Cerca Hotel al miglior prezzo

Il teatro di Aspendos presso Antalya, Turchia meridionale

Aspendos, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Nel sud della Turchia si trova una delle rovine archeologiche più belle di tutta la penisola anatolica. A circa metà strada tra Antalya e Side, Aspendos vanta il miglior conservato teatro romano in Turchia, e forse uno dei migliori in assoluto al mondo.

Situato sulla pianura della Panfilia a circa 47 km ad est di Antalya e 37 km a ovest di Side (mappa), Aspendos si trova a circa 4 km all’interno rispetto alla linea di costa ed adiacente al torrente Köprü Çayi. Il modo migliore e rapido per raggiungerlo è volare su Antalya, noleggiare un auto e percorrere la D-400 in direzione di Manavgat fino alla località di Serik. Da qui superato il centro, pochi metri prima di oltrepassare il ponte sul torrente Kopru si gira a sinistra e si raggiunge il sito di Aspendos.

Il sito archeologico è meglio visitabile in primavera ed in autunno, quando le temperature risultano meno proibitive. E’ però vero che molte visite vengono compiute in estate, dai villeggianti che si prendono una mezza giornata di pausa dalle giornate passate in spiaggia. Nel caso allora meglio visitare Aspendos alla mattina presto, quando il caldo è ancora sopportabile. In luglio ed agosto infatti le temperature possono raggiungere valori di 34-35 °C nel pomeriggio, rendendo piuttosto stancante la visita del sito.
Anche l’inverno presenta temperature miti e consentono di visitare senza problemi Aspendos, ma spesso piove, specie nei mesi a cavallo di dicembre e gennaio.

Cosa vedere e cosa fare ad Aspendos?
La storia di Aspendos inizia prima dell’impero romano: fu fondata dagli Ittiti e all’epoca portava il nome di Belkis. Ma fu con il regno dell’imperatore Aurelio (161-180 d.C. che Aspendos divenne un centro importante, come ci testimonia il bellissimo Teatro voluto proprio dall’imperatore.

Il teatro è una opera grandiosa, ed è ancora oggi utilizzato per spettacoli, e quindi consente non solo di immaginare ma anche vedere e partecipare agli spettacoli e rivivere le magiche atmosfere di un tempo.
Il Teatro è ben conservato grazie anche ad un restauro voluto da Ataturk che era rimasto impressionato dalla bellezza del luogo.

Le rovine presenti nel resto del sito includono i resti di un acquedotto romano (notevoli in alvuni tratti del percorso) e alcune rovine meno imponenti tra cui un agora, una basilica e lo stadio, immersi nel verde della campagna.
Un bel ponte selgiuchide in pietra, dalla caratteristica forma a schiena d’asino, si trova a sud di Aspendos poco prima di giungere a Serik, lo vedrete con facilità lungo la strada duramte l’avvicinamento ad Aspendos. La foto è d’obbligo.

Una nota de il Turista: Aspendos è spesso visitata dai gruppi dei tour operator, che di solito vengono tra la metà mattina e la metà pomeriggio in piena estate, quindi cercate di evitare la folla venendo presto o tardi, o ancora meglio fuori stagione.
Non ci sono alberghi o ristoranti nelle vicinanze del teatro, ma è possibile fare uno spuntino in qualche bar.

Da metà giugno a metà agosto, in piena stagione estiva, si può godere della manifestazione “Aspendos Opera & Ballet Festival”, con spettacoli all’interno nel meraviglioso teatro, in una cornice unica ed emozionante.
Aspendos è anche un punto di partenza per il percorso di San Paolo che porta a nord fino sell’altipiano dell’Anatolia Centrale, lungo la via che conduce allo scenografico Parco Nazionale del Köprülü Kanyon.

  •  

News più lette

close