Cerca Hotel al miglior prezzo

La Baixa Pombalina: l'elegante quartiere dello shopping a Lisbona

La Baixa č uno dei quartieri pių visitati di Lisbona. E' la zona dello shopping che si snoda dal fiume Tago alla Avenida da Liberdade. In stile neoclassico il quartiere fu ricostruito dopo il terremoto del 1755. Da non perdere l'Elevador de Santa Justa .

Il cuore del centro di Lisbona è la Baixa, la zona dello shopping e delle banche che si estende dalle rive del fiume Tago (o Tejo, in portoghese) fino al principio di Avenida da Liberdade, la principale strada della città. Questa è in buona parte area pedonale nonché la zona delle piazze, ed è stata completamente ricostruita dopo il terribile terremoto che nel 1755 rase al suolo la capitale; le sue strade, disposte secondo una pianta ortogonale, sono fiancheggiate da sobri ma eleganti edifici neoclassici, che rendono di fatto il quartiere il primo esempio di pianificazione urbana e design neoclassico dell'intera Europa.

La Baixa o anche Baixa  Pombalina, dato che laricostruzione post terremoto fu ordinata dal Marquês de Pombal, è punto di partenza ideale per scoprire Lisbona grazie alla sua posizione centrale ed alla varietà di attrazioni che si trovano nelle immediate vicinanze; nondimeno, è ottimamente collegata dal servizio di trasporto pubblico praticamente ad ogni angolo della città. All'estremità meridionale del quartiere si trova, come detto, il fiume Tago, che proprio nella baia lisbonese prende il nome di Mar de Palha (Mare di Paglia) per via della colorazione che assume con i riflessi del Sole; l'ingresso alla Baixa, e per esteso all'intera Lisbona, è la Praça do Comercio, l'immensa piazza che un tempo fungeva da imbarcadero per le navi che qui attraccavano.

Dall'Arco Triunfal posto sul lato nord della piazza inizia la strada pedonale per eccellenza della capitale, ossia la Rua Augusta, sulla quale si affacciano negozi, bar, ostelli e che da alcuni anni ospita anche il MUDE, l'eclettico Museo del Design e della Moda (1) che espone diverse interessanti collezioni di oggetti, abiti ed arredamenti principalmente del XX secolo, pezzi che si possono definire a pieno titolo di culto per la loro originalità.

Camminando nelle strade della Baixa, in prossimità dell'incrocio tra Rua Aurea e Rua de Santa Justa, non passerà inosservato il celebre Elevador de Santa Justa (2), un enorme ascensore alto quarantacinque metri costruito sul finire del XIX secolo ed inaugurato nel 1902; quest'opera architettonica in stile neogotico che collega la Baixa alla Chiesa del Carmo nel quartiere Chiado è attualmente una delle più visitate dai turisti, attratti soprattutto dalla terrazza panoramica posta sulla sua estremità superiore che consente una suggestiva veduta a 360° non solo sul quartiere, ma anche sulle zone circostanti fino al Castelo de São Jorge e al Tejo
.
Percorrendo la Rua Augusta in direzione nord si giunge al Rossio (pronuncia: Rossìo), nome comunemente usato per indicare la Praça Dom Pedro IV; questa è la piazza principale nonché la più viva della città, circondata su tre lati da semplici case costruite con linee regolari, mentre il lato nord è dominato dal Teatro Nacional de Dona Maria II (3), un bell'esempio di edificio in stile neoclassico ultimato nel 1846 proprio nel luogo che ospitava – prima del terremoto del 1755 – il Tribunale dell'Inquisizione, istituito nel 1571. Il teatro non si è tuttavia mantenuto intatto nel corso dei secoli, in quanto nel 1964 subì un grave incendio al suo interno e, pur riproducendo fedelmente lo stile che aveva in precedenza, dovette essere ricostruito per intero ed inaugurato nuovamente nel 1978. Nella piazza, oltre alle due fontane barocche del XIX secolo di provenienza francese, si trova il monumento a Dom Pedro IV; curiosamente, tutti a Lisbona sanno che in realtà la statua non raffigura il re portoghese, bensì l'imperatore asburgico Massimiliano del Messico e che di fatto il monumento fu beffardamente riciclato data la somiglianza tra i due nobili.

Immediatamente a nord-ovest del Rossio si trova l'omonima stazione dei treni (Estação do Rossio), un edificio neomanuelino di tre piani del 1887 inizialmente pensato come stazione centrale, ma che ben presto si rivelò poco funzionale per il traffico ferroviario in costante aumento; la sua caratteristica più nota è la bella entrata principale costituita da due archi a forma di ferro di cavallo generosamente decorati; attualmente svolge la funzione di terminal per le linee suburbane che collegano la capitale alla regione di Sintra.

La piazza adiacente al Rossio prende invece il nome di Praça da Figueira, una piazza quadrata particolarmente affollata durante il giorno perché qui fermano numerosi autobus e tram elettrici; prima del terremoto del XVIII secolo qui sorgeva un importante ospedale pubblico, mentre a partire dal XIX secolo e fino agli anni Cinquanta del Novecento fu sede del principale mercato cittadino, dapprima all'aperto e successivamente, a partire dal 1885, come mercato coperto. Oggi le fermate dei mezzi pubblici ne fanno un luogo soprattutto di passaggio, frequentato anche da borseggiatori che si fingono pendolari e colpiscono prevalentemente i turisti ignari della loro presenza. Al centro della piazza è comunque possibile ammirare la statua equestre di Dom João I; su un lato di Praça da Figueira trova sede invece la famosa Confeitaria Nacional, una delle più eleganti pasticcerie europee aperta nel lontano 1829 e tuttora in attività.

A nord della piazza la Igreja de São Domingos è una chiesa costruita nel 1241 ma a più riprese restaurata e rimaneggiata, anche a causa del crollo subito durante il famoso terremoto; la sua facciata è infatti settecentesca ed il suo interno ancor più recente, in quanto interamente ricostruito in seguito all'incendio che lo distrusse il 13 agosto 1959. La chiesa è un'opera barocca con una pianta a croce latina, formata da una sola navata e decorata all'interno con vari stili; imperdibili sono gli azulejos che adornano la sacrestia e la cripta.

Come curiosità finale si segnala, nello spiazzo antistante alla chiesa (chiamato Largo de São Domingos) la presenza di un piccolo bar specializzato nella vendita di un noto liquore a base di amarena, la ginjinha, che può essere servita a scelta con il frutto sul fondo del bicchiere, o pura; in ogni caso, lasciare Lisbona senza avere provato almeno una volta quello che per molti è l'orgoglio locale è da considerarsi un vero delitto...

(1) MUDE Museu do Design e da Moda
Rua Augusta 24, Lisbona
Aperto dal martedì alla domenica h.10-18
Entrata ibera
www.mude.pt


(2) Elevador de Santa Justa
Rua Santa Justa, Lisbona.
In funzione tutti i giorni h.7-21; ultima salita alle 20:45
Prezzo: 1,4o € per tragitto; sono validi gli abbonamenti dei trasporti pubblici.
Metro: Baixa / Chiado‎, linea azzurra e verde

(3) Teatro Nacional de Dona Maria II
Praça D.Pedro IV (Rossio), Lisbona.
Metro:
linea verde: stazione Rossio
linea azzurra: stazione Restauradores
www.teatro-dmaria.pt

 Pubblicato da il 18/11/2012 - 10.832 letture - ® Riproduzione vietata

close