Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ravensburg

Ravensburg (Germania) visita alla cittą dei giochi e dei puzzle

Pagina 1/2

Sentendo nominare la città di Ravensburg, forse a molti verranno in mente i famosi giochi in scatola e i puzzle della casa editrice specializzata tedesca Ravensburger, conosciuta nel mondo con l'angolo blu: proprio qui infatti, nel land tedesco del Baden-Württemberg tra l’Algovia e il Lago di Costanza, si producono i celebri giocattoli tanto amati dai bambini e non solo.

Ravensburg è una delle più belle città storiche della Germania del sud e può essere raggiunta in soli 15 minuti da Friedrichshafen sul Lago di Costanza. Ogni angolo della città vecchia ha in serbo per il visitatore storia ed aneddoti, e molti di questi eventi storici sono direttamente collegati a più di una dozzina di torri che attribuiscono alla vecchia città mercantile una sagoma inconfondibile. L'emblema della città è la torre Mehlsack, sacco di farina, che si erge sulla città imponendosi allo sguardo con la sua mole ed il bianco raggiante delle sue pareti. Questa torre è stata costruita nel XIII secolo insieme alla Blaserturm come parte del sistema di fortificazione della cittadina. Al giorno d'oggi le due torri invitano il visitatore con la possibilità di spaziare con lo sguardo sulla città.

Oggi Ravensburg, con i suoi 50 mila abitanti, rappresenta il fulcro principale dell’economia della regione, ma già in passato si trattava di un centro estremamente fertile da un punto di vista commerciale. Specialmente sul finire del medioevo, tra il XIV e il XV secolo, Ravensburg visse un periodo di grande splendore grazie alle fiorenti industrie del lino e della carta. Allo stesso periodo risalgono le architetture più rappresentative della città vecchia, tra cui la sede della Große Ravensburger Handelsgesellschaft, la Grande Compagnia Commerciale che si occupava delle relazioni d’affari con tutto il resto d’Europa, sino alla Spagna e alla Polonia.

Già da lontano il centro presenta la sua caratteristica più pittoresca e interessante, le torri medievali che svettano oltre i tetti delle case e si stagliano sul cielo azzurro della Germania. “Città delle torri e delle porte”, non a caso, è infatti il soprannome di Ravensburg: le slanciate costruzioni sono più di una dozzina, realizzate per la maggior parte tra il XIV e il XV secolo. La forma della pianta e il disegno architettonico globale le differenziano tra loro: dalla torre angolare, semicircolare o circolare, si tratta di presenze eleganti e imponenti che un tempo difendevano la città dagli attacchi nemici.

Le più importanti e note sono: la Blaserturm, alta 51 metri e aperta al pubblico da aprile a ottobre, dal lunedì al venerdì pomeriggio e il sabato mattina; e la Mehlsack, anch’essa di 51 metri e aperta negli stessi mesi dell’anno ma soltanto durante il fine settimana. In particolare da quest’ultima torre si gode un panorama splendido sulle costruzioni circostanti e oltre la città, fino alla vegetazione che abbraccia il centro abitato. Il cuore vero e proprio di Ravensburg è un susseguirsi di piazze e zone pedonali, a misura di passeggiata: alla vivacità e alla modernità di una città ricca, con negozi e locali sempre in atmosfera di festa, si può fondere con armonia la visita della città vecchia, passando in rassegna i monumenti e i palazzi più antichi.

Dalla piazza centrale, la Marienplatz, partono due vie interessanti: la Bachstraße, che attraversa un piccolo torrente, e la Marktstraße, restaurata recentemente in modo grazioso e elegante. Lungo la Marktstraße si erge il vecchio edificio della ditta Ravensburger, oggi adibito a museo dei giochi: qui si può ripercorrere la storia della fabbrica a partire dal 1883, quando vennero realizzati il primo gioco, il primo libro e il primo puzzle.
Pochi anni fa ha aperto il nuovo museo della Ravensburger, installato nella casa madre dell'azienda che si trova nella parte vecchia della città. L’orgoglio dei cittadini per la famosa ditta, tanto amata dai più piccoli, traspare anche da altri particolari: all’ingresso della città, infatti, si trova il Ravensburg Spieleland, un parco a tema conosciuto anche come “la più grande stanza dei giochi del mondo” con più di 50 attrazioni per bambini e non solo. Sullo stesso tema si svolge ogni anno in città la Ravensburg spielt, una manifestazione festosa in cui tutta la cittadinanza si riunisce per giocare e tornare all’infanzia per un momento.

... Pagina 2/2 ... Ma le occasioni culturali non si fermano qui: molto vivo è infatti l’interesse per il teatro e la musica, testimoniato dalla presenza di numerosi ed elegantissimi teatri e auditori. Alla Konzerthaus, fondata circa 1000 anni fa, si tengono grandiosi concerti, mentre al Zehntscheuer si preferiscono gli spettacoli di cabaret e all’Altes Theater si trova la pinacoteca statale. Nella Brotlaube, infine, si trova il piccolo teatro delle marionette. Un’altra manifestazione che si svolge in città è la Rutenfest, annunciata dallo sparo del piccolo cannone della torre Mehlsack. Si tiene nel mese di luglio e in tale occasione si riversano in città tutti gli ex abitanti di Ravensburg e turisti da ogni parte del mondo, per ammirare il corteo storico che il lunedì sfila per il centro. Studenti con i costumi storici, bande musicali, cavalli e carri coloratissimi rappresentano uno spettacolo da non perdere se ci si trova in città in estate.

Un'ulteriore attrazione molto frequentata è il mercato settimanale che ha luogo ogni sabato e che è molto apprezzato come punto d'incontro. Oggi come un tempo, contadini e produttori di ortaggi e frutta della regione attirano i visitatori presentando i loro prodotti nella Marktstraße, in pieno centro. Dal 2009, infine, esiste a Ravensburg anche il Museum Humpis-Quartier, un impressionante complesso di edifici risalenti al tardo medioevo che si prefigge lo scopo di far rivivere molto da vicino la storia di Ravensburg.

Clima
L’estate è in effetti un ottimo periodo per visitare Ravensburg, in quanto le temperature miti non troppo elevate consentono di passeggiare senza accaldarsi. In luglio e agosto i valori medi vanno infatti dai 12°C di minima ai 23°C di massima. In inverno al contrario il freddo pungente regala belle nevicate, e non fa altro che accrescere l’atmosfera suggestiva dei mercatini natalizi: in gennaio la minima media si aggira intorno ai -5°C, mentre la massima non supera i 2°C.

Come arrivare
Per raggiungere Ravensburg ci si può servire dell’aereo, atterrando all’Aeroporto Friedrichshafen che si trova a circa 20 km, oppure del treno, grazie alla stazione cittadina situata sulla linea ferroviaria Ulm-Friedrichshafen. Chi si sposta in macchina, sulla A8 che collega Stoccarda a Monaco deve prendere l’uscita Ulm-West; chi viaggia sulla A81 da Stoccarda a Singen deve imboccare l’uscita Stockach; chi invece segue la A96 da Monaco a Lindau deve uscire a Wangen-West.

Foto cortesia: Sito Ufficiale di Ravensburg
close