Cerca Hotel al miglior prezzo

Verona: guida alla visita della città degli eterni innamorati

Verona, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Verona con i suoi 263000 abitanti è, subito dopo l'agglomerato urbano di Venezia, la città più popolosa del Veneto.
Si trova lungo il corso del fiume Adige ed è uno snodo di primaria importanza sia sull'autostrada che la ferrovia che conduce al Brennero, ma è fin dal tempo dei Romani una località strategica per le vie di comunicazioni tra l'Italia e l'Europa Centrale.
I tratti della dominazione Romana sono evidenti soprattutto nell'edificio simbolo della città, che l'ha resa famosa in tutto il mondo: parliamo ovviamente dell'Arena, il cuore pulsante della cultura scaligera,nonché uno degli anfiteatri meglio conservati del mondo. La sua impressionante scenografia fa da cornice ai principali eventi artistici di Verona, su tutti la stagione della lirica.

Verona, nell'immaginario del turista, rimanda direttamente a Shakespeare e ai suoi passi struggenti dell'opera “Romeo e Giulietta”, che qui è ambientata e che continua tutt'ora a richiamare folle di innamorati presso il balcone più fotografato del pianeta.
Ma andiamo con ordine.

Nonostante la bella fanciulla non abbia mai vissuto in quella casa, il Comune di Verona acquistò nel 1907 l'edificio in via Cappello 23, poiché ormai la leggenda aveva preso il sopravvento sulla realtà ed era convinzione ormai diffusa che quella fosse la casa dei Capuleti; in realtà, il bell'edificio del XIII secolo era la dimora della famiglia Dal Cappello, come testimonia anche lo stemma sull'arco interno del cortile. Cosa dire poi del fatto che il celeberrimo balcone dal quale, secondo la storia, Giulietta aspettava il suo Romeo sia stato costruito solo nel XX secolo? È evidente che la trovata turistica abbia dato i suoi frutti, perché sono decine di migliaia le persone provenienti da tutto il mondo che ogni anno visitano questo luogo. All'interno della casa si trova un piccolo museo, mentre nel cortile c'è spazio per la famosa statua in bronzo realizzata da Nereo Costantini della tragica eroina, il cui seno destro viene toccato in segno di fortuna dai visitatori. Le casa è inoltre spesso utilizzata anche come sede per celebrare i matrimoni.

Poco distante dalla Casa di Giulietta, vi sono Piazza dei Signori – sede del potere politico, sulla quale spicca la Loggia del Consiglio e il vicino palazzo degli Scaligeri, la più potente famiglia locale – e Piazza delle Erbe, l'antico Foro dell'epoca Romana. È proprio quest'ultima piazza ad essere questo il vero cuore e la vera essenza della città. Qui si affacciano gli edifici storici più prestigiosi ed è stato per secoli il luogo chiave della vita locale. Tra i palazzi più significativi ricordiamo il Palazzo della Ragione – detto anche Palazzo del Comune – edificato nel Duecento e oggi sede della Galleria d'Arte Moderna “Achille Forti” e l'adiacente alla Torre dei Lamberti, costruita nell'anno 1172, che con i suoi 84 metri è la torre più alta della città scaligera. Ancora: la Casa dei Giudici, già residenza del podestà, collegata al Palazzo Comunale attraverso l'Arco della Costa, famoso perché da qui pende una grande costola. Anche in questo caso le credenze e le leggende ebbero il sopravvento in tempi remoti: si diceva fosse una costola del Diavolo, ma la realtà è che si tratta di una costola di balena usata in passato per segnalare la presenza di un negozio di spezie. La tradizione dice inoltre che l'osso cadrò un giorno sulla testa della prima persona che vi passerà sotto e che non abbia mai detto una bugia.
Vi sono poi le Case Mazzanti, dipinte con suggestivi affreschi sulla facciata, il Palazzo Maffei con il suo caratteristico stile barocco, la Torre del Gardello (o Torre dell'Ora, per via dell'orologio qui installato), alta 44 metri, e la Domus Mercatorum, già sede della corporazione di Arti e Mestieri.
In mezzo alla piazza, infine, la Colonna di San Marco, sulla quale spicca la statua del leone, la Fontana di Madonna Verona, il Capitello in marmo e la Colonna Antica completano il quadro d'insieme di una delle più belle piazze italiane e forse del mondo.

Verona può mostrare orgogliosa ai turisti anche le cinque diverse cinte murarie che ancora in qualche tratto, seppur simbolicamente, la proteggono: si tratta rispettivamente dei terrapieni costruiti dai veneziani, delle mura e dei bastioni austriaci, delle mura scaligere – con annesse torri – sul colle San Pietro, delle rovine delle mura romane imperiali e della cinta duecentesca, sulla quale svetta la Torre Pentagona dei Portoni della Bra.
La basilica di San Zeno Maggiore è un altro luogo eccezionale da visitare, uno spettacolare esempio di chiesa romanica: inizialmente fondata nel V secolo d.C. in onore del patrono di Verona, fu ricostruita nel corso degli anni fino ad assumere le sembianze odierne. L'edificio attuale risale comunque al XII secolo. Al suo interno si trova anche una straordinaria pala opera del Mantegna.

Concludiamo la nostra guida introduttiva alla città di Verona parlando della grande protagonista e principale attrazione turistica della città: l'Arena.
Costruita nella prima metà del I secolo d.C., l'anfiteatro vanta oggi come allora dimensioni di tutto rispetto: si tratta di un edificio con base ellittica i cui assi misurano 75,68 x 44,43 metri per una capienza totale di circa 15000 posti.
L'Arena è stata utilizzata in questi duemila anni per spettacoli ludici di ogni genere e soltanto dal XIX secolo è divenuta un luogo adibito alla musica e in particolare alla lirica, che è ancora oggi il tratto distintivo dell'agenda culturale veronese. Sotto le sue imponenti mura si svolgono durante l'Avvento i mercatini di Natale, e tra gennaio e marzo è di scena il Carnevale Veronese.
  •  
close