Cerca Hotel al miglior prezzo

Gran Canaria: Clima, Temperature, Trasporti e informazioni utili

Gran Canaria, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Le Isole Canarie, note sin dall’antichità per il loro clima mite e per secoli denominate Isole Fortunate, erano per la letteratura classica la sede dei Campi Elisi e del Giardino delle Esperidi. Omero, Esiodo, Platone, Plinio e Plutarco parlavano in termini mitici o storici di un gruppo di isole ove, grazie alla benignità dei venti, non esistevano né le stagioni, né i rigori climatici del freddo e del caldo. Il clima delle Canarie, spesso definito “eterna primavera”, con un’escursione annua ridotta a soli 6 - 8 gradi, consente infatti di godere di una temperatura quasi costante per tutto l’arco dell’anno. Sulla costa, che ospita numerosi centri balneari - il termometro oscilla fra i 18 e i 20ºC in inverno e fra i 24 e i 26ºC in estate.

Grazie alla mitezza del clima, l’orografia accidentata delle isole rende possibile la coesistenza di un’infinità di microclimi che determinano una varietà paesaggistica davvero curiosa, sia sotto il profilo della flora che del rilievo. Il nord, più fresco e umido, presenta una vegetazione lussureggiante mentre il sud, riparato dai venti alisei grazie alle montagne elevate, ha un clima più caldo e soleggiato. I cieli di questa zona, in cui si trovano gran parte delle spiagge e delle località turistiche, rimangono tersi quasi tutto l’anno, poiché le nubi provenienti da nord non riescono a oltrepassare la barriera montuosa dell’entroterra.

Oltre a confermare la clemenza climatica caratteristica dell’arcipelago, Gran Canaria è dotata di peculiarità proprie, che ne fanno una meta turistica privilegiata. Con i suoi 236 chilometri di coste, 50 chilometri di diametro e un’altitudine massima di 1.950 metri, Gran Canaria, il cui nome designa, per estensione, l’intero arcipelago, racchiude nella sua geografia i contrasti paesaggistici di tutte le isole. Posta tra le isole di Tenerife e Fuerteventura, si colloca giusto a metà strada tra le due tipologie che caratterizzano l’arcipelago: da una parte, le isole occidentali, con Tenerife, La Palma, La Gomera ed El Hierro, di maggior rilievo e varietà, verdi e atlantiche; dall’altra, Lanzarote e Fuerteventura, contraddistinte da una maggiore aridità, rilievi più bassi e geologicamente più antichi che hanno permesso, ciononostante, la formazione di spiagge estese. Grazie a questa sua posizione privilegiata, Gran Canaria ospita sulla sua superficie accidentata di 1.532 chilometri quadrati, il verde e l’esuberanza delle isole occidentali e la tranquilla costa sabbiosa delle isole orientali. Sotto questo profilo, la sua fama è tanto vasta che le è valsa il soprannome di “continente in miniatura”: difficilmente si potrà rinvenire, in un territorio così piccolo e accessibile, pari varietà di paesaggi.

Gran Canaria dispone, altresì, di un’infrastruttura turistica di primo piano, con oltre 150.000 posti letto in alberghi e appartamenti, nonché di tutti i servizi e gli svaghi tipici di una importante meta turistica su scala europea. In quest’isola il visitatore non sarà costretto a scegliere tra spiaggia e campagna: da tutte le località costiere si può usufruire di spiagge meravigliose, praticare il trekking e l’ecoturismo in un ambiente esotico e vario nonché conoscere da vicino la storia di un popolo davvero unico, a metà strada tra Europa, Africa e America. Il tutto a 22º C.

Temperature medie annuali: Primavera (maggio) 20.6 ºC Estate (agosto) 24.2 ºC Autunno (novembre) 24 ºC Inverno (febbraio) 19.5 ºC Ora: Le Canarie adottano l’ora di Greenwich: stessa ora della Gran Bretagna e una in meno rispetto al resto dell’Europa occidentale.

Come spostarsi tra le isole: Da Gran Canaria, le altre isole dell’arcipelago sono facilmente raggiungibili in aereo, ferry o aliscafo. Aereo- Voli quotidiani della compagnia Binter su tutte le isole (a La Palma ed El Hierro via Tenerife), tranne La Gomera, sprovvista di aeroporto. Ferry - Servizio giornaliero di traghetti della società Trasmediterránea, in partenza dal porto di Las Palmas de Gran Canaria e che collega le sette isole dell’arcipelago. La compagnia Fred Olsen, offre quattro partenze giornaliere dal porto di Agaete verso Santa Cruz de Tenerife. liscafo - Cinque partenze giornaliere per Santa Cruz de Tenerife e una partenza giornaliera per Morro Jable. La compagnia Naviera Armas collega Gran Canaria alle isole di Tenerife, Lanzarote e Fuerteventura. Come arrivarci Voli di linea sulle principali città della Spagna e del resto d’Europa. Dall’aeroporto parte un servizio di autobus per Las Palmas de Gran Canaria, ogni 20 min.

Come spostarsi sull’isola In pullman (guagua) - Dall’autostazione (Estación de Guaguas) de Las Palmas de Gran Canaria (antistante il Parco San Telmo), partono pullman verso qualsiasi punto dell’isola. In taxi - Alcuni taxi offrono escursioni sull’isola a tariffe speciali. Auto a noleggio- L’isola conta un’infinità di agenzie di autonoleggio a prezzi relativamente economici. Alcuni di tali agenzie dispongono di ufficio presso l’aeroporto.

Lungo le coste di Gran Canaria, è tuttora operante un gran numero di piccole imbarcazioni adibite alla pesca litoranea: recandosi nel posto giusto, si potrà degustare pesce fresco. A questo riguardo, è consigliabile, anche se non essenziale, che il luogo prescelto sia dotato di un piccolo porto per la pesca, poiché le piccole quantità di pesce catturato vengono, generalmente, distribuite tra i ristoranti dei dintorni. Le specie pescate di consueto sono il labro, il pagello, il pesce saltatore, la murena e la vieja. Quest’ultimo è assai apprezzato: si tratta di un pesce bianco la cui carne fine assomiglia a quella dei crostacei. La preparazione del pesce può variare, sebbene venga in prevalenza fritto o preparato alla griglia e servito, per lo più, con patate e mojo verde (una specie di salsa verde) al coriandolo.

A parte Las Palmas de Gran Canaria, al porto di Mogán e a quello de las Nieves, ad Agaete, nella parte nord occidentale dell’isola, si potrà degustare più facilmente pesce fresco nei numerosi ristoranti specializzati, quasi sempre ubicati nei pressi delle banchine. Oltre al pesce, è d’obbligo assaggiare il resto delle specialità della cucina delle Canarie: il potaje de berros con gofio (minestra di crescione con farina grossa tostata) il rancho, lo stinco di maiale arrosto, le carajacas, la carne di maiale fritta, i formaggi di Guía o de La Cumbre, e, per i dessert, il bienmesabe, i suspiros e il frangollo.

Per molti anni, il turista che si recava a Las Canteras soleva trascorrere il suo tempo crogiolandosi al sole e passando in rassegna le vetrine dei numerosi negozi dei dintorni. La creazione del porto franco di Las Palmas de Gran Canaria, avvenuta nel 1852, portò alla nascita di un settore commerciale tutt’altro che trascurabile, che metteva a profitto la bassa imposizione fiscale e il continuo flusso di merci provenienti da tutto il mondo. Fu così che fecero la loro comparsa soprattutto negozi di strumenti elettronici, prodotti tessili di importazione e tabacchi, chiamati “negozi degli indiani” per la nazionalità dei titolari ivi approdati verso la metà del secolo, che diventarono ben presto famosi per i loro prezzi irrisori.

Oggi, in seguito all’adesione all’Unione Europea, il porto franco ha interrotto le sue funzioni e i dazi di importazione sono maggiori. Malgrado ciò, gran parte di questi negozi sono tuttora aperti perché, pur non potendo offrire prezzi vantaggiosi come in passato, usufruiscono comunque dello speciale regime fiscale di cui godono le Canarie, i cui tassi sono considerevolmente più bassi se rapportati al resto dell’Unione Europea, Spagna peninsulare compresa. L’offerta è pertanto ancora varia e competitiva. I famosi “negozi degli indiani” sono ubicati tra la spiaggia e il Parco di Santa Caterina.

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  
12 Dicembre 2017 La mostra di Frida Kahlo a Milano, Museo ...

La passione, l’arte, la femminilità, il profondo amore per ...

NOVITA' close