Cerca Hotel al miglior prezzo

Quando il Santo diventa un motivo per viaggiare: le feste religiose pił famose

Pagina 1/2

  • Makar Sankranti gli aquiloni dell'india
  • Setsubun Giappone
  • San Patrizio Dublino
  • Saint George Day Londra
  • San Isidro Madrid
  • Sankt Hans Copenaghen
  • Dia de Santiago de Compostela
  • Cavalcata di Sant Oronzo
  • San Gennaro Festiva New York
  • Diwali Mauritius
  • St Andrew Day Scozia
  • Festa di San Nicola Praga
Ci sono molti motivi per viaggiare: lo si può fare per ragioni culturali, come anche se si è appassionati di natura, o semplicemente per rilassarsi su di una spiaggia solitaria in qualche isola deserta. Ma molti viaggiano anche con motivazioni spirituali, se non anche per dei veri e propri pellegrinaggi in santuari o basiliche di vari angoli del pianeta. Ma non pensate che le ragioni religiose possano interessare solamente a dei credenti o dei devoti di un particolare santo: le feste religiose spesso sono la scusa per scoprire degli aspetti folcloristici di una città o di una nazione, e spesso a questi eventi si correlano dei festival e spettacoli che possono rendere ancora più bello il vostro viaggio.

Ecco allora una raccolta di 12 festività religiose nel mondo, una per ogni mese dell'anno, non le classiche feste comandate, ma quegli eventi che possono rendere ancora più affascinante una destinazione turistica e che sono in grado di rendere più originale, o addirittura indimenticabile la vostra vacanza.

Makar Sankranti, metà Gennaio (14-15) in India
Gennaio è il momento giusto per un viaggio in India, siamo nel periodo del monsone secco e l'atmosfera è sicuramente più gradevole e meno appiccicaticcia. Questo particolare festival ha ragioni astrologiche: si celebra al passaggio del sole dalla costellazione dal Sagittario a quella del Capricorno. Dato che per l'appunto è regolato dal muoversi del sole, questa è una delle poche feste indiane che non cambia di data, dato che accade sempre 21 giorni dal solstizio di inverno. Il Makar Sankranti è uno dei giorni più importanti per gli indù e viene celebrato in quasi tutte le parti dell'India, in una miriade di forme culturali, e con grande devozione. Milioni di persone si bagnano in luoghi come Ganga Sagar (il punto in cui il fiume Gange incontra il Golfo del Bengala) e a Prayag dove pregano il Dio Sole (Surya). Si celebra con sfarzo anche nelle regioni meridionali dell'India come il Pongal, in Punjab, ed a Maghi. Nello stato occidentale del Gujarat, i festeggiamenti sono ancora più grandi: le persone offrono migliaia di loro oblazioni colorate al Sole in forma di variopinti aquiloni. Davvero l'occasione di vedere un particolare aspetto dell'India!

Festa di Setsubun, 3 Febbraio in Giappone
A febbraio la festa religiosa più originale si svolge nel Giappone, e più precisamente ad inizio del mese (il giorno 3) quando migliaia di fagioli vengono lanciati in cielo come esorcismo contro il male ed auspicio dell'arrivo della buona stagione. Questo rito, conosciuto con il nome di “mameraki”, fa parte della cosiddetta Festa di Primavera. Per vedere questa antica consuetudine, basta recarsi nei templi buddisti e shintoisti in tutto il paese, dove si tengono i festeggiamenti per il Setsubun. I sacerdoti e gli ospiti gettano in aria i semi di soia tostati (alcuni avvolti in foglie d'oro o argento), ma anche più semplicemente piccole buste con denaro, dolci, caramelle ed altri premi. Alcuni indossano un maschera diabolica a rappresentare il male. In alcuni santuari più grandi vengono invitate anche celebrità come anche gli spettacolari lottatori di sumo. Vista l'importanza della manifestazione sono tantissimi i visitatori e molti di essi partecipano attivamente al lancio propiziatorio, come potrete fare anche voi!

San Patrizio, 17 marzo a Dublino, in Irlanda
Se c'è un momento speciale per vedere Dublino, questo è proprio il 17 marzo, quando la città si trasforma per festeggiare il suo santo patrono: è l'attesissimo St. Patrick Day! San Patrizio morì in Irlanda proprio il 17 di marzo, dopo avere evangelizzato l'isola. Secondo la tradizione è grazie a lui che non esistono serpenti in Irlanda, e la leggenda voule che il santo utilizzasse il tipico trifoglio irlandese per spiegare ai celti il mistero della Trinità. Nel giorno che ricorda la sua morte si svolge in tutto il paese, ma soprattutto a Dublino, una coloratissima parata di strada (Peoples's Parade) con circa 8.000 figuranti che si muoveranno per un percorso di circa 2,5 km nelle strade del centro, in una cornice di centinaia di migliaia di spettatori. La sfilata è solo il principale dei vari momenti che caratterizzano il St. Patrick Festival, che si svolge in genere dal 14 al 18 marzo. Ci sono concerti, spettacoli di strada, un carnevale di strada, ed una caccia al tesoro che vi faranno scoprire una Dublino come mai avete visto!

St George Day, 23 Aprile Londra
Tutti sanno quanto sia importante il mito di san Giorgio ed il drago nei paesi anglosassoni, e a Londra il giorno di San Giorgio, che ricorre il 23 di aprile, rappresenta uno degli eventi più importanti della primavera londinese: L'evento ufficiale di Londra si svolge sicuramente a Trafalgar Square, la piazza dedicata a Orazio Nelson ed alla sua vittoria contro i francesi, nella battaglia navale di Cabo Trafalgar. Qui i festeggiamenti includono un intrattenimento gratuito con musica dal vivo sul palco principale, ma anche bancarelle con cibo e prodotti tipici, ed attori di strada che si cimentano con spettacoli tipicamente inglesi. In quella data si festeggia anche il compleanno di William Shakespeare, e allora essere qui a Londra comporta un doppio vantaggio! Il Shakespeare's Globe Theatre, sulla sponda sud del Tamigim ospita una serie di attività celebrative in teatro per legare l'anniversario al giorno di San Giorgio. Workshop e divertimenti con giochi interattivi riescono a coinvolgere in questo evento tutte le generazioni, dai più giovani agli anziani.

San Isidro, 15 maggio a Madrid
Secondo la leggenda San Isidro riusci a salvare nientedimeno che un re: Filippo II soffriva di una gravissima malattia, ma grazie al santo, che gli portò dell'acqua da lui benedetta, ebbe la remissione completa del morbo. Per questo motivo, da allora, San Isidro è diventato un vero simbolo della capitale della Spagna. Fu canonizzato nel 1622, e da allora viene celebrato ogni anno a metà del mese di maggio, sia con processioni di fedeli, che anche in modo decisamente pagano, con vari spettacoli musicali per le strade di Madrid. Un vero fedele, nel giorno del 15 maggio, vuole bere un po' dell'acqua santa, ama vestirsi in modo tradizionale con giacchino e cappello, mentre le donne vestono con velo e scialle, ed ovviamente tutti partecipano a qualche tradizionale evento di tauromachia nella Plaza de Toros de Las Ventas. Con le temperature gradevoli della primavera, è un'ottima occasione di visitare la capitale della Spagna in uno dei suoi momenti migliori.

Sankt Hans, 23 giugno a Copenaghen
Con le giornate più lunghe, intorno al solstizio estivo in nord Europa, la Danimarca diventa una meta di viaggio molto attraente, e le ore di luce consentono dei programmi di viaggio più ricchi di opportunità culturali. La notte del 23 giugno, la vigilia di San Giovanni, c'è la tradizione in molti luoghi d'Europa di accendere dei falò, i famosi fuochi di San Giovanni. Anche la Danimarca non è esente da questi riti ed anche nella capitale Copenaghen si celebra il santo con dei roghi, che di fatto celebrano una “festa di mezza estate”. Il luogo migliore per vivere questa serata magica è il parco di Amager Strandpark, che si trova in riva la mare, nella parte orientale della capitale danese, in realtà una spiaggia artificiale. Qui si svolgono concerti, spettacoli, viene acceso un fuoco su cui viene bruciato un fantoccio che rappresenta una strega. Altri luoghi della città che celebrano Sankt Hans sono i Giardini di Tivoli, Nyhavn ed i giardini di Frederiksberg Have.
... Pagina 2/2 ...
San Giacomo, 25 Luglio a Santiago di Compostela, Spagna
Il cosiddetto Dia de Santiago è una vera istituzione a Santiago de Compostela, la città della Galizia dove riposano i resti di San Giacomo Maggiore, uno degli apostoli di Gesù. L'evento culmina con i festeggiamenti del 25 luglio, ma le due settimane precedenti sono un crescendo di eventi ed appuntamenti: mostre d'arte, produzioni teatrali, concerti interni ed esterni di tutti i tipi di musica e spettacoli di strada, diprofessionisti e dilettanti. Quasi ogni sera ci sarà qualcosa da fare nelle piazze principali della città e cioè Plaza de la Quintana e Plaza del Obradoiro. La sera del 24 luglio, in Plaza del Obradoiro, si svolge il Fuegos del Apóstol, uno show incredibile di fuochi pirotecnici che vedono il lato della cattedrale drammaticamente ed indimenticabilmente illuminato e a mezzanotte.
Sarà l'occasione giusta per vedere all'opera il gigantesco incensiere, il Botafumeiro, che viene fatto oscillare in modo incredibile tra le navate della cattedrale, quasi a toccare i soffitti a volta. Molti poi tendono ad organizzare il proprio pellegrinaggio sul Cammino di Compostela (di solito gli ultimi 100 km) prevendendo l'arrivo proprio per la vigilia della solennità.

Cavalcata di Sant'Oronzo, 25 -26-27 agosto ad Ostuni
Ad agosto del prossimo anno potremmo tenere in serbo qualche giorni di ferie per trascorrerli nel Salento, dove un appuntamento religioso accende di vitalità la cosiddetta città bianca: Ostuni .Qui sono tre i giorni di festa, dal 25 al 27 del mese, tutti dedicati al Santo, il primo vescovo di Lecce, che secondo la tradizione salvò la città dalla peste nel 17° secolo. Una colonna barocca in piazza della Libertà, che separa la Ostuni moderna da quella del centro storico, ricorda il santo protettore di quel triste evento cittadino. La manifestazione, che vede coinvolta emotivamente tutta la città di Ostuni, consiste di una processione della statua in cartapesta di Sant'Oronzo, trainato da un cavallo ed un carretto riccamente decorati. Il tutto conduce la statua fino alla bella cattedrale di Ostuni, posta in cima al borgo tutto bianco di calce. Un evento che sa di antico in un contesto architettonico di rara bellezza.

San Gennaro Festival, 19 Settembre a New York
Si tratta di un esempio di esportazione di Santo: nel lontano 1926 dei napoletani emigrati a New York City, in piena Little Italy a Manhattan, iniziarono a festeggiare il loro patrono con una processione in Mulberry Street ed una messa presso la chiesa del Preziosissimo Sangue(Most Precious Blood Church). Da allora ogni anno, la settimana precedente al giorno di S. Gennaro, il 19 di settembre, la strada di Mulberry Street viene chiusa al traffico e qui si svolgono numerose e colorate parate (parades) che culminano con la Grand Procession della statua del santo, che in genere si tiene il sabato. Inutile sottolineare che numerose bancarelle alimentari, ricche di prodotti italiani, riempiono la strada di colori e profumi. Non è comunque l'unica festa di San Gennaro nella Grande Mela, dato che anche nel Bronx, nel Belmont, viene organizzata una festa parallela. Sa qualche anno, poi, anche la città di San Francisco in California organizza un importante San Gennaro Festival.

Diwali Festival, metà Ottobre – metà novembre a Mauritius
Originaria dell'India il Diwali, la "Festa delle Luci", noto anche come Dipavali, è così popolare sull'isola che è stata proclamata festa nazionale pubblica a Mauritius. Non solo è un evento tipico della comunità indù (comunque il 52% della popolazione!) ma oggi coinvolge trasversalmente la società, comprese le comunità creole, cinesi e cristiane. Forse, dopo l'India, l'isola di Mauritius è il luogo migliore dove vivere lo spirito di questa festa religiosa. Il Diwali segna la vittoria di Rama su Ravana e commemora anche la distruzione del del demone Narakasuran da parte di Krishna . Lampade di terracotta, alimentate ad olio, e candele vengono poste di fronte a ogni casa e trasformano l'isola in un paese delle fate, trapuntato di luci tremolanti. Ad esse si aggiungono anche dei fuochi e petardi, che servono a scacciare il male dalla notte. Oltre a celebrare la vittoria del bene sul male e della luce sulle tenebre, le luci simboleggiano anche l'inizio dell'estate mauriziana. Il giorno principale della festa è anche l'occasione per fare shopping sull'isola e per gustare i dolci della tradizione indiana, preparati dopo le preghiere del mattino ed offerti lungo le strade.

St Andrew's Day, 30 Novembre in Scozia
La Scozia a novembre possiede un fascino enorme, duro e tenebroso, e in cui il vento e la luce bassa rendono ancora più unici i suoi paesaggi particolari. Il 30 del mese è poi la festa del Patrono di Scozia, Sant'Andrea, la cui croce campeggia nella bandiera nazionale, e quindi ci sono appuntamenti in varie località scozzesi. A Glasgow potrete godere di una festa in piazza gratuita (Glasgow Loves St. Andrews Day) a tema scozzese, con uno tradizionale spettacolo “ceilidh” e poi musica dal vivo, divertimento per le famiglie, teatro di strada, racconti, film e molto altro ancora. Il Winter Bar Café offrirà un menù delizioso con haggis (insaccati di pecora), neeps 'n' tatties (sformati di patate), e brodo caldo scozzese, l'ideale per riprendersi dal clima freddo della Scozia. E' anche l'occasione di provare una selezione di birre scozzesi e dei corroboranti punch caldi. Un altro atteso evento si svolge ad Edimburgo, con il Carnival at the Castle, dove alla sera ci sarà occasione per danze di tipo contemporaneo, spettacolo di luci, fuochi d'artificio e un tocco unico al suono delle celebri Pipes snd Drums, le cornamuse e tamburi scozzese che si esiberanno sulla spianata dell'iconico castello di Edimburgo.

San Nicola (Mikuláš), 5 dicembre a Praga
Se vi trovate a Praga durante l'avvento, è facile incontrare uno “strano trio” sulle strade della capitale della Repubblica Ceca. Una specie di Babbo Natale, un Angelo ed un Diavolo si muovono alla ricerca dei bambini. San Nicola, con il cappello da vescovo ed una barba simile a quella di Santa Claus, interroga i più piccoli sul proprio comportamento tenuto durante l'anno. In caso di risposta positiva i bambini ricevono dall'angelo una ricompensa, del tipo di dolcetti, semplici doni e caramelle, e ovviamente tutti loro dicono di si, dato che al contrario potrebbero essere ricompensati con del carbone e delle patate, od addirittura portati via, in un sacco, dal diavolo! In realtà sono molti i personaggi di questa rappresentazione che si vedono vagare in giro per Praga, sia lungo le strade che nei centri commerciali, che anche nei vari mercatini di Natale, che contribuiscono a creare una vera atmosfera di festa in città. Tra i vari non perdetevi il mercatino della piazza centrale della Praga Vecchia, Staromestke Namesti, il più grande e con tante bancarelle ricche di artigianato e deliziosi prodotti gastronomici, un modo forse poco spirituale, ma molto piacevole per vivere il vostro periodo di Avvento!

 Pubblicato da il 13/11/2012 - 6.574 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
27 Febbraio 2017 La Sagra della Cipolla rossa di Breme

Un piccolo borgo medievale di circa 800 anime nel cuore della Lomellina ...

NOVITA' close