Foto 7 di 25

UNESCO 20013: le foto dei siti dichiarati Patrimonio dell'Umanitą, 2 sono italiani

4 Vota   

Il deserto del Namib, Namibia - UNESCO - Si estende per lo più in Namibia, alla quale dà il nome, ma sfocia anche nell’Angola e nella Repubblica Sudafricana: è il deserto del Namib, che nella lingua del popolo Nama, nativo della regione, significa “luogo vasto”. Vasto è dir poco: il deserto più antico del mondo, arido da oltre 80 milioni di anni, è un’infinita distesa di sabbia e dune che supera i tre milioni di ettari. Ha il fascino tipico dei luoghi ostili, dove la vita è difficile ma la natura sembra incantata, e ha la particolarità che le sue dune si sono formate con materiali trasportati dai fiumi, dalle correnti oceaniche e dal vento da migliaia di chilometri di distanza. Il territorio, che in buona parte è compreso in riserve naturali protette tra cui il Namib-Naukluft National Park, è uno splendido affresco di pianure di sassi, altopiani costieri, colline rocciose, lagune e torrenti stagionali - © JaySi / Shutterstock.com