Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Velletri

Velletri (Lazio): cosa fare e vedere nella cittą ai piedi dei Colli Albani

Pagina 1/2

Velletri, splendida località dalla storia illustre, sorge nel cuore dei Castelli Romani, a cavallo tra i Colli Albani e l’Agro Pontino. Una città maestosa, dunque, la cui storia ha inizio in età precristiana, quando i Volsci occuparono questo territorio attribuendogli il toponimo “Velestrom”, poi cambiato dai Romani in “Velitrae”, gli stessi Romani con cui il popolo volsco ebbe da subito rapporti complicati e altalenanti fatti di alleanze, ribellioni, assedi e altre vicissitudini, che si conclusero nel 338 a.C. con la definitiva conquista romana della città, da cui venne esiliata l’aristocrazia locale e di cui furono distrutte le mura e confiscati i beni.

Da quel momento, la vita di Velletri si acquietò e la città si diresse pacificamente verso l’epoca medievale, epoca in cui passò sotto la dominazione dei Conti di Tuscolo prima e divenne indipendente poi, grazie all’intervento di Papa Bonifacio VIII, con un provvedimento del tutto eccezionale per l’epoca. Velletri fu dunque libero comune, amministrato da sindaci e priori fino al 1559, anno in cui alla città fu imposto un governo vescovile. La storia di Velletri procedette sotto la guida dello Stato Pontificio ed essa fu poi teatro di battaglie e importanti eventi della storia geopolitica italiana ed europea, fino a essere poi in gran parte distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale.

Una storia complessa e travagliata come quella di Velletri, nonostante i deturpamenti della guerra, non poteva certo non lasciare delle importanti tracce sul territorio, in cui a partire dai siti archeologici, fino ad arrivare ai monumenti ai caduti della guerra, l’offerta turistica è varia e diversificata. Dell’antica città dei Volsci sono rimasti, ad esempio: un’antica cisterna, un mosaico, alcune ville rurali e numerosi reperti esposti in parte nel Museo Civico Archeologico locale e in parte in altri musei italiani, tra cui il Museo Nazionale Archeologico di Napoli.

Per quanto riguarda l’architettura religiosa, Velletri dispone di una lunga serie di splendide chiese, tra le quali spiccano la Chiesa di Santa Lucia, una delle più antiche della città, l’imponente Basilica Cattedrale di San Clemente, la Chiesa di Santa Maria del Trivio, la Chiesa di Sant'Antonio da Padova e molte altre. Velletri è anche la città dei grandi palazzi, come il Palazzo Comunale - famoso per i suoi splendidi affreschi e le splendide sale, ricche di iscrizioni narranti la storia della città - il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Ginnetti, demolito nel dopoguerra e di cui purtroppo rimangono solo il parco e la sinuosa Villa Bernabei.

L’altro grande vanto della città, emblema della sua sfera culturale, è costituito dai suoi quattro teatri, rinomati in tutta la zona per aver ospitato spettacoli autoriali a opera di grandissimi nomi del teatro italiano.

... Pagina 2/2 ... Velletri è anche molto altro: è una città dalla storia travagliata, come si è detto, e tutte queste vicissitudini sembrano quasi essere raccontate dall’imponenza delle mura fortificate, rase al suolo dai Romani e poi ricostruite nel Medioevo insieme a tre entrate principali: Porta Santa Lucia, Porta Romana e Porta Napoletana, quest’ultima rimasta praticamente intatta nel tempo.

Il folclore, fatto di tradizioni antiche e recenti, si manifesta attraverso numerose festività ed eventi durante il corso dell’anno. Vi sono le ricorrenze religiose, come le Feste patronali di Santa Maria delle Grazie e di San Clemente, ma anche feste popolari quali il Carnevale Popolare Veliterno, che prevede sfilate di carri allegorici ed eventi per bambini, l’amatissima Festa dell’Uva e del Vino, celebrata in settembre in onore dell’ottima produzione vinicola locale.

Menzione particolare merita la famosa Festa delle Camelie, celebrata ogni marzo per queste splendide piante che crescono abbondanti nelle zone rurale di Velletri e in occasione della quale si tengono mostre di vario genere, attività ludiche e didattiche, gallerie fotografiche, mercatini con esposizione e vendita di prodotti artigianali e agroalimentari locali, degustazione di dolcetti aromatizzati alla camelia, realizzazione di opere artistiche a tema e concerti.

Per arrivare a Velletri da Roma, è consigliabile percorrere la Via Appia e prendere l’uscita 23 del G.R.A. in direzione Albano. Arrivando invece dal nord o dal sud di Roma, è consigliabile percorrere l’A1 Milano-Napoli, proseguire in direzione Napoli fino al casello di Valmontone e percorrere la via Ariana fino a Velletri.

loading...
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close