Cerca Hotel al miglior prezzo

Le mostre 2018 da vedere in Italia

Con il nuovo anno inizia una nuova stagione di mostre che percorre in modo completo, dal nord alle isole, l'intero stivale italico.

L'attività espositiva pianificata nel corso del 2018 offre retrospettive ed approfondimenti dedicati ai nomi che hanno reso grandi le varie forme d'arte. Vediamo quali saranno gli eventi principali che caretterizzeranno le più importanti città italiane.

Aosta

Dal 12 gennaio, Aosta dedica gli spazi del Museo Archeologico Regionale ad una mostra dossier che avrà a protagonista "La strage degli innocenti" di Guido Reni. Un capolavoro definito come il "Manifesto del Raffaellismo" dell'autore che potrà essere ammirato fino al 18 febbraio (Info: www.regione.vda.it/).

Trento - Rovereto

Fino al 2 aprile il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto ospita "Realismo Magico. L’incanto nella pittura italiana degli anni Venti e Trenta", dedicato all'arte italiana del primo Novecento.

Gorizia

Il centenario della Rivoluzione d'Ottobre, è ricordato a Gorizia dalla mostra "La Rivoluzione russa. Da Djagilev all’Astrattismo (1898-1922)" che fino al 25 marzo sarà al Palazzo Attemps-Petzenstein.

Treviso


A Treviso, dal 24 febbraio al 3 giugno 2018 aprirà una delle mostre-evento dell'anno in corso "Rodin – Un grande scultore al tempo di Monet" allestita nel Complesso di Santa Caterina, scelto dal Museo Rodin di Parigi per accogliere l'ultima delle tappe legate alle celebrazioni del primo centenario della scomparsa dell'autore.
Da non perdere anche l'allestimento in corso alla Casa dei Carraresi con la Mostra su Andy Warhol che si concluderà il 1 maggio 2018.

Venezia

Altrettanto imperdibile nella seconda parte dell'anno, a partire dal 7 settembre, è l'allestimento che Venezia, sua città di origine, dedica al Tintoretto, nel 500esimo anniversario della nascita. A Palazzo Ducale e nelle Gallerie dell’Accademia saranno esposti disegni, dipinti e opere appartenenti a collezioni private e a grandi musei, dalla National Gallery di Londra al Prado di Madrid.

Novara, Vercelli e Varallo

Novara, Vercelli e Varallo Sesia saranno unite, dal 23 marzo al 1 luglio - con proroga al 16 settembre per Varallo - dal progetto “Il Rinascimento di Gaudenzio Ferrari”. La mostra distribuita fra il Castello di Novara, L'Arca di Vercelli e la Pinacoteca ed il Sacro Monte di Varallo, permette di ammirare quasi un centinaio fra dipinti, sculture e disegni elaborati dall'artista (info: www.gaudenzioferrari.it).

Torino

La Galleria Sabauda di Torino diventerà protagonista di un evento di richiamo, a partire dal 16 novembre 2018. In quella data inaugurerà la mostra dedicata ad Antoon Van Dyck, il pittore dei reali e dei nobili delle grandi corti europee dell'epoca, che resterà aperta fino al 2 marzo 2019. La Reggia di Venaria a Venaria Reale , sempre in provincia di Torino, rilancia con un argomento forse più frivolo ma ugualmente importante per le connessioni con letteratura, cinema e arti visive. Dal luglio 2018 protagonista degli spazi sarà "Il mito della motocicletta", articolato in 10 sezioni dedicate al fascino del viaggio.

Genova

Picasso sarà, durante l'anno, uno degli artisti più celebrati: il Palazzo Ducale di Genova ne ospita, fino al 6 maggio i capolavori - oltre 50 opere e numerose fotografie - resi disponibili dal Museo Picasso di Parigi. A novembre, gli stessi spazi saranno utilizzati per dare corpo e voce alla retrospettiva dedicata ad uno del massimi esponenti dell'impressionismo francese, Camille Pissarro. La mostra, aperta fino all'aprile 2019, offre anche una sezione di materiale inedito, raccolto in oltre 50 anni di ricerche. Genova dedica i mesi dal 6 gennaio al 6 maggio anche ai "Mecenati di ieri e di oggi. Restauri e restituzioni nei Musei di Strada Nuova", serie di dipinti dei Musei di Strada Nuova molti dei quali mai esposti, nelle sale di Palazzo Bianco.

Brescia

L'attività espositiva di Palazzo Martinengo a Brescia si concentra sui capolavori delle collezioni private bresciane. "Picasso, De Chirico, Morandi, 100 capolavori del XIX e XX secolo" si offriranno al pubblico dal 20 gennaio 2018 e per quasi cinque mesi, fino al 10 giugno, durante i quali Palazzo Martinengo si trasformerà in una sorta di "museo ideale". Presso il Museo di Santa Giulia si svolge invece la mostra su Tiziano e il Cinquecento, fino al 30 giugno.

Bergamo

Raffaello, e non solo, sarà protagonista del viaggio che Gamec, la Galleria di arte moderna e contemporanea di Bergamo, organizza dal 27 gennaio al 6 maggio 2018. "Raffaello e l'eco di un mito" si concentra su tredici dei capolavori realizzati dall'artista urbinate affiancati da altre opere, in tutto 60, realizzate da oltre trenta pittori nell'arco temporale che dal Rinascimento giunge ai giorni nostri.

Milano


Il capoluogo lombardo offre un 2018 particolarmente interessante per le esposizioni proposte. Si parte con la Mostra Nasa- A Human Adventure allo Spazio Ventura XV fino al 3 marzo, mentre dal 21 febbraio al 24 giugno, Palazzo Reale ospiterà "Albrecht Dürer e il Rinascimento fra la Germania e l’Italia", percorso di 130 opere realizzate da Durer e da alcuni degli artisti più importanti a lui contemporanei tedeschi e italiani fra cui Andrea Mantegna, Leonardo da Vinci, Giovanni Bellini e Lorenzo Lotto (info : www.palazzorealemilano.it). Nell'autunno saranno due i momenti clou che contraddistingueranno le sale di Palazzo Reale. Dal 4 ottobre al 3 febbraio 2019 tornerà, a trent'anni di distanza dall'ultima esposizione a lui dedicata, una rassegna delle opere di Carlo Carrà dalle prove divisioniste ai grandi capolavori che lo hanno reso un emblema del Futurismo e della Metafisica. Un paio di settimane più tardi, dal 18 ottobre e fino al 17 febbraio 2019, sarà inaugurata la mostra "Picasso e il mito", 350 opere provenienti dal Museo Picasso di Barcellona e suddivise in cinque sezioni, tante quanti gli aspetti indagati. Gratuito e particolarmente articolato sarà "di Parole faccio Arte", percorso espositivo composto dalle personali di Giorgio Milani, Sabrina D’Alessandro e Opiemme, che il 7 febbraio 2018 aprirà a Milano Copernico Castello per spostarsi poi a Roma alla Clubhouse Barberini a giugno e a Torino, nello spazio Copernico Garibaldi, a settembre (info: www.whitelightart.it). L'offerta espositiva di Milano continua con "L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri" in programma fino all'8 aprile nelle sale Gallerie d'Italia in Piazza della Scala. La mostra approfondisce le vicende artistiche sviluppatesi dopo la scomparsa dell'artista. Il Mudec, Museo delle Culture dedica invece un momento di approfondimento all'arte di Frida Kalho. La mostra "Frida Kahlo – Oltre il mito" in programma dal primo febbraio al 3 giugno indaga gli aspetti più intimi e meno stereotipati dell'artista che ancora offre spunti inediti. La carrellata su Milano si chiude con "Revolution. Musica e ribelli 1966-1970", inno del periodo che cambiò generazioni e introdusse nuove tendenze. La mostra, arrivata dal Victoria and Albert Museum di Londra si può visitare fino al 4 aprile presso la Fabbrica del Vapore di via Giulio Cesare Procaccini. Infine segnaliamo una mostra importante dedicata agli appassionati della saga di Harry Potter: presso la Fabbrica del Vapore, dal 12 maggio al 9 settembre 2018 si svolgerà la Mostra su Harry Potter; A History of Magic.

Bologna

L'Emilia Romagna si concentra su autori ed artisti italiani ed esteri. Fino al 13 maggio, il MAMbo, il Museo di arte moderna, offre le sue sale a "Revolutija da Chagall a Malevich da Repin a Kandinsky", mostra realizzata in collaborazione con il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo. In esposizione oltre 70 opere. Palazzo Albergati, sempre a Bologna, proporrà nella seconda parte dell'anno, dal 28 settembre al 25 febbraio 2019 "Andy Warhol e New York Anni ‘80", periodo che corrisponde alla ripresa artistica dell'autore dopo l'attentato subito nel 1968.

Forlì

"Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio" è il titolo della mostra organizzata nei Musei San Domenico di Forlì dal 10 febbraio al 17 giugno 2018, dedicata ad uno dei momenti più affascinanti della storia artistica occidentale.

Ferrara

Palazzo dei DiamantI a Ferrara si concentra nella prima parte dell'anno su importanti testimonianze dell'arte italiana. Dal 3 marzo al 10 giugno il pubblico potrà visitare la mostra "Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni", sguardo su autori di fine Ottocento. Ancora prima, dal 16 febbraio al 2 giugno, il percorso "Boldini e la moda" indagherà il rapporto fra l'artista e l'eleganza delle signore che ritraeva in particolare nella Parigi fra Otto e Novecento. Dal 22 settembre al 6 gennaio 2019 infine, Palazzo dei Diamanti si apre ai sorprendenti paesaggi di Gustave Coubert con la mostra dal titolo "Coubert e la natura", che presenterà circa 50 tele.

Firenze

Dal 16 marzo al 22 luglio, Palazzo Strozzi a Firenze affronterà un tema particolarmente complesso. "Nascita di una nazione. Arte italiana dal dopoguerra al Sessantotto" propone un viaggio in quegli anni durante i quali arte, politica e società si intrecciano inesorabilmente.

Lucca

La Fondazione Ragghianti di Lucca si concentra su avanguardie e arti visive con le mostre "Il segno dell’avanguardia. I Futuristi e l’incisione" in programma dal 23 febbraio al 15 aprile e "Giacomo Puccini e le arti visive", dal 18 maggio al 23 settembre, dove, a fare da protagonista, è il rapporto fra Puccini e i pittori del suo tempo.

Roma


L'attività espositiva della capitale, Roma, risulta sospesa fra richiami del passato e sollecitazioni più recenti. Fino al 7 maggio, gli studi di Cinecittà offrono una panoramica degli 80 anni di attività degli studios attraverso immagini di repertorio e dei grandi archivi raccolti dal titolo "Cinecittà. Fatti e personaggi tra il cinema e la cronaca". A 50 anni dalla nascita del gruppo dei Pink Floyd, Macro, il Museo di arte contemporanea offre, dal 19 gennaio al primo luglio i suoi spazi alla retrospettiva "The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains", il colossale allestimento già ospitato dal Victoria and Albert Museum di Londra. Il richiamo al passato si concentra nelle esposizioni "Il Tesoro di Antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento", fino al 22 aprile nelle Sale Espositive di Palazzo Caffarelli, le Stanze Terrene di Sinistra del Palazzo Nuovo e le Sale del Palazzo Nuovo e "Traiano", che fino al 16 settembre 2018 presso i Mercati di Traiano celebra, a 1900 anni dalla morte, la figura dell'imperatore che portò l'impero romano alla sua massima estensione. Il complesso del Vittoriano, Ala Brasini, sempre a Roma, ospiterà dal 2 marzo al 1 luglio (date da confermare) una personale di Liu Bolin "L'uomo invisibile", artista cinese di fama internazionale che ha reso il camouflage il suo tratto distintivo.

Pompei e Napoli

Pompei torna nel ruolo di protagonista al MADRE, Museo d'arte contemporanea Donnaregina a Napoli. La mostra "Pompei@Madre. Materia Archeologica" in programma fino al 24 settembre 2018 offre in visione le collezioni del Parco Archeologico di Pompei e del museo campano d’arte contemporanea in una creativo confronto fra patrimonio archeologico e ricerca artistica. Fino all'8 aprile, Gallerie d'Italia, Palazzo Zevallos Stigliano racconta il rapporto fra le correnti artistiche partenopee e gli ambienti della Parigi di metà Ottocento nell'esposizione "Da De Nittis a Gemito. I napoletani a Parigi negli anni dell’impressionismo". I mesi che intercorreranno fra ottobre 2018 ed aprile 2019 saranno invece dedicati alla grande retrospettiva di Escher, organizzata a Palazzo delle Arti di Napoli.

Favignana

L'antica tonnara dell'isola di Favignana sarà utilizzata, fino al 30 settembre, per ospitare le quasi 200 opere di Marco Papa "Meta Gondola Fisica Redentore", titolo dell'esposizione, offrirà una carrellata sulle varie forme di linguaggio adottate dall'artista ed una occasione per visitare l'ex Stabilimento Florio delle Tonnare.

Palermo

La natività del Caravaggio, opera di inestimabile valore, sottratta all'Oratorio di San Lorenzo a Palermo nel 1969, rivivrà fino al 17 ottobre grazie all'artista Bazan, autore di un'opera ispirata al capolavoro e resa in chiave contemporanea..

Catania


La mostra itinerante "I tesori nascosti da Giotto a de Chirico" resterà al Museo Civico del Castello Ursino a Catania fino al 31 maggio. Oltre cento opere per delineare l'evoluzione degli stili in un arco temporale di sette secoli. Dal 3 febbraio al 3 giugno infine, Palazzo della Cultura, sempre a Catania, celebrerà il percorso artistico di "Toulouse- Lautrec. La Belle Époque", con manifesti, litografie, disegni, illustrazioni, acquerelli, insieme a video, fotografie e arredi dell’epoca.
  •  

 Pubblicato da il 29/01/2018 - - ® Riproduzione vietata