Cerca Hotel al miglior prezzo

Louisville (Looeyville), la cittą del Kentucky Derby

Importante centro dei trasporti fluviali all’epoca della conquista del selvaggio West, Louisville, o Looeyville, è ancora la città più grande del Kentucky. L’insediamento conta oggi poco più di 550.000 abitanti ed è il capoluogo della Contea di Jefferson, posta al confine tra Kentucky e Indiana, vicino al fiume Ohio ed alle omonime cascate. Nota soprattutto per il Kentucky Derby, che fin dal 1875 richiama numerosissimi appassionati a Churchill Downs, Louisville è anche una città piacevole dove fare una sosta di uno o due giorni, con alcuni ottimi musei, un bel lungofiume ed interessanti quartieri operai pieni di sale da biliardo e ristoranti drive-in specializzati nella preparazione del chili.

La fondazione della città risale al 1779, anno in cui George Rogers Clark pose la prima pietra di quella che da lì a poco sarebbe diventata la città più grande di tutta la regione. Il nome del centro fu scelto per celebrare la grandezza di re Luigi XVI di Francia, i cui soldati aiutarono gli americani nel corso della guerra di indipendenza. Terminati i due sanguinosi conflitti che hanno segnato la storia americana tra XVIII e XIX secolo, Louisville ha intrapreso una fase di crescita apparentemente inarrestabile, culminata con la celebrazione del primo Kentucky Derby, organizzato il 17 maggio 1875, ed ancora non arrestatasi.

Immediatamente a sud di downtown si estende Old Louisville, l’area con la più alta concentrazione di case vittoriane del paese. Una serie di suggestivi parchi, progettati da Frederick Law Olmsted nell’ultimo decennio dell’Ottocento, circonda tutta la città, insieme ad una circonvallazione interna (la I-264) ed una esterna (la I-265). Tra le attrattive principali non può proprio non essere citato il Louisville Slugger Museum, il museo/stabilimento dove ammirare centinaia di autentiche mazze da baseball Louisville Slugger, la più antica e famosa marca di produzione di questo oggetto dal grande valore per i cittadini americani. Dall’altra parte della strada, il Frazier Museum ospita un’enorme collezione di armi britanniche e americane, con diorami di sanguinose battaglie così realistici che potrebbero spaventare i più piccini. Sempre in ambito museale ricordiamo lo Speed Art Museum, un gradevole allestimento aperto all’interno di un edificio neoclassico, con una collezione comprendente oltre 12.000 opere d’arte, tra cui antiquariato classico e creazioni di artisti vari del Kentucky.

L’eccellente Muhammad Ali Center è un amorevole omaggio alla città da parte del suo figlio più celebre. Le visite, senza accompagnamento, comprendono un emozionante filmato sulla vita di Ali, i filmati dei suoi combattimenti più famosi e una mostra dedicata alla segregazione razziale e alle questioni umanitarie, che tanto stavano a cuore all’uomo noto un tempo come “Louisville Lip”. I bambini non potranno non gradire le mostre interattive del Louisville Science Center, che tra l’altro ospita anche un cinema IMAX. Il quartiere d’epoca vittoriana di Old Louisville, immediatamente a sud di downtown, merita senza dubbio una visita, a piedi o in automobile, vantando alcune straordinarie case storiche aperte ai visitatori.

Uno dei simboli di Louisville è Churchill Downs, il più importante sito ippico del paese, il luogo in cui si disputa il Kentucky Derby. Quasi tutti i posti disponibili per l’evento, che si celebra ogni anno il primo sabato di maggio, sono assegnati su invito o sono già prenotati da anni. Il giorno del Derby, se si arriva al mattino presto, a fronte di una spesa contenuta si può assistere ai rituali del paddock, ma l’affollamento è tale che non si riesce a vedere molto della corsa. Ma non disperate, perché da aprile alla fine di novembre ci si può aggiudicare un posto per una delle tante entusiasmanti corse che si tengono a Churchill Downs e che spesso costituiscono una sorta di anteprima degli eventi più importanti. All’interno del complesso dell’ippodromo, l’interessante Kentucky Derby Museum ospita una mostra dedicata al grande evento, durante il quale il pubblico femminile indossa ampi cappelli a tesa larga, sorseggia mint julep (bourbon con zucchero e menta) e attende di vedere quale cavallo renderà il suo proprietario ricco o, per meglio dire, ancora più ricco.

Tra i luoghi dei divertimenti e degli svaghi, oltre a Churchill Downs, ricordiamo anche: il Kentucky Center for the Arts, un eccellente spazio per gli spettacoli teatrali, i balletti, l’opera lirica, la danza moderna e la musica classica; il Palace Theater, un edificio risalente al 1928 immerso in un’incantevole cornice barocca; e l’Actors Theatre of Louisville, un rinomato teatro che porta in scena spettacoli di vario genere, dal teatro di Shakespeare ai musical contemporanei, e che in passato ha ospitato le prime di diverse opere che si sono aggiudicate il premio Pulizer.

Il clima è subtropicale umido, con estati calde e umide e inverni abbastanza rigidi. La temperatura media annuale è di 13 gradi, con le precipitazioni che raggiungono generalmente i 1150/1200 mm di pioggia ogni anno. Il mese più caldo è luglio, durante il quale i valori oscillano tra 31 e 22 gradi, mentre il più freddo è gennaio, quando le minime scendono qualche grado sotto zero. Due bei periodi per visitare Louisville ed il Kentucky sono la primavera e l’autunno, mesi in cui la natura è particolarmente suggestiva e disegna scenari da cartolina sulle colline circostanti.

L’aeroporto cittadino è il Louisville International Airport, situato 8 chilometri a sud della città lungo la I-65. Per muoversi a terra si può contare sui pullman, che partono dalla stazione Greyhound subito ad ovest di downtown con direzione Lexington, Chicago, Illinois, Memphis e Nashville, in Tennessee. Gli autobus locali sono invece gestiti dalla TARC, la cui sede si trova presso la Union Station, mentre i treni sono competenza dell’Amtrak.
  •  
close