Cerca Hotel al miglior prezzo

Cadipietra (Valle Aurina), vacanza sulla neve dell'area sciistica di Klausberg

Pagina 1/2

Cadipietra racchiude in sé il fascino selvaggio della natura montana, ma anche la grazia di un paese di bambole, perfettamente curato in ogni dettaglio. Abbarbicato a un’altitudine di 1054 m, il villaggio si trova nel lembo più settentrionale dell’Alto Adige, in provincia di Bolzano, ed è sede comunale della Valle Aurina. In uno scenario verdeggiante e idilliaco, pronto a glassarsi di neve candida non appena le temperature si abbassano, il piccolo borgo di Cadipietra ha sempre basato la sua economia sull’estrazione e la lavorazione del rame: già nel periodo medievale il vicino paese di Predoi iniziò a dedicarsi all’attività, che per oltre cinque secoli contribuì ad arricchire i villaggi dell’intera valle. Soltanto nel 1893, in seguito all’arrivo del rame d’oltreoceano, la cava divenne inutile e venne chiusa, ma il borgo conserva tuttora numerose testimonianze interessanti di quel periodo particolarmente prospero.

Da vedere la Casa del Giudice Minerario, collocata all’ingresso dell’abitato e realizzata nel XVI secolo: nel periodo in cui funzionava la miniera di Predoi era necessario un Giudizio Minerario apposito, in cui il giudice minerario risedette dal lontano 1545 al 1780 circa. Interessante anche il granaio di Cadipietra, la cosiddetta dispensa della miniera, che dal 2000 ospita la mostra mineraria locale e la preziosa raccolta della famiglia Enzenberg. Modelli lignei, dipinti storici, filmati, documenti di vario tipo e reperti riguardanti la miniera accompagnano i visitatori in un appassionante viaggio, alla scoperta della vita di un tempo in Valle Aurina. La costruzione, che ai tempi dell’estrazione mineraria serviva alla conservazione del grano, oltre al museo ospita l’ufficio turistico e l’ufficio postale.

Ma le testimonianze culturali di Cadipietra non riguardano soltanto le antiche attività di estrazione: sul territorio ci sono anche architetture raffinate, come quelle delle numerose chiese. Vale la pena di visitare la Chiesa della Madonna di Loreto, o della Madonna Nera, rimessa a nuovo intorno al 1700 così come possiamo ammirarla attualmente, agghindata dai dipinti dello Spirito Santo, dell’Incoronazione di Maria e dell’Ascensione di Maria al Cielo. Un’altra chiesa degna di nota, benché molto più recente, è la Parrocchiale di Cadipietra, fondata nel 1992 in un punto strategico del paese: vicina alla scuola, al padiglione della musica, alla chiesa vecchia e al granaio, la costruzione presenta all’interno degli affascinanti giochi di luce e un originale crocifisso intagliato da Jakob Oberhollenzer.

Per completare il tour culturale del paese si possono ammirare la Cappella di San Giovanni di Nepomuk, del 1736, e la Casa del fattore, un antico edificio in pietra oggi sede del Comune della Valle Aurina. I gioielli più pregiati che si possono vedere a Cadipietra e dintorni sono certamente le meraviglie naturali del paesaggio. Ogni stagione offre innumerevoli possibilità di praticare attività all’aria aperta, dalle escursioni allo sci, dalle pedalate in mountain bike alle esperienze più avventurose come il parapendio.

Chi visita la zona nella bella stagione potrà ammirare i verdi prati del Parco Naturale Cedrette di Ries-Aurina, con una superficie di oltre 31.500 ettari su cui si stendono laghi alpini splendidi, ghiacciai, cascate e pascoli, popolati da aquile, marmotte e camosci. Da vedere in particolare il lago Anterselva, sul lembo estremo dell’omonima valle, terzo lago naturale più vasto dell’Alto Adige. Da qui si possono volgere gli occhi verso le cime imponenti dell'Hochgall e Wildgall, sfiorando i 3000 metri di altezza.
... Pagina 2/2 ...
Ma le sorprese continuano con la stagione delle nevi, quando l’area sciistica di Klausberg accoglie gli amanti degli sport invernali: oltre 20 km di piste, servite da 8 impianti di risalita, a cui si aggiunge una pista permanente per le gare tra sciatori e snowboarder, per non parlare della grande quantità di rifugi confortevoli, scuole di sci e zone di gioco. A garantire un innevamento sempre impeccabile ci sono i moderni impianti per la neve artificiale, anche se l’altitudine elevata porta generalmente un buon innevamento naturale: le stazioni sciistiche vanno infatti dai 1050 ai 2510 metri di quota. Per chi non è mai stanco di scivolare lungo le montagne c’è anche una pista illuminata dopo il tramonto, che saprà regalarvi emozioni e vedute irripetibili sulle Dolomiti.

Con un paesaggio così, il clima di Cadipietra non poteva essere che di tipo alpino, titpico delle zone di montagna. In effetti gli inverni sono freddi, e nelle notti serene si possono raggiungere temperature molto basse: i valori medi del mese più rigido, gennaio, vanno da una minima di -7°C a una massima di 1°C. In estate le temperature si fanno più miti, con una minima media di 13°C e una massima di 25°C nel mese di luglio, ma le precipitazioni sono frequenti e improvvise: i mesi più piovosi, con una media di 19 giorni di pioggia ciascuno, sono giugno e luglio.

Se temete che queste condizioni atmosferiche possano togliere alla popolazione locale la voglia di fare festa vi sbagliate: sono infatti numerose le manifestazioni che vengono organizzate a Cadipietra nell’arco dell’anno, ottime occasioni per conoscere al meglio le tradizioni e gli usi locali. Tra gli eventi più attesi merita un accenno il Festival Internazionale delle Sculture di Neve, che si tiene a metà gennaio e vede sfidarsi 10 scultori d’eccezione, pronti a regalare ai turisti uno spettacolo scintillante.

Per raggiungere Cadipietra e la Valle Aurina potete scegliere tra diverse possibilità. Chi viaggia in auto deve percorrere l’autostrada A22, uscire a Bressanone, continuare sulla SS 49 - E66 della Pusteria fino a Brunico, quindi seguire le indicazioni per la Valle Aurina. Chi sceglie il treno dovrà scendere a Brunico e continuare il percorso in autobus, mentre gli aeroporti più vicini sono quelli di Bolzano, Innsbruck (Austria) e Trento, rispettivamente a 109 km, 135 km e 166 km dalla meta.
close