Cerca Hotel al miglior prezzo

Vulcano (Eolie). Vacanza nell'isola, tra fumarole, sorgenti calde e fanghi

Pagina 1/2

Secondo la mitologia greca Efesto, temibile dio del fuoco che si faceva servire dai Ciclopi, lavorava nelle sue fucine collocate su un’isola mediterranea, nell’arcipelago delle Eolie. L’isola in questione, che prese il nome dalla stessa divinità romana, è Vulcano, uno “scoglio” di 21 km quadrati al largo della costa siciliana settentrionale, in provincia di Messina. Le Bocche di Vulcano, una lingua di mare di 750 m circa, separa Vulcano da Lipari, la principale delle Isole Eolie.

Chi oggi approda su Vulcano non troverà le fucine di Efesto, né tantomeno un’impresa di ciclopi, ma scoprirà un ambiente naturale quasi incontaminato, con un piccolo borgo abitato detto Porto di Levante. Qui, oltre alle abitazioni di costruzione piuttosto recente, si allineano sul mare i negozietti di souvenir e prodotti tipici, generosi di conchiglie, minerali, pietre dure e altri ricordi dell’attività vulcanica passata.

La località si distingue proprio per le manifestazioni di natura vulcanica che, ancora oggi, si verificano costantemente: molti sono i turisti che si recano qui, non solo per godere delle spiagge e del mare, ma per beneficiare dei fanghi bollenti e delle fumarole sottomarine, un toccasana per le cure termali, per i reumatismi e le malattie della pelle. Ma il paesaggio “vulcanico” non è solo benessere e relax: l’avventura non manca per chi desidera esplorare tutto il territorio alla scoperta dei paesaggi più affascinanti e, allo stesso tempo, aspri e ostili.

Dirigendosi verso il Cratere della Fossa, ad esempio, ci si immerge in un’atmosfera nebulosa, invasa da un intenso odore di zolfo e caratterizzata dalle cosiddette “fumarole”, le emissioni di vapori sulfurei che sbuffano dal suolo. Da non perdere assolutamente sono la Spiaggia delle Fumarole, dove si può fare il bagno in un mare decisamente caldo, e le Spiagge Nere, dove la sabbia presenta la classica colorazione scura conferita dalle sostanze minerali presenti.

Un’ottima idea per conoscere Vulcano in tutta la sua estensione è partecipare a una gita in barca, avventurandosi in un giro completo dell’isola. L’escursione comincia dal Porto di Levante e prosegue verso nord-ovest fino alla piccola penisola di Vulcanello. Superando il canale che separa Vulcano da Lipari si giunge alla meravigliosa Grotta del Cavallo: conosciuta anche come Grotta dell’Eremita, è un grande antro roccioso a cui si accede mediante tre ingressi. All’interno le gallerie, i cunicoli, i laghetti, le stalattiti e le stalagmiti si illuminano di una luce surreale, in un gioco di bagliori e ombre che toglie il respiro. Continuando in barca nella stessa direzione, si passa presso il Faro di Gelso e si può infine rientrare al Porto di Levante.
... Pagina 2/2 ...
Per chi ama la natura ma non vuole rinunciare al massimo comfort, l’ambiente vulcanico è ricreato nel Parco Termale, con le sue piscine geotermiche in cui lasciarsi coccolare dal massaggio rilassante dell’acqua corrente.

A Vulcano non mancano poi le occasioni di festa e di divertimento, che allietano il villaggio e regalano ai turisti la possibilità di conoscere più a fondo le tradizioni popolari del luogo. Tra gli eventi estivi più importanti e più caratteristici c’è la Sagra della Ginestra, che si svolge ogni anno nel mese di giugno; in inverno invece, nel periodo natalizio, un bel presepe vivente accresce l’incanto e la magia delle feste.

Per raggiungere Vulcano ci sono varie corse in traghetto e aliscafo, alcune con scalo a Lipari, altre dirette a destinazione senza tappe intermedie. I porti di partenza sono quelli di Napoli, Reggio Calabria, Milazzo o Palermo: una volta sbarcati a Lipari occorre circa un quarto d’ora per approdare a Porto di Levante sull’Isola di Vulcano. Da Milazzo, invece, si può arrivare alla meta direttamente, in un’ora e mezza se si viaggia in nave o, se si prende l’aliscafo, in circa 45 minuti.

Una volta conquistata l’isola, ci si troverà immersi in un clima mediterraneo idilliaco, perfetto per i bagni di mare e di sole e piacevole anche in primavera e autunno. In luglio e agosto, i mesi più caldi, le temperature medie vanno da una minima di 23°C a una massima di 31°C, ma una brezza marina costante rinfresca l’aria e tiene lontana l’afa; in gennaio invece, il mese più freddo, le temperature medie variano tra gli 8°C e i 14°C. Foto wikipedia, cortesia: Man77, Brisk g, Webern
loading...
close