Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Valencia

Il Rincón de Ademuz, La Serrania e Requena-Utiel

La diversità fra il litorale e l'entroterra è la caratteristica che più definisce il paesaggio delle terre della provincia di Valencia. Poco distanti dal capoluogo si aprono percorsi vari, tanto diversi gli uni dagli altri quanto belli. Il clima mediterraneo e la natura determinano il suolo che occupa la fascia costiera. Fra il mare ed i primi poggi montagnosi, vicino al mare, sulle paludi e le risaie, gli estesi orti e gli infiniti agrumeti, l'acqua dei fiumi e del mare costruiscono un paesaggio aperto e fertile, composto da un susseguirsi di grandi e piccoli nuclei abitativi. Più in la dei monti, invece, che limitano la pianura, si estendono le zone di coltivazione in seccagna, il clima continentale comincia a farsi sentire, i paesi si allontanano gli uni dagli altri e l'influenza di Castiglia ed Aragona si fa presente nella gente.

Il Rincón de Ademuz è talvolta il territorio più singolare poiché costituisce un'isola valenziana in terre di Aragona e Castiglia-La Mancha. L'elevata altitudine gli conferisce un clima freddo in inverno e molto gradevole in estate, un fatto che rende el Rincòn un luogo molto frequentato in cui praticare il trekking. L'architettura dei paesini principali spicca per le diverse peculiarità: balconate in legno, .antichi mulini ad acqua, eremi o chiese fortificate. Bisogna mettere in risalto l'eremo della Virgen de la Huerta e la Chiesa di S. Pedro e S. Pablo presso Ademuz, la Chiesa Fortezza della Virgen de los Angeles a Castielfabib, ed il Museo Etnologico de La Puebla de San Miguel.

La Serrania è uno dei territori più scoscesi della provincia. Attraversata dal fiume Turia, richiama l'attenzione per i suoi paesaggi ripidi. Il bacino artificiale di Benagéber consente la pratica di attività nautiche, senza dimenticare le immense pinete e gli eccellenti monti circostanti per il trekking. La nitidezza delle notti ad Aras de los Olmos la rende una località apprezzata per l'osservazione degli astri (è presente un osservatorio astronomico). Del suo ricco patrimonio artistico spiccano i centri storici di Alpuente con le sue mura, antico regno di Tayfa, (il quale, addirittura, coniò la propria moneta), Chulilla o Chelva, dalle stradine strette e accidentate, dove è ancora possibile passeggiare per il ghetto ebraico ed il quartiere arabo, conosciuto col nome di Benacacira; imponenti castelli, come quello di Chulilla (vedi foto) ed impressionanti monumenti tra cui l'acquedotto romano di Pena Cortada, a Calles. Per riposare o semplicemente per un po' di relax, in questa "comarca" (territorio) esistono due stabilimenti balneari, quello di Fuencaliente a Chulilla e quello di Verche a Calles.

Molto diverso è l'altopiano di Requena-Utiel, in cui è situata la gran riserva vitivinicola della provincia. Questo territorio rurale, il più ad occidente, rappresenla la ricchezza paesaggistica della provincia, poiché alla zona pianeggiante di Requena si uniscono i magnifici paraggi de los Cuchillos e las Hoces del Cabriel, od i frondosi boschi di Sinarcas. I due grandi nuclei urbani in cui si articola l'economia del territorio sono Requena ed Utiel. Requena è rinomata per la "Villa" e per l'antico centro storico medioevale (in cui si possono percorrere le Grotte "Cuevas de la Villa"), pieno di monumenti e edifici di gran valore storico, tra cui le Chiese gotiche del Salvador (vedi foto) e di Santa Maria o la Torre dell'Homenaje, mostre di uno splendente passato. Utiel merita una visita accurata, in cui poter ammirare la Chiesa dell'Asuncion, la Plaza de Toros, il Santuario della Virgen del Remedio e la Bodega Redonda (sede del Museo del Vino).

Fonte: Ufficio Spagnolo del Turismo
Milano 02/72004617 - Roma 06/6783106
Visita Spain.info
 
  •  
close