Cerca Hotel al miglior prezzo

Ghostbusters compie 30 anni, tour nei luoghi del film a New York City

Correva l’anno 1984. Tutti eravamo più giovani, Albano e Romina Power vincevano Sanremo e nelle sale cinematografiche usciva un film che avrebbe cambiato per sempre il mondo della commedia: Ghostbusters. La pellicola, diretta da Ivan Reitman e magistralmente interpretata da Bill Murray (Peter Venkman), Dan Aykroyd (Raymond Stantz), Harold Ramis (Egon Spengler) e Ernie Hudson (Winston Zeddemore), oltre ad incassare più di 400 milioni di dollari è entrata nel cuore di tutti i ragazzi (e non) dell’epoca che, a 30 anni di distanza, serbano ancora un ricordo indelebile delle battute al vetriolo del Dott. Venkman, di Gozer il Distruttore e di Slimer, il vorace ectoplasma verde al seguito del gruppo di acchiappafantasmi.

Proprio a Slimer, assurto agli onori della cronaca grazie soprattutto alla successiva serie televisiva e al cartone animato, è stata intitolata un’iniziativa davvero curiosa che New York City, laddove è ambientata la vicenda, ha voluto dedicare ai suoi eroi in divisa da officina: il Green Slime Walking Tour.

Il tour è una sorta di pellegrinaggio attraverso i luoghi che hanno maggiormente segnato la pellicola, nonché un modo del tutto originale per promuovere angoli meno conosciuti della “Grande Mela”. Le tappe sono sette, strutturate in un ordine che non segue lo sviluppo cronologico del film e può essere modificato a piacimento.

La prima tappa non è il Sedgewick Hotel dove Slimer viene catturato per primo dai novelli Ghostbusters, perchè l'hotel usato per le riprese è in realtà il Biltmore Hotel di Los Angeles.

La partenza avviene invece da Columbus Circle, all’incrocio tra Broadway e la 59th St, dove Stay Puft Marshmallow Man inizia la sua campagna del terrore nei confronti della città. Qui, in particolare, si possono visitare il Museum of Art and Design (www.madmuseum.org), l’edificio bianco che si staglia alla destra del colossale pupazzo in abiti marinareschi al momento della sua prima inquadratura, e lo Shops at Columbus Circle (www.theshopsatcolumbuscircle.com) presso il Time Warner Center.

La seconda tappa è il magnifico Stephen A. Schwarzman Building (anche noto come Main Branch), sede della New York Public Library, tra 5th Av e 42nd St. All’interno dell’enorme biblioteca, costruita nel 1911, gli impavidi acchiappafantasmi incontrano la loro prima preda, reagendo in maniera tutt’altro che professionale...

Usciti dalla New York Public Library si fa rotta verso l’Upper Side West, tra Broadway e la 116th St, dove sorge la Columbia University (www.columbia.edu), la celebre università fondata nel lontano 1754. Chi ha visto il film ricorderà perfettamente la mansione precedente a quella di acchiappafantasmi di Venkman, Stantz e Spengler, impiegati come ricercatori universitari presso il dipartimento di parapsicologia. E’ proprio il licenziamento dalle rispettive mansioni accademiche a far scattare la molla che li spingerà a varcare la soglia del paranormale.

Al 55 di Central Park West, tra la 65th e la 66 St, si trova l’appartamento (Spook Central) di Dana Barrett, l’affascinante musicista interpretata da Sigourney Weaver. E’ dalla cima di questo palazzo che i Ghostbusters salvano New York liberandola definitivamente da Gozer, una sottospecie di malvagio semidio sumero venuto dal 6.000 a.C. Malgrado gli effetti speciali impiegati durante il montaggio ne abbiano notevolmente alterato le dimensioni, è su questo edificio che gli acchiappafantasmi incrociano i flussi delle loro armi convogliandole su Stay Puft Marshmallow Man (incarnazione di Gozer) riducendolo a un ammasso informe di zucchero fondente.

A breve distanza, sulla 67th St, c’è il ristorante Tavern on the Green (www.tavernonthegreen.com), di fronte al quale Louis Tully, alias Rick Moranis, è attaccato e posseduto dal bestiale Gozer. Dopo aver chiuso per 4 anni, si dice a causa di un fantasma, la taverna ha riaperto i battenti candidandosi a ospitare romantiche cene a lume di candela e brunch domenicali.

Penultima tappa del tour è il luogo forse più amato dai fans dei Ghostbusters, ovvero il loro quartier generale. L’edificio in questione è la caserma dei vigili del fuoco Hook & Ladder No. 8, al n°14 di North Moore St in TriBeca. Nel film gli acchiafantasmi lo eleggono a loro sede in quanto abbandonato, ma nella realtà il palazzo è utilizzato dai temerari uomini del New York City Fire Department (FDNY).

Per chiudere in bellezza non resta da vedere che il Lincoln Center Foundation, al n°10 di Lincoln Center Plaza, nell’Upper West Side. E’ in questa piazza che, al termine del film, dopo averne passate di cotte e di crude, Peter e Dana riescono finalmente a darsi appuntamento.

A prescindere dall’eventuale visita newyorkese, stasera e domani, 18 e 19 novembre, anche in Italia si festeggia il 30esimo compleanno dei Ghostbusters. In moltissimi cinema verrà trasmessa in via del tutto eccezionale una versione restaurata e digitalizzata 4K del film originale, un’occasione più unica che rara per rivivere emozioni sopite negli anni ’80 o far conoscere a chi ancora non ne avesse avuto la fortuna i celebri acchiappafantasmi.
  •  

 Pubblicato da il 18/11/2014 - - ® Riproduzione vietata

close