Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Antalya

Antalya, vacanza sulla costa mediterranea della Turchia

Pagina 1/2

Antalya è una grande e moderna città che domina il golfo di Antalya, sulla costa mediterranea della Turchia, che ha una splendida spiaggia di ciottoli che si allunga fino ai monti Bey. Può vantare bei musei, bar, ristoranti e locali notturni, pur conservando l'antico quartiere di Kaleiçi, il centro storico di origine romana-ottomana. Antalya è raggiungibile in aereo e in autobus. Nei dintorni, visitate Perge, Aspendos, Side, Termessos, Phaselis e Olympos.

In città visitate lo Yivli Minare, insolito minareto selgiuchide dell'inizio del XIII secolo, che oggi ospita la Galleria delle belle Arti. Dello stesso periodo è il Monastero dei Dervisci Rotanti, o Mevlevi tekke; nei pressi vi sono la torre dell'orologio e due tombe del XIV secolo. Da qui potete godere un panorama spettacolare della baia, dei Monti Bey e di Kaleiçi, la vecchia città.

Addentratevi quindi nella zona vecchia: vi troverete moschee (la Korkut e la Tekeli Mehmet Paşa); eleganti case ottomane, restaurate e convertite in pensioni e negozi; il porto romano, restaurato negli anni '80 e utilizzato per le barche da escursioni e circondato da ristoranti costosi, taverne e bei negozi; il Kesik Minare, o Minareto Reciso, che in origine (II secolo) era una chiesa romana, poi convertita in chiesa bizantina ed infine in moschea nel XIII secolo; la Hidirlik Kulesi, una torre del I sec d.C. dell'antica cinta muraria, alta 14 m; la Porta di Adriano (Hadrianüs Kapisi) o Tre Porte; infine fate una bella passeggiata al parco Karaalioğlu.

Visitate il museo di Suna e Inan Kiraç di Kaleiçi, dove troverete sale dedicate alla vita familiare in epoca ottomana, ceramiche turche conservate nella suggestiva ex chiesa greco-ortodossa di Aya Yorgo (San Giorgio) e fotografie. Fuori dal centro vi è il Museo di Antalya, con fossili, opere d'arte di epoca classica e poi cristiana, mosaici turchi, materiale etnografico dell'era ottomana e una notevole collezione numismatica.

Come ogni città turca, anche Antalya ha i suoi hammam: il Balik Pazari Hamam e il Sefa Hamam sono stati restaurati di recente. Potrete però divertirvi anche nella moderno parco acquatico più grande del Medio Oriente, il Dedeman Aquapark. Ma la fama di meta turistica di Antalya non deriva certo da questo, bensì dalle sue splendide spiagge: le più notte sono la ciottolosa Konyaalti Plaji e la ben più bella Lara Plaji. Approfittate delle escursioni in barca per visitare il golfo, altre spiagge e le cascate del Basso Düden.

Nei dintorni, potete visitare il sito di Termessos, all'interno del Parco Nazionale dei Monti Güllük, con i suoi resti di templi, teatro, agorà, gymnasium, necropoli e tombe.

... Pagina 2/2 ...Nella grotta di Karain, invece, i reperti archeologici trovati testimoniano che questo sito fu ininterrottamente occupato per 25.000 anni; un museo mostra quanto vi fu trovato.

Perge, a 15 km da Antalya, è una città molto antica di cui restano numerose rovine: il teatro, lo stadio, le terme, l'agorà, le porte ellenistiche e romane e l'imponente via colonnata.

Aspendos, di origine ittita (800 a.C.), si chiamava Panfilia. Le rovine oggi visibili sono invece di origine romana: il teatro del I sec. d. C., il più bello tra i teatri ellenistici e romani dell'Anatolia, lo stadio, l'agorà, una basilica e l'acquedotto.

Dodici chilometri a sud di Antalya, a Lara, è possibile ammirare (dopo le piogge) il tuffo del fiume è il Dünen (Duden) nel mare. Questa è infatti una delle poche cascate al mondo, di un fiume che si getta in mare.

Selge è il sito di un'antica città romana, immerso in un panorama spettacolare d'alta montagna, con formazioni rocciose che ricordano quelle degli Stati Uniti sud-occidentali (il Köprülü Kanyon). In zona è possibile anche fare rafting ed escursioni, sia in canoa che a piedi.


loading...
22 Marzo 2017 La Settimana Santa di Polistena

Certamente tra le più famose celebrazioni per la Settimana Santa ...

NOVITA' close