Cerca Hotel al miglior prezzo

Mestre (Veneto), la visita alla porta d'accesso a Venezia

Mestre, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Mestre non è mai stata apprezzata quanto meriterebbe. Situata proprio a ridosso della magnifica città di Venezia, questa ne ha da sempre offuscato la fama, oltre che subire la presenza ingombrante della zona industrale del porto di Marghera, con le sue colossali ciminiere. Eppure Mestre, considerata a buon titolo il salotto di Venezia, grazie alla sua bellissima piazza, nella quale ancora oggi si ritrovano giovani e turisti per consumare un allegro aperitivo, ha diversi punti di interesse che possono rendere il soggiorno in città davvero ricco e piacevole.

L'offerta turistica, del resto, è ottima, soprattutto in considerazione del fatto che i prezzi, rispetto alla vicina Venezia, sono decisamente più bassi e i collegamenti frequenti permettono di raggiungere la città della laguna in pochi minuti. Anche per questo motivo Mestre è da sempre un ottimo punto di partenza per visitare Venezia, ma anche il resto del territorio del Veneto.

Questa bella porta d'ingresso, che da l'accesso ai turisti per la Serenissima, è anche un importante centro economico grazie alle sue numerose industrie. Diversi gli spunti di visita della città, dall'elegante Piazza Ferretto alla Piazza XXVII Ottobre, prima Piazza Barche, fino ai bei parchi.

Cenni storici
Nella storia di Mestre ha giocato un ruolo fondamentale la sua posizione geografica che per molti versi ne ha determinato le sorti. Secondo un'antica leggenda la città venne fondata da Mesthle, compagno del re Antenore il quale, fuggito dalla città di Troia, si stabilì in quella che venne poi chiamata da lui stesso Padova assieme a un suo compagno di viaggio, appunto Mesthle. Questi era figlio del re della Paflagonia, Pilemene, e un giorno decise di incamminarsi verso la laguna dove poi fondò una città, Mestre. Per quanto riguarda la storia, invece, la fondazione di Mestre va collocata in periodo romano, sebbene non esistano prove certe di questa teoria. I primi documenti scritti dove viene citata la città sono databili in epoca medievale. Nel XIV secolo Venezia prese il dominio di Mestre per contenerne l'espansione e l'aumento di prestigio. Durante questo periodo si sviluppò un intenso traffico commerciale tra le due città. Mestre passò poi sotto la dominazione austriaca per poi essere annessa al Regno d'Italia nel 1866.

Da fare e da vedere
Sebbene sovente la città sia considerata solamente un punto d'appoggio da cui partire alla scoperta, soprattutto, di Venezia, vale ben la pena di spendere almeno una giornata per visitarla. Le bellezze architettoniche e storiche non mancano, così come quelle naturalistiche. La prima tappa, praticamente obbligata è la Piazza Ferretto, conosciuta anche come Piazza Maggiore. Questo è certamente il punto della città più frequentato dai cittadini, ma anche molto apprezzato dai turisti. Suggestiva la Torre Civica, del XII secolo, l'unica superstite delle 15 torri presenti in città lungo le mura di difesa. Diversi i nomi che questa torre ha assunto durante le varie epoche storiche, tra cui anche Torre dell'Orologio, per l'orologio montato in cima e che ancora oggi resiste al tempo. La torre si può visitare anche al suo interno.

Merita almeno un passaggio anche il Duomo di San Lorenzo, ma da non perdere sono la Piazza delle Barche, oggi chiamata Piazza XXVII Ottobre, e la zona adiacente dove si trova anche il Palazzo del Podestà del 1466, ma ricostruito nell'800 in eseguito a un attacco degli spagnoli che lo distrussero e che oggi ospita gli uffici comunali. Da vedere anche la Chiesa di San Girolamo, tra gli edifici religiosi. Meritano anche le ville e i palazzi signorili tra cui Villa Erizzo e Villa Della Giusta. Prima di andare via un giro tra i parchi vale certamente la pena. Tra tutti Il grande Parco San Giuliano che si estende a ridosso della laguna per circa 700 ettari.

Sagre ed eventi
Diversi gli eventi che si susseguono in città. Tra questi, da alcuni anni, attira un gran numero di turisti il concertone Heineken Jammin Festival che prima si teneva a Imola, ma che dal 2007 è diventato uno degli eventi più amati di Mestre. Durante questo evento si susseguono su un gigantesco palco diversi gruppi musicali del panorama nazionale e internazionale che si esibiscono per tutto il giorno. L'evento si svolge solitamente tra maggio e giugno a seconda delle condizioni atmosferiche.

Cara ai cittadini è invece la Festa di San Michele che si svolge il 29 di settembre. In quest'occasione la città si anima di mercatini stand enogastronomici e spettacoli itineranti. Altro appuntamento di grande richiamo è il Mestre Film Festival, a ottobre, un festival internazionale in cui vengono proiettati cortometraggi in concorso.

Come arrivare In auto
si raggiunge Mestre tramite l'autostrada A4, se si proviene da Torino e Trieste, con la A27 da Belluno e con la A13 da Bologna. Naturalmente dalle altre parti d'Italia basta spostarsi in direzione di queste città e poi prendere le provinciali per Mestre. In treno da tutte le maggiori città, da Mestre si raggiunge in treno anche Venezia. In aereo si può atterrare all'aeroporto Marco Polo di Venezia o al Sant'Angelo di Treviso. Dall'aeroporto Mestre si raggiunge con gli autobus.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close