Cerca Hotel al miglior prezzo

Safari nei parchi del Namib

Namibia, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il Namib è uno dei più antichi deserti del mondo, il suo nome significa ‘il nulla’. Si estende per 1600 Km lungo la costa e per altri 500 Km verso l’interno. In nessuno altro luogo al mondo esistono comunque paesaggi così desolati e al tempo stesso così vari. I panorami sono mozzafiato e suscitano continuo stupore per il loro continuo mutamento e varietà. I pochi corsi d’acqua della regione si fanno strada fra ghiaia e sabbia e anche nei periodi in cui sono più secchi, portano umidità sotterranea sufficiente a consentire la crescita di vegetazione lungo le sponde. Le famose ‘Dune del Namib’ si estendono dall’Orange al Kuiseb River nel sud e da Torra Bay al fiume angolano Cuoca nel nord. Sono dune dinamiche in quanto assumono forme particolari per effetto del vento e nonostante il loro aspetto spoglio ospitano un ecosistema complesso capace di vivere grazie all’umidità portata dalle frequenti nebbie. Nelle pianure ghiaiose del Namib vivono addirittura struzzi, zebre, manguste, scoiattoli.

Questo immenso deserto si divide in quattro aree: La prima è la Skeleton Coast. Il nome di questa costa deriva dalla sua natura insidiosa, sempre avvolta nella nebbia e per molto tempo cimitero di navi e marinai naufragati. Il tratto costiero a nord è il più desolato e l’accesso è permesso solo a coloro che si muovono con un tour organizzato. Nel tratto costiero più a sud i luoghi di maggior interesse sono Torra Bay e Terrace Bay.

La seconda è la West Coast Recreation Area, tratto costiero di circa 200 Km. caratterizzato da spiagge sabbiose. L’attrattiva da non mancare è Cape Cross, promontorio roccioso dove si trova la più famosa colonia di otarie della Namibia, ve ne sono migliaia. A sud si incontra Henties Bay, un villaggio di pescatori molto carino.

Namib-Naukluft Park è il più grande Parco Nazionale della Namibia ed uno dei deserti più antichi e aridi della terra. Offre paesaggi e colori contrastanti: all’oro della sabbia si affiancano il nero delle pianure di ciottoli e il bianco delle depressioni saline. Le altissime dune color albicocca contrastano con il colore verde-azzurro delle lagune, i profondi canyon con le vette frastagliate delle montagne. Sossusvlei è uno dei luoghi più visitati e conosciuti di questo immenso deserto. Si tratta di una pozza circondata da dune rosse alte fino a 300 metri. Dalla cima della famosa ‘Duna 45’, la più accessibile delle grandi dune rosse, si può ammirare un panorama indimenticabile: ci si potrà veramente rendere conto della vastità di questo deserto. Dalle pianura di ghiaia del Namib centrale si innalza il massiccio del Naukluft sul quale si può fare del trekking lungo dei percorsi meravigliosi.

La Diamond Area 1 è la riserva di diamanti della Namibia. Non ci si può assolutamente avvicinare, sia per tutelare questi minerali, sia perché si tratta di un’area alluvionale.

Da visitare anche il fish river canyon national park è un canyon profondo 550 m e lungo 160 Km, scavato dal fiume Fish. E’ senz’altro una meta d’obbligo per coloro che visitano il sud della Namibia in quanto offre degli scorci e dei panorami unici. Nei periodi di secca il letto del fiume si popola di numerosi animali.
  •  
close