Cerca Hotel al miglior prezzo

New Jersey: viaggio attraverso il piccolo stato americano

New Jersey, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il New Jersey è uno stato del Mid-Atlantic degli Stati Uniti, situato nel nord-est del paese e confinante con New York a nord, con la Pennsylvania ad ovest, con il Delaware a sud-ovest, e bagnato dall’Oceano Atlantico ad est. Lo stato, per estensione territoriale uno dei più piccoli degli USA, risulta essere densamente urbanizzato, tanto da contenere quasi 9 milioni di persone in una superficie di appena 22.000 km², per intenderci di dimensioni simili a quelle della Sardegna.

L’area nord-orientale, una di quelle più altamente popolate, è definita anche la Gateway Region, “Regione d’Ingresso”, soprannome derivato dalla presenza nel territorio della famosa Ellis Island, l’isola dalla quale entrarono in America milioni e milioni di emigranti affascinati dal sogno americano. Le province nord-occidentali, raggruppate all’interno del cosiddetto Skylands, sono contraddistinte da un territorio collinoso e verde, decisamente più rurale, e privo di grandi città e annesse aree metropolitane. Scendendo verso sud ci si addentra nella Shore Region, una regione interamente pianeggiante affacciata sulle acque dell’Oceano, la cui città più conosciuta è Atlantic City.

180 milioni di anni fa, in pieno periodo giurassico, il New Jersey confinava con l’Africa. Questa curiosità, abbondantemente documentata dalle molte teorie relative alla deriva dei continenti, serve ad introdurre il capitolo riguardante la storia del New Jersey, che ovviamente prenderemo in considerazione partendo da epoche più recenti. Fino all’inizio del ‘600 questi territori erano abitati solo ed esclusivamente dalla tribù nativa dei Lenapi, un popolo particolarmente ingegnoso che si garantiva da vivere grazie a caccia, pesca e tecniche agricole avanzate, attività radicalmente soppiantate a discapito del commercio di pelli e manufatti artigianali con l’uomo bianco. Prima ancora degli inglesi, che ottennero ufficialmente buona parte dell’odierno Mid-Atlantic nel 1664, furono gli olandesi a stabilirsi da queste parti, fondando decine di città ed insediamenti, passati in mano americana solo al termine della Rivoluzione, per la quale il New Jersey lottò strenuamente, diventando il terzo dei primi tredici stati membri ad entrare a far parte dell’Unione il 18 dicembre 1787. Da ciò si evince come si stia parlando di uno stato da sempre all’avanguardia, che non perse occasione di farsi notare anche a metà dell’Ottocento quando fu uno dei primi a dotarsi di un impianto industriale avanzato, in grado di sostenere un’economia sempre più rigogliosa. Il più grande ricercatore del secolo che prestò i suoi servigi alla città fu indubbiamente Thomas Edison (1847-1931), autore di più di mille brevetti scaturiti da invenzioni geniali, assolutamente inimmaginabili all’epoca.

Uno stato così densamente popolato eppure privo di metropoli, questo è uno degli aspetti curiosi del New Jersey la cui capitale è Trenton, che non arriva neanche a 100.000 abitanti, e che tuttavia è la seconda città dello stato per numero di residenti. La collocazione è perfettamente centrale rispetto ai confini statali, così da poterla considerare indistintamente appartenente all’area metropolitana di New York o alla Valle del Delaware. Il sito turistico più importante e conosciuto è il Washington Crossing State Park, istituito presso il luogo esatto in cui George Washington, il 26 dicembre 1776, attraversò le acque del fiume Delaware per attaccare le truppe inglesi di istanza a Trenton.

Come già detto, e come in quasi tutti gli stati degli USA, la capitale non è la città più grande e popolosa, che in questo caso risponde al nome di Newark. Quest’ultima, soprannominata “Brick City”, “Città del Mattone”, annovera 280.000 abitanti e si affaccia sull’omonima Baia di Newark, otto chilometri ad ovest dell’isola di Manhattan e circa quattro a nord di Staten Island, entrambe appartenenti alla città di New York. La sua vicinanza all’Oceano ha contribuito all’accrescimento porto, divenuto uno dei più importanti della costa nord-orientale degli Stati Uniti. All’occhio di un turista risulterà particolarmente bella e ricca di offerte downtown, il cuore amministrativo ma in fin dei conti anche turistico di Newark, ideale per passeggiare e rilassarsi, ma anche per visitare alcuni siti di notevole interesse artistico e culturale, come la Newark Public Library, il Newark Museum e il New Jersey Historical Society.

Le altre due città dello stato da segnalare sono: Atlantic City, nota anche come la Las Vegas dell’Est a causa delle molte analogie che presenta con la capitale del divertimento globale, dalla quale ha cercato e cerca di prendere spunto negli sfarzosi hotel e negli scintillanti casinò, che da queste parti raggiungono la massima espressione, in termini di ostentazione di eleganza, nell’incredibile Trump Taj Mahal casino Resort, di proprietà di Donald Trump; e Bridgeton, 20.000 abitanti, riconosciuta come il maggiore historic district dello stato potendo presentare quasi 2200 edifici risalenti agli ultimi 300 anni.

Da vedere al di fuori delle città ci sono l’High Point State Park, undici chilometri a nordovest di Sussex sulla NJ 23, che comprende la vetta più alta del New Jersey, quasi 600 metri sul livello del mare, da cui lo sguardo spazia sui due stati confinanti, New York e Pennsylvania, disegnando scenari spettacolari, e lo Stone Pony, presso Asbury Park. Quest’ultimo è una tappa mitica per gli appassionati del rock, che potranno vedere e toccare con mano il locale dove mosse i primi passi “The Boss”, il grande Bruce Springsteen, divenuto famoso suonando da queste parti insieme alla mitica E Street Band. Il geniale cantautore non è comunque l’unico personaggio eminente nato o cresciuto in New Jersey, terra natale del maestro dell’illusione David Copperfield, della “Voce” per eccellenza Frank Sinatra, ma anche di uno degli animali più conosciuti al mondo, che chiunque di noi a visto decine di volte ma magari non ricorda: il leone che ruggisce incorniciato dal simbolo della Metro Goldwin Mayer, morto nel 1938 e sepolto nel giardino di una casa a Long Hill.

La maggior parte del New Jersey presenta un clima subtropicale umido, con la sola eccezione delle contee nord-occidentali che hanno un clima continentale, sensibilmente più fresco. Le estati sono generalmente calde e umide, con temperature medie massime intorno ai 30 gradi, e minime che difficilmente scendono sotto i 16/17 gradi, quantomeno nei mesi di luglio e agosto. Gli inverni invece sono freddi, caratterizzati da temperature quasi sempre prossime allo zero nelle zone costiere o limitrofe, marcatamente sotto zero nell’entroterra, specie quello settentrionale. Le precipitazioni raggiungono mediamente un totale annuo intorno ai 1.200 mm di pioggia, equamente distribuiti su tutti i dodici mesi, in molti casi sotto forma di neve tra dicembre e marzo, occasionalmente a carattere temporalesco durante l’estate. Uragani e tempeste tropicali non sono affatto frequenti, ma a preoccupare sono soprattutto nor’easters, fronti depressivi in discesa dal Canada, che possono causare gravi inondazioni.

Il settore dei trasporti è particolarmente efficiente e variegato, così da rispondere alle esigenze di cittadini e turisti che debbano raggiungere lo stato o semplicemente muoversi al suo interno. In tal senso verte l’aeroporto internazionale Newark Liberty International Airport, uno dei più frequentati degli USA vista la vicinanza con New York, ottimamente collegato al centro della città da centinaia di corse ferroviarie quotidiane prese in gestione dall’Amtrak. Poco distanti sorgono altri due aeroporti più piccoli: l’Atlantic City International Airport ed il Trenton-Mercer Airport. Come già accennato i trasporti ferroviari, molto comodi per i brevi spostamenti extraurbani, sono gestiti dall’Amtrak, l’azienda nazionale dei trasporti, con cui collabora il New Jersey Transit Corporation, che gestisce anche l’efficiente servizio autobus. Le principali arterie di comunicazione stradale sono: I-76, I-78, I-80, I-95, I-195, I-280, I-287 e I-295 per quanto riguarda le Interstate, ma anche US 1 e US 9, senza dimenticare che vi sono comunque anche molti traghetti che ogni giorno percorrono in lungo ed in largo la Delaware bay.

Fonte foto, cortesia: wikipedia
Autori: Diliff; Jamaalcobbs
  •  

 Pubblicato da - 09 Dicembre 2008 - © Riproduzione vietata

close