ancora attiva, è organizzata come una società per azioni che divide i profitti tra i membri. Il Museum of Amana History dedica ampio spazio alla storia ed alla vita spartana di questa comunità, mentre per assaggiare la cucina degli Amana si consiglia di andare all’Hahn’s Hearth Oven Bakery, dove si potranno anche carpire alcune delle informazione che vengono più semplicemente raccontate presso il Communal Kitchen Museum, ospitato nel luogo dove un tempo veniva preparato il cibo per l’intero villaggio.

Tra i personaggi più importanti nati all’interno dei confini dell’Iowa spicca uno degli attori che meglio hanno saputo interpretare il genere western sui grandi schermi, un immortale del cinema, il grande John Wayne, il cui nome di battesimo era Marion Robert Morrison. Nato a Winterset nel 1907, la sua casa natale è tutt’ora ben conservata al 216 S 2nd St.

Il clima è continentale, caratterizzato da inverni rigidi e da estati calde e piovose. La primavera, a fronte di un sensibile aumento delle temperature rispetto ai mesi invernali, è la stagione più piovosa dell’anno, mentre con l’arrivo dell’estate le temperature crescono ulteriormente con le massime che possono arrivare a sfiorare i 40 gradi. Le precipitazioni sono moderate e raggiungono un totale medio annuo intorno ai 1000 mm di pioggia, molti dei quali cadono nei mesi più caldi sotto forma di violenti temporali o anche di improvvise grandinate. Più modesto è il rischio del verificarsi di tornado, un fenomeno abbastanza raro nell’Iowa.

Per quanto riguarda i trasporti, gli aeroporti più importanti dello stato sono: il Des Moines International Airport e l’Eastern Iowa Airport nei pressi di Cedar Rapids, mentre altri due scali piuttosto comodi per raggiungere l’Iowa sono il Quad City International Airport, a Moline, Illinois, e l’Eppley Airfield a Omaha, Nebraska. I trasporti ferroviari sono gestiti dall’Amtrak, mentre per muoversi in automobile si avrà a disposizione una rete stradale e autostradale efficiente e all’avanguardia, con le interstatali I-35 e I-80 che tagliano verticalmente e orizzontalmente tutto lo stato incontrandosi nei pressi della capitale Des Moines.
close