Cerca Hotel al miglior prezzo

Nuova Zelanda: viaggio nell'Isola del Nord da Auckland a Wellington

Pagina 1/2

L'Isola del Nord della Nuova Zelanda con una superficie circa un terzo dell’Italia (115.000 km quadrati) è forse meglio conosciuta nel mondo per il suo singolare altopiano vulcanico al centro, ma offre fantastici spunti di viaggio in tutto il suo territorio.
E' indubbio però come il fascino della sua cintura di vulcani come quelli di Tongariro, Ruapehu e Ngauruhoe e i magnifici esempi di geyser e sorgenti termali della zona di Rotorua abbiano davvero pochi rivali nel resto del mondo.
In più nel distretto di Waitomo troviamo le Waitomo Caves, con le loro caverne, i fiumi sotterranei ed i scintillanti glow worms, i vermi luminosi come lucciole,che sono una delle più popolari attrazioni dell’isola, e le belle foreste del nord con gli enormi alberi Kauri e le grandi spiagge selvagge, completano il quadro di una isola davvero speciale, e da scoprire con entusiasmo, passo dopo passo.

Il viaggio per arrivare nell’isola del Nord della Nuova Zelanda è piuttosto impegnativo. Il Turista vi consiglia di prendervi qualche ora di stacco e compiere uno Stop Over in qualche destinazione intermedia. In totale si hanno circa 26-27 ore di volo, con 2 tratte lunghe di circa 12-13 ore ciascuna di permanenza in aereo, ed allora vale la pena di prendere una pausa di un giorno in una località del sud-est asiatico, in genere Bangkog, Singapore, Kuala Lumpur e Hongkong. L’aeroporto di arrivo migliore è sicuramente quello internazionale di Auckland, il più vicino alle zone turistiche più importanti dell’isola del Nord.

Il periodo giusto per visitare l’Isola del Nord della nuova Zelanda è sicuramente l’estate neozelandese e cioè il periodo compreso tra dicembre e marzo. Le temperature risultano estive e piacevoli, specie nelle zone a nord di Auckland, ed anche il mare raggiunge valori superiori ai 21-22 gradi centigradi, sufficienti per un bagno rinfrescante e piacevole allo stesso tempo. La parte dell’isola della zona di Wellington presenta invece un clima più fresco, molto piovoso ed incerto nell’inverno neozelandese, che scarica parecchi mm di pioggia fra aprile e novembre, ed occasioni di nevicate sulle montagne dell’interno dove è possibile sciare.

Cosa fare e vedere nell’Isola del Nord della Nuova Zelanda?
Isola del Nord dispone di quattro importanti parchi nazionali e cioè quello di Urewera, il monte Egmont, ed i parchi di Whanganui e Tongariro che offrono scenari Patrimonio dell'Umanità, campi vulcanici, sorgenti termali, aree sciistiche, foreste vergini, fiumi e siti storici Maori.
Wellington è la capitale del paese, che per la sua ricchezza teatrale, musicale e artistica pretende anche il titolo di Capitale Culturale. Il centro più grande della North Island è invece Auckland, una città cosmopolita conosciuta per la sua vibrante vitalità e la sua magnifica posizione su alcune baie spettacolari.

La zona del Far North e del Cape Reinga è nota come il nord della Nuova Zelanda privo dell’inverno, con un clima mite tutto l’anno e molto caldo nell’estate neozelandese. Questa zona è la patria del Cape Reinga, territorio molto accidentato e spettacolare, in cui il mare di Tasmania e L’Oceano Pacifico convergono e spazzano l’incredibile spiaggia delle novanta miglia (Ninety Mile Beach).
... Pagina 2/2 ...Sempre in tema di mare non è da perdere “The Bay of Islands” ovvero la baia delle isole, uno dei più belli parchi marini della Nuova Zelanda, in una zona che offre immersioni, fantastiche nuotate con i delfini, spiagge sabbiose e importanti villaggi storici. Tra l’altro il trattato di Waitangi fu firmato proprio qui nell'ormai lontano 1840.

La baia di Hokianga è conosciuta per le sue enormi dune di sabbia bianca. Molti Maori hanno antenati che affondano le loro radici proprio a Hokianga Harbour. La zona è anche il sito dei Wairere Boulders, una valle ricca di massi basaltici, unici nel loro genere.
Per chi è appassionato di botanica uno dei luoghi più belli dell’Isola del Nord è la Waipoua Kauri Forest, situata sulla costa occidentale della Northland. Questo residuo di foresta nativa kauri, ospita l'antichissimo albero kauri chiamato tane Mahuta (Il re della foresta) che si pensa debba avere circa 2.000 anni di vita, comunque un albero impressionante per le sue dimensioni colossali.
Per chi è appassianto di immersioni non è poi da perdere la Tutukaka Coast, ubicata a nord-est di Whangarei.

Da non perdere sono sicuramente le Waitomo Caves, le grotte calcaree che sono una delle più famose attrazioni della Nuova Zelanda paesi, con le loro misteriose caverne sotterranee illuminate da migliaia di glow worms, simpatici vermi fosforescenti, ricchi di luciferina.
Rotorua e le aree termali del centro sono tra le più popolari destinazioni della Nuova Zelanda e offre ai visitatori bellissimi laghi, la vibrante cultura Maori, e i spettacolari geyser ed altri interessanti fenomeni post-vulcanici.

Il Tongariro National Park è dominato da tre grandi vulcani ed è Patrimonio dell'Umanità dell’UNESCO. Durante l’ inverno, il Monte Ruapehu diventa il comprensorio sciistico più importante dell’Isola del Nord.
Wellington si trova a ridosso di un suggestivo porto, ed è la capitale del paese che gode di una vivace scena artistica e caffè cultura, ed è sede del pionieristico museo nazionale del paese, Te Papa. Ci sono grandi traghetti collegamenti con l’isola del Sud dove magari visitare con una breve escursione il parco Nazionale Abel Tasman, o andare a vedere le balene a Kaikoura.
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittà World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close