Cerca Hotel al miglior prezzo

Ajaccio (Corsica del Sud), cosa vedere nella cittą di Napoleone

Ajaccio, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Nel bene o nel male il capoluogo della Corsica, Ajaccio, è la città di Napoleone, il grande imperatore francese che segnò la storia mondiale al passaggio tra il ‘700 e l’800.

La vacanza ad Ajaccio si può fare sia estate, per godere di sole, mare, spiagge e camminate nella natura sia in inverno, periodo nel quale il clima mite favorisce ugualmente piacevoli momenti outdoor. Le magnifiche scenografie offerte dalla sua baia, profonda quasi come un fiordo tra i promontori de la Parata e di Castagna, e dalla città murata genovese circondata dal Borgo, che accoglie i visitatori che arrivano dal mare con traghetti o imbarcazioni private motivano già sufficentemente il viaggio. Per non parlare del resto.

Ajaccio,città dove fare e vedere tante cose
Il centro storico offre i luoghi di maggiore interesse turistico: le antiche vie si aprono a nord e verso sud di Place Foch, a pochi metri dal mare, dal porto e dalla marina.
Nelle vicinanze si trova place de Gaulle, cuore della città, punto nevralgico della circolazione stradale e della viabilità, grazie alla direttrice di cours Napoléon, che si estende parallela al mare per quasi 2 km a nord-est. Ad ovest di place de Gaulle si apre la parte moderna della città di fronte alla spiaggia, che sovrasta, nella sua estremità orientale, la Cittadelle.

In Place de Gaulle (anche chiamata place du Diamant) stupisce la piattaforma di cemento circondata alle spalle da un centro commerciale. L'unica cosa da notare sulla piazza è l'enorme statua equestre di bronzo, commissionata da Napoleone III nel lontano 1865.

Coloro che amano Napoleone, possono compiere un percorso tra i luoghi che lo hanno visto protagonista. Si può iniziare con un una passeggiata di 1 km fino al Cours Grandval, l'ampia strada che si muove ad ovest di place de Gaulle e termina in una piazza, Jardins du Casone, dove si tengono spettacoli in estate. Un impressionante monumento a Napoleone domina la piazza, con inscritti i nomi delle sue tante battaglie (foto).

Place Foch rimane situata nel cuore della vecchia Ajaccio. Una deliziosa piazza ombreggiata, digradante verso il mare in cui si allineano caffè e ristoranti, e cornici di palme. Da segnalare una fontana di quattro leoni di marmo che fa da basamento alla onnipresente statua di Napoleone, opera dello scultore Maglioli.

A nord di Place Foch si trova l'Hôtel de Ville, una costruzione del 1826, luogo ideale per i nostalgici del grande Napoleone: al primo piano si trova il Salon Napoléonien che contiene una interessante copia della maschera di morte dell’ex-imperatore, insieme ad una solenne serie di ritratti della famiglia Bonaparte ed alcuni busti. Una sala medaglia più piccola ha un frammento della bara di Napoleone e parte del suo guardaroba, oltre che ad un modello della nave che ha portato il suo corpo dall’isola di Sant’Elena, e una foto della casa dove morì.

Ogni giorno della settimana, compreso il sabato mattina (e la domenica durante il periodo estivo), la piazza proprio dietro all'Hôtel de Ville ospita un piccolo mercato di prodotti freschi dove si possono acquistare prodotti provenienti da tutta l'isola, tra cui il liquore di mirto, formaggi, carne di cinghiale, oltre che ortaggi e legumi freschi, frutta e fiori.

Da qui si può imboccare la rue Cardinal-Fesch, una strada serpeggiante piena di negozi, bar e ristoranti. A circa metà di questa strada si trova il Musée Fesch che ospita un gran numero di dipinti, molti dei quali derivano dai saccheggi dell’esercito francese durante le campagne in Italia, Olanda, e Germania. Tra i vari segnaliamo belle opere del Tiziano, di Raffaello, Botticelli, del Veronese e del Bellini. Sempre dal museo si può accedere alla stupenda Chapelle Impériale che contiene una cripta dove sono sepolti vari membri della famiglia Bonaparte.

Muovendosi invece a sud di Place Foch, si arriva a a rue Bonaparte, il principale percorso attraverso questo quartiere. Costruita sul promontorio de la Citadelle, le strade mantengono un fascino antico più di qualsiasi altro luogo.
Qui si trova la casa natale di Napoleone, la colossale Maison Bonaparte, che si apre sulla Place Letizia. La casa merita la visita per alcuni oggetti interessanti, pezzi di arredamento, mappe storiche, e curiosità inerenti a Napoleone.

Napoleone fu battezzato nel 1771 a la cerimonia si svolse nella Cattedrale cittadina, situata in rue Forcioli-Conti. Il tempio fu costruito cercando di imitare la Basilica di San Pietro a Cità del Vaticano, certamente in scala ridotta, e contiene ancora il fonte battesimale dove Napoleone ricevette il Sacramento all'età di circa due anni. Tra le varie opere che troviamo all’interno segnaliamo un bel dipinto di Delacroix.

Di fronte al museo si trova la bella Citadelle, una fortezza esagonale con una torre che si erge su di un ampio promontorio in mare. Si trova vicino alla spiaggia cittadina, plage St-François, una bella ma breve distesa di sabbia dorata facilmente accessibile dal boulevard Danielle-Casanova.

La Chiesa di S. Erasmo conserva il culto del santo, patrono dei navigatori e pescatori, al quale ogni anno viene dedicata una processione in barca resa suggestiva dal lancio dei petali nelle acque. La chiesa è curata da una sorta di fratellanza, versione attualizzata delle antiche corporazioni sviluppatesi in Corsica, alla quale è affidato il compito di proteggere e tramandare antiche tradizioni religiose fra cui l’organizzazione della via Crucis al venerdì santo.

Le 16 spiagge di Ajaccio rappresentano un patrimonio naturale che vale la pena ammirare. Quelle di San Francesco, Trottel e del Lazaret sono urbane, facilmente accessibili anche a piedi. La piaggia di Sant’Antonio, detta di Capo di Feno, è paradiso dei surfer e degli amanti della natura selvatica. Ad Ovest il golfo di Lava ospita una magnifica spiaggia di sabbia bionda.

A Nord-Ovest del Golfo di Ajaccio, si erge la punta della Parata, penisola dominata da una roccaforte costruita dai Genovesi nel 1608, dalla quale prosegue un magnifico arcipelago di isolotti molto frazionati, le isole Sanguinarie, paradiso di uccelli marini e delfini. In estate è possibile raggiungerle in battello dal porto Tino Rossi. Il loro nome pare derivi dalla luce porpora che tinge di rosso le rocce al tramonto. Altre leggende legano il termine alla presenza nelle isole dei pescatori di corallo, soprannominati “sanguinari” in quarantena, altre ancora lo mettono in relazione alla vicinanza del golfo di Sagona sede di arcivescovado nell’anno 1200.

Dal centro della città di Ajaccio, seguendo il cammino delle Creste è possibile raggiungere i rilievi delle isole Sanguinarie in tre ore di cammino godendo di sole, natura e viste mozzafiato.

Il clima di Ajaccio, particolarmente mite per la sua posizione nel cuore del golfo di Genova, fra la Costa Azzurra e quella Africana, rende la città meta di vacanze sia estive sia invernali. Le calde giornate sono mitigate dai regimi di brezza. Fra la metà di luglio e la prima dedica di settembre le temperature raggiungono stabilmente il valore di 24 °C. In inverno le massime si mantengono in genere tra i 12-14 °C. Le piogge più abbondanti si concentrano tra ottobre e dicembre, con picco nel mese di novembre.

I collegamenti di Ajaccio (dal greco Agation: buon porto) sono garantiti dalla presenza dell’aeroporto internazionale di Campo dell’Oro, situato sul lato orientale del golfo di Ajaccio, appena a nord della foce del fiume Gravona. Ajaccio possiede anche un importante porto turistico e commerciale. Ci sono collegamenti con traghetti con i porto di Marsiglia, Nizza e Tolone per quanto riguarda le destinazioni Francesi, mentre i collegamenti con l’Italia comprendono corse su Genova e Porto Torres, con un incremento durante la stagione estiva che vede l’aggiunta del porto di Savona.
In alternativa, soluzione se vogliamo ancora più rapida, si può traghettare su Bastia, e da qui prendere la strada N 193 che s’addentra per 68 km all’interno della Corsica, dapprima in direzione di Corte, e poi dopo altri 84 km fino a raggiungere Ajaccio sulla costa ovest della Corsica.
  •  

 Pubblicato da - 26 Ottobre 2008 - © Riproduzione vietata

18 Dicembre 2017 Cosa fare a Guadalupa: una settimana nei ...

Paradiso caraibico e parte di quelle Antille che punteggiano l’oceano ...

NOVITA' close