Cerca Hotel al miglior prezzo

Monsummano Terme: week end benessere colline del Montalbano

A seconda della direzione in cui si volge lo sguardo, il paesaggio che abbraccia il comune di Monsummano Terme in Toscana non è mai uguale: a proteggere la città c’è una girandola di ambienti diversi e affascinanti, dalle colline del Montalbano alla zona umida del Padule di Fucecchio, passando per il lembo orientale della piana di Lucca e l’area semicollinare di Larciano.

Nel cuore di una campagna tanto ricca si colloca Monsummano Terme, cittadina in provincia di Pistoia di circa 21 mila abitanti, trafitta nella parte centrale dal corso placido del torrente Candalla. Immersa nel verde, la località è un’ottima base per le esplorazioni naturalistiche nei dintorni, che possono riguardare il Padule, con la sua flora e la sua fauna variegate, perfetto per il birdwatching, oppure il Monsummano Alto, rilievo di circa 340 metri dalla pendenza spettacolare, caratterizzato da una serie di cave ormai inutilizzate.

Monsummano Terme, come il nome suggerisce, è soprattutto relax e vita salutare. Le grotte termali naturali, con le loro temperature elevate, hanno proprietà terapeutiche note, e ad esse si affiancano moderni stabilimenti in cui si praticano diversi trattamenti come l’antroterapia, particolarmente indicata per le forme neuro artritiche, le infezioni delle vie respiratorie, la riabilitazione dopo traumi e fratture o le affezioni dermatologiche.

Gli stabilimenti principali sono due, Grotta Parlanti e Grotta Giusti, dove si può godere anche di massaggi, trattamenti rilassanti e cure di bellezza. In particolare nel complesso Grotta Giusti c’è una nuovissima piscina termale all’aperto, con tanto di cascata e idromassaggi subacquei e con una temperatura dell’acqua mantenuta sempre sui 35°C. Ciliegine sulla torta della stazione termale sono il parco secolare, in cui sono immersi l’edificio termale e l’albergo, e la grotta millenaria con stalattiti e stalagmiti, che funge da sauna naturale disintossicante.

Ma Monsummano Terme non si ferma all’offerta benessere, tutt’altro. La città ha ancora molto da offrire in termini di arte, storia e cultura. Molte sono ad esempio le chiese interessanti che costellano il centro, tra cui spicca il santuario della Madonna della Fonte Nuova. La basilica, eretta nel 1602 per volere del Granduca Ferdinando I De Medici, corrisponde al fulcro storico e urbanistico del borgo vecchio: sorge sul sito di un antico tabernacolo, oggi incluso nell’altare maggiore della chiesa, su cui sono raffigurati la Vergine col Bambino e quattro santi.

Un altro edificio rappresentativo di Monsummano, entrato nella tradizione e nella storia locali, è l’Osteria dei Pellegrini, commissionata dallo stesso Ferdinando I per ospitare i pellegrini in viaggio verso il Santuario della Fonte Nuova. Iniziata nel 1607, l’osteria subì un’importante opera di rinnovamento tra il 1995 e il 1998, diventando un prestigioso centro polivalente per le attività comunali. Oggi è sede della Biblioteca, di parte dell’Archivio Storico del Comune, del Museo della Città e del Territorio e del Centro Studi e Ricerca. Nelle sue sale si tengono anche esposizioni temporanee, conferenze e attività culturali.

Da vedere infine Casa Giusti, in cui nacque il poeta Giuseppe Giusti nel maggio del 1809. Costruita tra il 1791 e il 1793 per volere del nonno di Giuseppe, la dimora ospitò il poeta per i primissimi anni della sua infanzia, finché la famiglia non si trasferì a Montecatini nel 1815. Dopo la cura del corpo, i trattamenti benefici e le visite culturali, arriva il momento di coccolare i propri sensi con l’appagamento del palato: a questo scopo c’è Cioccolosità, deliziosa festa del cioccolato che si tiene in febbraio e accoglie, oltre a innumerevoli buongustai, numerosi maestri artigiani sia italiani che stranieri. Un altro evento importante di Monsummano Terme è il GREST, che si tiene in luglio della chiesa rettoria di Cristo Redentore nella frazione Le Case.

Chi decide di trascorrere un soggiorno rigenerante a Monsummano non avrà difficoltà a raggiungere la meta, qualunque mezzo si scelga di usare per gli spostamenti. Chi viaggia in auto deve percorrere l’Autostrada A11 Firenze-Mare e uscire a Montecatini Terme, per poi seguire i cartelli fino a destinazione, mentre chi prende il treno troverà la stazione Montecatini-Monsummano lungo la linea Firenze-Viareggio. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Pisa e Firenze, rispettivamente a 55 km e 50 km circa.

Giunti a Monsummano Terme ci si troverà perfettamente a proprio agio anche grazie al clima dolce e piacevole, caratterizzato da temperature sempre miti e piogge scerse per gran parte dell’anno. Le temperature medie del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di 2°C a una massima di 11°C, mentre in luglio e agosto oscillano tra i 17°C e i 29°C. Le precipitazioni, quasi assenti durante l’estate, raggiungono il picco massimo in ottobre e novembre, quando cadono in media 120-122 mm di pioggia mensili.
  •  

 Pubblicato da - 09 Settembre 2009 - © Riproduzione vietata

close