Cerca Hotel al miglior prezzo

Casteldoria (Viddalba), vacanza termale in Sardegna

  • li caldani, terme
La verdeggiante piana del Coghinas disegna, nella parte più interna ai piedi del massiccio dell’Anglona, un territorio di forma triangolare, che ospita una costellazione ridente di cittadelle e villaggi: tra questi spicca Santa Maria Coghinas, che vanta alcune frazioni graziose e accoglienti, ottime mete turistiche. Una di queste, la più famosa, è la località sarda di Casteldoria, una borgata di quasi 1500 abitanti in provincia di Sassari, posizionata a 21 metri s.l.m.

In un regno di pace e di sole, accarezzato dal clima mediterraneo e popolato da genti cortesi, Casteldoria ha creato nei secoli una tradizione affascinante, fatta di prodotti semplici legati alla terra: l’attività principale dell’economia locale è infatti l’agricoltura, soprattutto la coltivazione dei carciofi, accompagnata dall’allevamento e, dulcis in fundo, da un fiorente settore turistico, che attira ogni anno un numero sempre crescente di visitatori.

A Casteldoria si possono ammirare alcuni edifici di grande pregio artistico e storico, primo fra tutti, come suggerisce il nome del villaggio, il Castello dei Doria risalente al XII secolo, oggi ridotto a poco più di un rudere ma comunque testimone prezioso della dominazione genovese della famiglia Doria. La struttura è composta da un’unica torre massiccia, a pianta pentagonale irregolare, con ai piedi una grande vasca per la raccolta dell’acqua piovana. Per arrivare al castello è necessario, dal centro di Santa Maria ​Coghinas, salire lungo il fianco del Monte Ortigo: da questa postazione incantevole, dominata dai resti misteriosi del maniero, si ammira un panorama incantevole che abbraccia la roccaforte di Castelsardo, la Piana del Coghinas fino alla foce del corso d’acqua, alcuni borghi dell’entroterra e la diga del piccolo lago del Coghinas. Inoltre si possono osservare le sottostanti terme.

Sono proprio le terme l’attrazione più importante e conosciuta di Casteldoria: queste sorgenti naturali, dette dagli abitanti del luogo ”li caldani”, sono costituite da polle di acqua caldissima, che raggiungono i 70 °C e si fondono col corso d’acqua del Coghinas. Il fiume scivola a valle scavandosi una conca tra il Monte Ruju e il Monte Ortigiu, e nei secoli ha intagliato nella dura roccia una gola sublime e pittoresca, dai profili bizzarri ispiratori di leggende. La profondità di questo abisso di roccia, sul cui fondo scorre il fiume bollente, insieme al magico effetto creato dalle nubi di vapore, ha generato nel tempo innumerevoli storie sinistre ed inquietanti, e pare che Omero in persona avesse riconosciuto in questo paesaggio nientemeno che l’Averno.

Ma il paesaggio non regala soltanto panorami infernali o imponenti: molto più rassicurante, e decisamente accogliente, è la piccola caletta di sassi che se ne sta nascosta tra le pareti del Monte Ruju, abbracciata dalla vegetazione di palme, olivastri, pini secolari e profumatissimi eucalipti. In questa spiaggietta fluviale si colloca l’impianto termale di Casteldoria, che malauguratamente non è ancora stato inaugurato: un tempo in questa stessa posizione sorgeva un piccolo complesso termale di inizio Novecento, costituito da umili strutture di legno, che aveva lo scopo di curare i reumatismi e veniva raggiunto a cavallo da chi era bisognoso di sabbiature; oggi l’antica struttura è stata sostituita da un palazzo moderno e elegante, che attende le autorizzazioni necessarie all’apertura.

A breve distanza dalle terme di Casteldoria si possono ammirare i ruderi del monastero di San Giovanni, di cui resta in buone condizioni soltanto la graziosa chiesetta romanico-pisana. Pare che un tempo ci fosse un lebbrosario, comunicante tramite una galleria sotterranea con i miracolosi “caldani”, in modo che i salutari fanghi potessero essere trasportati agevolmente presso i malati.

Benché la struttura termale vera e propria non sia ancora entrata in funzione, è comunque possibile godere dei benefici delle acque termali: è sufficiente sostare nella caletta fluviale, dove potrete immergervi nelle acque salso-bromo-iodiche del fiume, toccare con mano i famosi fanghi miracolosi o semplicemente rilassarvi all’ombra del boschetto, immersi tra ulivi nodosi, corbezzoli e ginepri odorosi di fresco. L’elevata temperature delle acque termali consente di fare il bagno in questo tratto del Coghinas in ogni mese dell’anno, anche quando l’aria è più fredda.

Un ultimo valido motivo per visitare Casteldoria e il suo capoluogo, Santa Maria di Coghinas, sono le numerose manifestazioni che vengono organizzate durante l’anno, perfette per alternare il divertimento al relax della zona termale. Tra gli appuntamenti più appetitosi ci sono la Sagra dell’Agnellone, la Sagra del Cinghiale e la Sagra della Zuppa Gallurese: tutte le feste, che si svolgono nel mese di agosto, prevedono la degustazioni degli gnocchetti sardi col sugo di carne, di zuppa gallurese, del bollito di pecora e delle squisite verdure coltivate nella campagna circostante.

A favorire la prosperità delle coltivazioni e l’aspetto rigoglioso della vegetazione, e ad allietare le vacanze di chi ha scelto Casteldoria come meta turistica, ci pensa il clima mediterraneo della Sardegna, mite e gradevole in ogni stagione dell’anno. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 7 °C a una massima di 13 °C, mentre in luglio e agosto si passa dai 18 °C ai 29 °C. Le precipitazioni, quasi assenti nella bella stagione, si concentrano soprattutto tra novembre e dicembre, quando cadono in media 100 mm di pioggia mensili.

Per raggiungere Casteldoria si può scegliere tra diverse possibilità. L’aeroporto più vicino al paese è quello di Alghero, a circa 80 km dalla meta, mentre i porti in cui approdare con il traghetto sono quello di Olbia, quello di Golfo Aranci e quello di Porto Torres, con partenze da Genova, Livorno, Civitavecchia e Marsiglia. Il porto più vicino è quello di Porto Torres, da cui si può imboccare la SP 81 e seguire le indicazioni fino a Casteldoria, a circa 46 km di distanza.
  •  
01 Novembre 2017 Halloween a CinecittÓ World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close