Cerca Hotel al miglior prezzo

Wisconsin: cosa vedere e sapere dello stato dei Grandi Laghi

  • Madison
  • milwaukee
  • La Crosse
Il Wisconsin è uno stato di circa 5.500.000 persone situato nella parte nord-orientale degli Stati Uniti, all’interno della regione dei Grandi Laghi, con i quali confina a nord. Gli altri confini statali sono con il Michigan, sempre a nord, con l’Iowa ed il Minnesota ad ovest e con l’Illinois a sud. Buona parte dello stato è ancora ricoperto da boschi e foreste di indicibile bellezza, che rappresentano una delle mete preferite dagli americani per le vacanze. Il nome dello stato è derivato dalla traduzione dal francese all’inglese di un termine che in lingua indiana significa testualmente “il luogo dove viviamo”. L’economia locale, oltre a basarsi da sempre sull’agricoltura e sulla piccola-media impresa, trae sempre maggiori profitti dal turismo, un’attività in costante crescita che ogni anno aumenta il proprio giro di affari.

Negli anni ’20 del XIX secolo lo sfruttamento dei giacimenti di piombo favorì lo sviluppo economico del Wisconsin. I tanti minatori provenienti dagli stati vicini venivano chiamati “badgers”, ovvero “tassi”, per via del tipo di attività sotterranea che svolgevano. Dopo l’ingresso nell’Unione nel 1848, e successivamente alla Guerra di Secessione, ebbe inizio l’afflusso degli immigrati europei, provenienti soprattutto dalla Germania e dai paesi scandinavi che, con la loro esperienza accumulata in Europa, contribuirono a rendere famoso il cosiddetto Badger State per la birra, il burro, il formaggio e la carta. Il Wisconsin è ancora oggi lo stato numero uno degli USA per la quantità delle sue aziende casearie, e vanta a pieno merito il titolo di “maggior produttore americano di formaggio”, anche se diverse nubi stanno cominciando ad addensarsi all’orizzonte: le fattorie di medie dimensioni, qui come in tutto il resto degli Stati Uniti, stanno attraversando un momento difficile, e negli ultimi dieci anni quasi un terzo dei caseifici del Wisconsin ha dovuto chiudere i battenti.

Il Wisconsin: stato dalla natura incontaminata, dalle belle città, abitato da cittadini operosi, da sempre all’avanguardia in molti campi produttivi, pervasi da un vero e proprio orgoglio caseario. Questo sentimento d’affetto nei confronti della lavorazione dei latticini è visibile anche sulle targhe automobilistiche, sulle quali è indicato con grande dignità “The Dairy State”, o addirittura alle partite di football dei Green Bay Packers, dove i supporter della squadra locale indossano cappelli di gommapiuma a forma di fetta di formaggio. Tuttavia il Wisconsin ha molto altro da offire ai visitatori: si possono esplorare i dirupi rocciosi ed i fari della Door County, andare in kayak tra le grotte dell’Apostle Islands National Lakeshore, scagliare palle di letame essiccato lungo la US 12, andare in mountain bike nella Chequamegon National Forest e lasciarsi tentare dalla birra, dall’arte e dalle feste.

La capitale è Madison, una città di circa 225.000 abitanti situata nella parte centro-meridionale dello stato e caratterizzata da numerosi primati. Madison vanta il maggior numero di aree pedonali, le migliori piste ciclabili, la maggiore concentrazione di ristoranti vegetariani del paese ed è, inoltre particolarmente rispettosa nei confronti degli omosessuali e dell’ambiente: in poche parole, è una delle città più liberali d’America, ideale per praticare ecoturismo a stretto contatto con la natura. Il cuore della città è lo State Capitol, che presenta una caratteristica forma ad X ed è il più grande degli USA dopo quello di Washington, DC. La relativa vicinanza al Lake Michigan, ma soprattutto a diversi piccoli laghetti circostanti, impone di dedicare qualche giorno alla visita di questi meravigliosi specchi d’acqua, circondati da sentieri immersi nel verde, ideali da percorrere dopo aver noleggiato una bicicletta. Molto interessanti sono anche il Museum of Contemporary Art, l’Overture Center for the Arts e l’House of Wisconsin Cheese, un negozio che vende forme di cheddar sagomate secondo il perimetro del Wisconsin.

l centro più popoloso è invece Milwaukee, la ventiduesima città degli USA per numero di abitanti, potendo contare su oltre 575.000 residenti. La città è anche il principale centro culturale ed economico della zona, trascinato dalla straordinaria produzione di birra, dalle grandi marche come Miller o Pabst fino ai piccoli birrifici, che mettono a disposizione i propri stabilimenti per brevi visite guidate, spesso coronate da pregiate degustazioni finali. I luoghi d’interesse turistico, date anche le dimensioni piuttosto estese del centro, sono anche parecchio distanti gli uni dagli altri, il consiglio è perciò quello di muoversi sfruttando i molti autobus che percorrono tutta la città. Da non perdere, oltre alle fabbriche di birra ed all’Harley Davidson Plant, ovvero lo stabilimento principale della famosa azienda di motociclette, il Milwaukee Art Museum, l’Eisner Museum of Advertising and Design, il Discovery World at Pier Wisconsin e l’America’s Black Holocaust Museum. Il Lakefront Park è una splendida area verde adiacente allo sterminato Lake Michigan ideale per trascorrere bei pomeriggi all’aria aperta, passeggiando per i sentieri tracciati nei boschi, andando in mountain-bike o sui pattini.

La terza città più importante del Wisconsin è Green Bay, fondata negli anni ’60 del XVII secolo come stazione per il commercio di pellicce. Il centro, che oggi conta più di 100.000 abitanti, ha conosciuto una grande espansione dal momento in cui divenne prima un porto sul Lake Michigan e, in seguito, un capolinea delle ferrovie del Midwest. La lavorazione ed il confezionamento dei prodotti agricoli divenne presto una delle principali attività industriali, tanto da dare il nome alla leggendaria squadra di football della città: i Green Bay Packers. In relazione alla squadra si può visitare la Green Bay Packer Hall of Fame e la sua ricchissima mostra di cimeli, mentre per chi non ama troppo questo genere di sport il consiglio è di recarsi al National Railroad Museum, dove sono esposte alcune delle più grandi locomotive a vapore del mondo, all’Oneida Nation Museum, dedicato alla storia passata e presente dell’omonima tribù di nativi americani, o al Green Bay Botanical Garden, un grande giardino botanico.

Per gli amanti dell’architettura moderna il nome Racine dovrebbe immediatamente far tendere le orecchie. Quest’ultima è infatti un’anonima cittadina industriale situata 48 chilometri a sud di Milwaukee che, tuttavia, è stata scelta da Frank Lloyd Wright per la realizzazione di due meravigliosi edifici: il Johnson Wax Company Administration Building, che risale al 1939 e che presenta un magnifico spazio con alte colonne svasate verso il basso; e la Wingspread, a ridosso del lago, l’ultima e la più grande delle case in stile Prairie tipico di Wright. In centro si trova invece il Racine Art Museum, che ospita una delle collazioni di artigianato più significative del continente, con una particolare attenzione per le ceramiche, per le fibre di vetro, per i metalli e il legno.

La regione di Monroe è invece quella ideale per coloro i quali volessero iniziare un itinerario “odoroso” tra i molti formaggi di produzione locale. L’intera zona è disseminata di industrie casearie, ed il consiglio è quello di non mancare la visita alla Roth Kase, che produce varietà di formaggio quantomeno insolite, come il “buttermilk blue”, che si possono acquistare presso lo spaccio aziendale, oppure osservare durante le fasi di lavorazione dall’apposita area visitatori.

Door County è invece la zona ideale per praticare un turismo ecologico, a stretto contatto con la natura. Con la sua costa rocciosa, i pittoreschi fari, i frutteti ed i piccoli villaggi risalenti al XIX secolo, la Door County è innegabilmente un angolo incantevole del paese, esteso su una stretta penisola che si protende per poco meno di 100 chilometri sul Lake Michigan. Nonostante il notevole afflusso di turisti nella stagione estiva ed il numero sempre maggiore di nuovi residenti benestanti, lo sviluppo edilizio si è mantenuto entro limiti accettabili e l’ambiente conserva una certa raffinatezza. Una delle zone panoramiche più interessanti è quella intorno a Sturgeon Bay, il principale centro abitato, ma sono molto belli anche Jacksonport, Bailey’s Harbor, Egg Harbor e Fish Creek.

Il clima è temperato freddo, con inverni rigidi ed estati piuttosto brevi ma gradevoli. In gennaio la temperatura media è decisamente bassa, ed oscilla tra i -6 gradi delle aree limitrofe ai laghi fino ai -10/-11 delle città del nord-ovest. In luglio invece, le giornate sono gradevoli, con le massime che si avvicinano ai 30 gradi. Le precipitazioni, nell’ordine degli 800/1000 mm di pioggia all’anno a seconda della regione, tendono ad intensificarsi durante la stagione estiva, da aprile ad agosto, quando cadono in pratica i due terzi del totale. Nei mesi invernali i fenomeni sono spesso nevosi, con depositi al suolo anche consistenti e duraturi.

I principali aeroporti dello stato sono il General Mitchell International Airport (MKE) di Milwaukee ed il Dane County Regional Airport (MSN) di Madison. Il sistema ferroviario è evoluto ed efficiente, tanto che molti cittadini scelgono questo mezzo di trasporto anche per muoversi verso gli stati confinanti. In alternativa, strade ed autostrade consentono una movimentazione facile e veloce, con le interstatali I-39, I-43, I-90 e I-94 che collegano il Wisconsin a Illinois, Iowa e Minnesota.

Foto wikipedia, cortesia: Tim Jacobson, Dan Agne, Dori
  •  

 Pubblicato da - 25 Aprile 2009 - ę Riproduzione vietata

close