Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Namibia

Namibia: Etosha, Waterberg plateau, Caprivi e Damaraland

L'Etosha National Park è senz’altro uno dei luoghi più affascinanti al mondo dove poter osservare da vicino moltissime specie animali nel loro habitat naturale. In lingua Owambo il significato di Etosha è ‘grande luogo bianco dall’acqua asciutta’, questo perché il parco è formato dall’Etosha Pan, un immenso deserto salino pianeggiante (depressione formatasi in seguito al prosciugamento di un lago), circondato da foreste e praterie. Un ambiente unico nel suo genere che offre senz’altro degli scenari sorprendenti e irreali.

Il Waterberg plateau park non è molto grande ma è un ambiente incantevole nonché l’unico parco montano della Namibia. E’ formato da un altopiano di arenaria che si erge 150 metri al di sopra della pianura. L’acqua piovana viene assorbita dall’arenaria fino a scendere lungo le pareti verticali dell’altopiano dove si creano delle verdi oasi lussureggianti. Il parco protegge molte specie in via di estinzione tra cui l’antilope nera, l’antilope roana, il rinoceronte bianco e nero. Può essere visitato solo prenotando anticipatamente la visita.

In una lunga e affusolata striscia di terra che si estende a est verso lo Zimbabwe e lo Zambia, nella regione di Caprivi, si trovano il Bwabwata National Park, il Mudumu e il Mamili, dove è possibile visitare gli ambienti più verdi e lussureggianti della Namibia.

La regione del Damaraland è situata al centro del paese formata da selvagge montagne desertiche e altipiani con vegetazione a macchia. Il nome di questa terra deriva da Damara, antichissima etnia del luogo. E’ una delle ultime aree faunistiche ‘non ufficiali’ della Namibia dove si trovano giraffe, zebre, antilopi, elefanti e rinoceronti. La regione offre moltissime attrazioni: il Brandeberg, un massiccio imponente di granito che al tramonto si accende di tonalità rosso fuoco. E’ soprattutto conosciuto per le pitture rupestri presenti in molte pareti rocciose: il sito più famoso che raccoglie queste pitture è il Tsisab Ravine, dove si trova il famoso dipinto della Signora Bianca di Brandberg, figura di donna dai capelli lisci e biondi. Il Numas Ravine è un altro preziosissimo sito di pitture rupestri sul versante occidentale del massiccio. La più grande concentrazione di graffiti del continente africano si trova però a Twyfelfontein. La foresta pietrifica è un’altra attrazione a 40 Km da Khorixas, capoluogo del Damaraland. Si tratta di una zona cosparsa di tronchi pietrificati di grandi dimensioni che si calcola abbiano all’incirca 260 milioni di anni. Lo Spitzkoppe è un’altra bellezza della regione: montagna di origine vulcanica alta 1728 m. che si erge su una vasta piana desertica.

  •  
loading...
close