Cerca Hotel al miglior prezzo

Carcegna (Piemonte): visita al villaggio sul lago d'Orta

Carcegna, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Chi vuole andare in avanscoperta alla ricerca di qualche perla nell’hinterland di Miasino, prima o poi incontrerà Carcegna, frazione del comune adagiata sulle colline orientali dello splendido lago d’Orta, oasi naturalistica in provincia di Novara, Piemonte.

Cosa vedere

Siamo in un’area dall’ingente patrimonio archeologico, considerando che proprio nei pressi del minuscolo borgo di 340 abitanti appena si nasconde l’ormai famoso masso coppellato identificabile con un antichissimo altare celtico utilizzato nelle cerimonie pagane di propiziazione della fertilità. Come se non bastasse, in regione Campello alcuni scavi di fine Ottocento hanno portato alla luce dei lastroni di pietra poi rivelatisi tombe, gruppo lapideo cui si è dato il nome di Necropoli di Carcegna. Tutti i relativi reperti venuti a galla successivamente trovano ora collocazione al Museo Archeologico di Mergozzo.

Sempre vicino al paese si riescono a scorgere vividi resti di una vecchia fortificazione elissoidaliforme, riconducibile a tutti gli effetti al sistema difensivo in auge in epoca longobarda al tempo del Ducato di San Giulio, un sistema del quale facevano peraltro parte la Rocca di Buccione, la casa forte di Pella, il fortilizio di Luneglio a Pettenasco e, infine, il castello dell’Isola di San Giulio. Ecco allora che esplorare i dintorni di Carcegna diventa stimolante almeno quanto visitare Carcegna stessa, governata nel Medioevo e fino al 1797 dai vescovi di Novara prima dell’avvento di Napoleone, del Congresso di Vienna, della Restaurazione e infine dell’unificazione italiana sotto egida sabauda.

Il borgo vive del profumo della sua storia e più ci si avvicina alla Parrocchiale di Carcegna, più questo profumo penetra diretto nelle narici. La Chiesa di San Pietro, costruita in stile barocco, risale agli albori del Duecento ma una completa ricostruzione venne compiuta nel 1661 su progetto dell’architetto Andrea Biffi. Una delle peculiarità di questo edificio è evidente osservando la facciata, che non è mai stata ultimata, dietro la quale s’eleva in posizione centrale la cupola decorata internamente dal pittore Salvatore Bianchi, con il fianco occupato dal campanile di 29 metri lievemente pendente a causa di un parziale cedimento strutturale. Si deve invece all’artista Luca Rossetti il quadro del coro raffigurante il Martirio di San Pietro Apostolo.

Il tempio si fregia di ben cinque altari, la Cappella di San Mauro Abate e l’Ossario, intorno ai quali sono stati disposti diversi dipinti del ‘600 come L’adorazione dei Magi di Luigi Garzi, la Purificazione della Vergine opera di Luigi Scaramuzza, il Miracolo di San Mauro di Giorgio Bonola e l’Immacolata Concezione di Federico Bianchi. Un altro affresco sacro, l’Incoronazione della Vergine, il Bambino e Sant’Antonio, non compare nella chiesa bensì sulle mura di una casa privata al numero civico 24 di Via Roma nel centro storico, manufatto della bottega dei Cagnola eseguito nel 1501.

Eventi, sagre e manifestazioni

Molto legata a San Pietro, la comunità di Carcegna gli è devota e lo onora con la Festa patronale che si svolge ogni anno il 29 giugno. San Mauro è invece celebrato in qualità di compatrono il 15 gennaio. Negli ultimi anni il borgo ha saputo incrementare l’offerta turistica rivolgendosi non soltanto ai visitatori d’italica provenienza ma anche a svizzeri e tedeschi, spesso accolti in strutture ricettive a gestione familiare che lavorano in maniera più intensiva in primavera e in estate.

Come arrivare a Carcegna

In auto, percorrere l’Autostrada A26 fino all’uscita di Borgomanero se si arriva da Genova, ad Arona se si arriva da Milano e a Carpugnino o Meina se la provenienza è da Gravellona Toce; in treno occorre fermarsi alla stazione di Orta-Miasino; disponibili gli autobus Comazzi della linea Omegna-Borgomanero-Arona che collegano la stazione a Carcegna; gli aeroporti più vicini sono il Milano Malpensa e il “Sandro Pertini” di Caselle Torinese.

  •  

 Pubblicato da - 28 Settembre 2017 - © Riproduzione vietata

News più lette

15 Dicembre 2017 Il Presepe Vivente di Sutri

Il Presepe Vivente di Sutri è pronto a regalare il proprio incanto ...

NOVITA' close