Cerca Hotel al miglior prezzo

Tour di Lisbona, cosa vedere in 2 giorni, ecco l'itinerario

Grazie alle compagnie low cost possiamo sicuramente permetterci un fine settimana in giro per l’Europa e perché non scegliere Lisbona? Per chi non c’è mai stato, un fine settimana può dare la giusta visione d’insieme per un ritorno assicurato. La città non è grande e si può visitare tranquillamente in due giorni pieni, abdicando ovviamente da musei, gallerie d’arte e affini. Mi è stato proposto di stilare un itinerario di due giorni alla scoperta della città e delle sue numerose attrazioni. Bene, voglio premettere che l’itinerario non è adattabile a tutte le tipologie di viaggio, se arrivate ad esempio il sabato sera e ripartite la domenica non posso far miracoli.

Ipotizziamo che arriviate il venerdì sera. D’obbligo una passeggiata serale in Baixa (centro storico) magari proseguendo sin Praça do Comércio (piazza del commercio), percorrendo Rua Augusta e passando sotto al suo arco.

Cosa vedere il primo giorno

Partenza da Praça Dom Pedro IV (metro Rossio) Si sale su a Chiado per Rua do Carmo e Rua Garrett per arrivare a Largo do Chiado. Foto di rito seduti al tavolino di Pessoa e consiglierei di fare poi un salto nella stradina proprio di fronte la statua per ammirare il Teatro S. Carlos (nel palazzo di fronte, all’ultimo piano, nacque Fernando Pessoa).
Ritornati alla statua del poeta, potrete optare per due soluzioni: un giro in tram, il famoso életrico 28, che vi porta fin su la Basilica da Estrela, o potete proseguire a piedi per Praça Camões. Se optate per la seconda soluzione, una volta arrivati alla piazza basta continuare per la stradina alla destra della statua per arrivare all’elevador da Bica, altro simbolo della città e monumento nazionale.
A questo punto potete risalire Rua do Século, ammirando un quartiere storico e poco turistico. Se avete tempo, vi consiglierei di visitare il quasi sconosciuto Convento dos Cardaes (a pagamento), un gioiello portoghese. Continuando a percorrere la strada fino alla fine, arriverete al giardino di Príncipe Real, nel quartiere degli atelier di numerosi artisti e stilisti.
Deviando sulla destra arriverete al Miradouro di S. Pedro de Alcântara, una delle viste più belle della città. Riuscirete a fotografare il castello, la cattedrale e il fiume in un’unica inquadratura. Dopo le foto di rito, riscendete verso Chiado passando per la Chiesa di S. Roque, consiglierei una visita anche lampo per ammirare la sua cappella, la più ricca (economicamente parlando) d’Europa.
Prima di arrivare a Chiado passerete tra due chiese, sulla vostra sinistra troverete la Chiesa del Loreto, o chiesa degli italiani, merita sicuramente una visita.
Dirigetevi poi verso Rossio riscendendo Rua Garrett e percorrete Rua Augusta, la strada dello shopping, fino ad arrivare a Praça do Comércio, qui potrete rilassarvi dopo le ore di passeggiata percorse durante la giornata.

Cosa vedere il secondo giorno

Giornata da dedicare al Castello di San Giorgio, l’Alfama e Belém. Avviso che questo itinerario è abbastanza impegnativo, quindi se preferite una vacanza rilassante, opterei solo per uno dei due itinerari da spalmare su due giorni.
Per giungere al Castello io opto sempre per la salita a piedi, così da approfittare di una visita alla cattedrale, la Sé, e degli scatti fotografici al belvedere di Porta do Sol. Ovviamente potete anche scegliere l’ascensore che troverete difronte (attraversando 4 strade) l’uscita della metro baixa-chiado (uscita Rua do Crucifixo), riuscirete a vedere l’ascensore già all’uscita della metro. Oppure potete fare un giro nel 28, comodamente seduti (se optate per l’alba o la sera), per l’Alfama e poi riscendendo potete visitare il castello.
Il pomeriggio lo dedicherei alla visita del quartiere di Bélem con il Monastero dos Jerónimos (solo la chiesa ha entrata gratuita), la Torre e il Padrão dos Descobrimentos. Potete giungere qui con il tram 15 o vari autobus che si possono prendere a Praça da Figeuira (Rossio) o a Cais do Sodré.

Allora, vi ho fatto camminare abbastanza?
  •  

 Pubblicato da il 21/02/2015 - - ® Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close