Cerca Hotel al miglior prezzo

Antey-Saint-André (Valle d'Aosta): sci e e natura in Valtournanche

Antey-Saint-André, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il piccolo paese montano di Antey-Saint-André guarda dall’alto dei suoi 1.074 metri s.l.m. la Valtournenche estendersi morbidamente in un piacevole angolo di Valle d’Aosta. L’amena località di villeggiatura è divenuta tale per il fresco clima e la disponibilità di boschi di conifere che ricoprono un territorio naturalisticamente rimasto intatto, la cui innocenza è particolarmente manifesta tutt’intorno al Lago di Lod, contornato da folti canneti.

Storia

Il borgo, oggi abitato da poco meno di 600 anime, è probabilmente di origine romana dati i numerosi reperti archeologici ritrovati nelle vicinanze, ma è ancor più attestabile una reale certificazione di nascita in epoca medievale, nella quale riscontriamo un chiaro dominio feudale dei Signori di Cly, che si avvicendarono per generazioni fino all’ostentata tirannia di Pietro II e Gotofredo II, il cui atteggiamento vessatorio irretì i Savoia. Costoro esercitarono un controllo rigido sulle successive amministrazioni, dai Morales ai Doues, dai Roncas ai Bergera, e via discorrendo fino alla tardiva annessione al Regno d’Italia nel 1939. A quel tempo Antey mutò nome per volere dei Fascisti, che lo italianizzarono in Antei Sant’Andrea fra lotte partigiane, rappresaglie tedesche e feroci rastrellamenti in un periodo di convulsi cambiamenti contestuali allo svolgersi della Seconda Guerra Mondiale.

Oggi basta protendere lo sguardo fino alla mole rassicurante del Cervino per dimenticare le malefatte belliche e godere finalmente di un paesaggio semplicemente fantastico. Antey-Saint-André è un paese rinato, ora in grado di valorizzare al massimo tutti quegli aspetti che rendono il nucleo urbano meraviglioso e pienamente fruibile al turismo sia occasionale che abituale. C’è infatti chi arriva qui per trascorrere una giornata diversa, chi per passare la settimana bianca e, ancora, chi ha bisogno di meditare all’ombra delle suggestive creste del comprensorio.

Cosa vedere a Antey-Saint-André

La località si fa apprezzare sia per la cornice che per alcuni emblematici monumenti non troppo evidenti e perciò ancora più intriganti da vedere e visitare, come ad esempio la Parrocchiale di Sant’Andrea, sorta laddove s’ergeva il medievale Castello dei Cly di cui sopravvive una torre, l’attuale campanile della chiesa terminante in una cuspide ottagonale. La struttura predilige quale materiale dominante il legno (in loco se ne lavora tanto a fini più che altro artigianali, ergo è un invito ad acquistare graziosi souvenir, statuine e sabot), ma la presenza di pietra di evince nei sostegni e soprattutto nel portale tardo gotico. Da osservare nella loro discreta bellezza anche la settecentesca Cappella di Santa Barbara e la Chiesa di Fiernaz, di esigue dimensioni ma interessante per la sua facciata dipinta.

Dei tanti Rascards sparsi per l’area, alcuni risultano affittabili per brevi periodi: sono essi caratteristiche abitazioni montane sopraelevate concepite anticamente dalla civiltà walser raccolte in maggioranza a Hérin e Avout. Proprio da Avout è consigliabile partire per salire a La Magdeleine, nugolo di casupole incastonato in un bellissimo paradiso di vegetazione. Con la funivia da Buisson si raggiunge comodamente la stupenda Chamois, località di appena 90 abitanti.

Sciare nei dintorni di Antey-Saint-André

La località si trova a poca distanza da due interessanti località sciistiche della Valle d'Aosta: in meno di 5 km si raggiunge la funivia per gli impianti di Chamois, bel borgo montano che offre poco più di 15 km di piste, mentre a circa 7 km troviamo il comprensorio sciistico di Torgnon che offre 25 km di piste ed una telecabina in aggiunta alle seggiovie e che si dimostra località più interessante per chi viaggia con i bambini. Infine si può salire a gli impianti di Breuil Cervinia e il loro impressionante carosello di piste che distano poco più di 20 km da Antey-Saint-André.

Eventi, sagre e manifestazioni

L’autunno vede lo svolgersi ad Antey della Sagra delle mele (seconda domenica di ottobre), ma l’appuntamento di maggior rilievo è rappresentato dalla Fiera dell’Artigianato, una mostra mercato che nel mese di agosto riunisce scultori e intagliatori in un evento imperdibile. In inverno ci si intrattiene nelle stazioni sciistiche di Cervinia, Torgnon, Chamois e Valtournenche, il resto dell’anno riserva sport all’aria aperta e l’adrenalinico parapendio praticabile per la presenza di una base d’arrivo.

Come arrivare a Antey-Saint-André

Bisogna percorrere l’Autostrada A5 per la Valle d’Aosta e uscire a Châtillon/Saint-Vincent, proseguendo sulla SR 46; dalla stazione ferroviaria di Châtillon si continua il viaggio a bordo degli autobus Savda; l’aeroporto di Aosta è quello di riferimento.

  •