Cerca Hotel al miglior prezzo

Piancavallo, sciare sulle piste del Monte Cavallo

Piancavallo, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il Monte Cavallo, in estate, è una scultura silenziosa di rocce chiare, tappezzata qua e là di pascoli, arbusti e foreste scure; in inverno si trasforma in un colosso di neve e ghiaccio, glassato di cristalli lucenti e sferzato dall’aria pungente delle Alpi Friulane. Sulle sue pareti massicce, nel versante orientale, si apre una conca naturale suggestiva, che ospita l’abitato di Piancavallo.

Piancavallo è un borgo montano in provincia di Pordenone, nel Friui-Venezia Giulia, frazione del comune di Aviano. Abbarbicata a 1267 metri di quota, immersa in questa vallata soleggiata e spaziosa a due passi dalla foresta del Cansiglio, la cittadella è una meta turistica rinomata, che sa fare innamorare i visitatori in ogni stagione dell’anno. Non è necessario avere alle spalle una lunga storia per possedere tanti gioielli preziosi, da offrire agli ospiti: Piancavallo è infatti una località piuttosto giovane, nata negli anni Sessanta principalmente come meta invernale, che da subito ha saputo diffondere la sua fama in Italia e in Europa, e si è attrezzata ben presto per incrementare anche il turismo estivo.

Tra i suoi primati c’è l’adozione dell’innevamento artificiale: è stata infatti la prima stazione sciistica italiana a farne uso, garantendo in ogni momento della stagione sciistica, anche in mancanza di nevicate abbondanti, delle piste sempre perfette. Piste che hanno fatto da scenario, nel corso degli anni, a un gran numero di gare, competizioni e importanti eventi sportivi: dal 1979 all’inizio degli anni Novanta il comprensorio ha ospitato una serie di competizioni femminili di Coppa del Mondo e sci alpino, ed è stata nel 1998 una tappa del Giro d’Italia. Dal 1970 è stata sede del Rally Piancavallo, un evento di risonanza europea, e tuttora continua a svolgersi annualmente un rally importante a livello nazionale.

Ma le piste di Piancavallo, dalle più ripide alle più ampie e rassicuranti, non sono fatte solo per i professionisti: per chi ama lo sci e lo snowboard ci sono più di 25 km di piste di difficoltà e pendenza variabile, 26 km di tracciati per lo sci di fondo, in parte illuminati, e alcune zone di snowpark riservate alle evoluzioni dei più temerari. Quando la primavera inizia ad accarezzare le piste, e il primo sole fa sciogliere i ghiaccioli che agghindano la montagna, il candore delle nevi cede il posto a un verde smeraldino, fresco, pronto per essere assaporato. Le discese per lo sci si trasformano in divertenti percorsi di alpine coaster, una sorta di montagna russa che permette di sfrecciare tra i monti a gran velocità, nell’abitacolo di un piccolo veicolo su rotaia. Passeggiando nei dintorni di Piancavallo si possono inoltre incontrare i maneggi, le imponenti pareti rocciose per l’arrampicata, gli appassionanti percorsi per la mountain bike e delle visioni paesaggistiche mozzafiato.

Dalle vette più alte, in particolare, si possono ammirare scorci stupendi: quando il sole avvolge tutta la vallata e inonda le cime montane, gli sguardi più acuti arrivano a sfiorare il blu del mare adriatico, che genera un contrasto commovente con la sagoma austera delle Dolomiti. Chi vuole immergersi davvero in quest’aria cristallina, e desidera un’emozione indimenticabile, potrà raggiungere la Castaldia, a 1108 metri di quota, e provare l’ebbrezza di un volo in deltaplano.

Un’emozione diversa, ma comunque affascinante, la regalano le numerose manifestazioni che vengono organizzate a Piancavallo nell’arco dell’anno. Ogni stagione ha i suoi momenti di festa e di svago, che fanno conoscere lo spirito locale ai visitatori più curiosi: in estate ci sono il festival della Fisarmonica, che si tiene alla fine di luglio, e il festival del Folklore di inizio agosto, per non parlare della magica notte di San Lorenzo con il suo concerto di Musica sotto le Stelle. In inverno si svolgono però gli eventi più suggestivi: il 26 e il 31 di dicembre, quando le stelle iniziano a punteggiare di luci il velluto scuro della sera, le montagne vengono illuminare dalla tradizionale fiaccolata sugli sci, e non bisogna dimenticare la lunga serie di manifestazioni sportive che si disputano sulla neve. Le gare di sci alpino, anche di livello internazionale, lasciano ampio spazio ai professionisti più giovani e si alternano alle gare di fondo: una competizione particolarmente attesa è la “sei ore di fondo”, una maratona che si svolge nell’apposito anello di circa 3 km.

Tutto è ancora più suggestivo se si ha il favore del clima, e se il cielo concede qualche nevicata romantica e pittoresca. A Piancavallo gli inverni sono freddi ma meno rigidi rispetto ad altre stazioni alpine, e le estati sono piacevoli e ventilate: le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 1°C a una massima di 6°C, mentre in luglio, il mese più caldo, si passa dai 19°C ai 27°C. Le precipitazioni si concentrano specialmente in primavera e in autunno, quando piove in media per 9 giorni al mese.

Se avete deciso di trascorrere una vacanza a Piancavallo non vi resta che pianificare il viaggio, scegliendo il mezzo di trasporto che fa per voi. Se viaggiate in auto e venite da Trieste o Udine dovete prendere la A4 e , una volta giunti a Portogruaro, continuare in direzione di Pordenone sulla A28, poi seguire le indicazioni per Aviano e Piancavallo per circa 30 km. Se venite invece da Venezia/Mestre avete due alternative: potete adottare la stessa strada, percorrendo la A4 fino a Portogruaro poi la A28 fino a Pordenone, oppure continuare sulla A27 fino a Conegliano, continuare sulla S.S. Pontebbana fino a Orsago e seguire le indicazioni fino alla meta. Per chi viaggia in treno c’è la stazione ferroviaria di Pordenone a circa 30 km, collegata a Piancavallo da un servizio pullman dell’ATAP. Per finire a poco più di un’ora di pullman ci sono tre aeroporti internazionali, quello del Friuli-Venezia Giulia, quello di Venezia e quello di Treviso, rispettivamente a 116 km, 96 km e 84 km.

Dove sciare?

Da Piancavallo sono raggiungibili, nel raggio di 30km, 3 comprensori sciistici: il comprensorio sciistico Piancavallo Fine stagione (di cui fa parte), il comprensorio sciistico Pian Cansiglio - Tambre Fine stagione (a 8 Km) e il comprensorio sciistico Nevegal Fine stagione (a 19 Km).

Per le nevicate previste e l'innevamento delle piste consultate:
» il Bollettino neve Piancavallo.
» il Bollettino neve Pian Cansiglio - Tambre.
» il Bollettino neve Nevegal.
  •  

 Pubblicato da - 11 Dicembre 2009 - Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close