Cerca Hotel al miglior prezzo

Venturina Terme (Toscana): il Calidario e la visita alla cittadina

Venturina Terme, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Venturina Terme è famosa soprattutto per il pregio delle sue acque termali e delle strutture di benessere collegate. Questa piccola località della Toscana si trova nel comprensorio della Val di Cornia, estremo lembo a nord della Maremma, racchiuso fra le spiagge tirreniche della Costa degli Etruschi ed un entroterra caratterizzato dal profilo delle Colline Metallifere.

Nonostante un ambiente ancora prevalentemente silvestre, caratterizzato dalla presenza di boschi, pinete ed abbondante selvaggina, Venturina si trova a meno di cinque kilometri dal mare, che nel periodo estivo viene preso d'assalto con le sue spiagge di Rimigliano e del Golfo di Baratti.

Storia

La storia di Venturina è strettamente legata allo sfruttamento delle principali ricchezze di questo territorio: le acque termali ed i giacimenti di minerali: per questo motivo, lo sfruttamento di queste risorse è attestato sin dall'epoca etrusca per poi proseguire nel corso della dominazione romana.

La sua storia successiva è invece legata alle grandi famiglie che ne ebbero il possedimento, ovvero i Della Gherardesca, signori della Val di Cornia, e successivamente i Medici, che provvidero a bonificare la zona dalla malaria prosciugando il lago di Rimignano e convogliandone le acque nel Fosso di Caldana che sfociava sulla vicina costa.

Cosa vedere a Venturina Terme e dintorni

La principale attrazione di Venturina è naturalmente il suo complesso termale, che copre un'area complessiva di circa 60.000 mq e comprende ben due stabilimenti, lo stabilimento termale Calidario - Terme Etrusche e lo stabilimento Terme di Venturina

Il primo dei due è principalmente dedicato ad un tipo di termalismo legato al benessere e al relax, dunque ad un'esperienza termale di tipo "ricreativo", ed è famoso per il suo cratere, un invaso in cui l'acqua, sgorgando dal sottosuolo, crea un laghetto termale naturale.
Il secondo è invece dedicato prevalentemente alla funzione "curativa" delle acque termali, ed è quindi più adatto a chi cerca specifici percorsi terapeutici naturali legati al concetto di salus per aquam.

Di particolare interesse negli immediati dintorni di Venturina sono Il Castello di Magona che domina l'abitato e il Mausoleo di Caio Trebazio, monumento funerario di epoca romana con torretta che sorge a poche centinaia di metri dall'abitato in località Caldana, dedicato ad un patrizio della vicina Populonia, il parco Archeo-minerario di San Silvestro, che comprende le vestigia delle strutture di lavorazione dei metalli sia moderni che dell'epoca etrusca e romana, oltre ad un suggestivo percorso di visita all'interno delle ex-miniere ed ai relativi impianti museali (Museo del Minatore, Museo archeologico e dei minerali, Museo della Macchine Minerarie).

Il parco minerario, che si visita grazie all'apposito trenino, presenta come maggiore attrazione la Rocca medioevale di San Silvestro, che si eleva, appuntita, sopra agli antichi giacimenti metalliferi. Infine, la Rocca di Campiglia, struttura difensiva con cui la famiglia Della Gherardesca dominava l'intera Val di Cornia, e che comprende al suo interno un Museo dedicato all'esposizione dei reperti relativi sia al castello che al parco archeologico in cui si inserisce

A breve distanza da Venturina si trovano anche l'antica città etrusca di Populonia, con le sue tombe monumentali e lo splendido Golfo di Baratti.

Cosa fare: attività, eventi e manifestazioni

Il comprensorio della Val di Cornia in cui si trova Venturina Terme propone una serie di attività interessanti e complementari al benessere termale fra le quali un bagno alla spiaggia della Principessa, detta anche "di Rimigliano". E' la lunga lingua di spiaggia libera e selvaggia, bordata di fitta pineta, in cui d'estate si può prendere il sole e fare il bagno gratuitamente. E' possibile anche fare trekking a cavallo. Il territorio ancora relativamente selvatico della Val di Cornia rende avventuroso un percorso di questo tipo. Questo è reso possibile dai numerosi ranch e centri ippici, nati proprio allo scopo di sfruttare il rinato interesse dei visitatori per questo genere di escursione. Vi sono infine gustosi percorsi enogastronomici: la Val di Cornia è rinomata per i suoi vini, segnatamente i rossi, protetti da un'apposita Denominazione di Origine Controllata. Il modo migliore per assaggiarlo è seguire l'apposito Strada dell'Olio e del Vino della Val di Cornia, istituita per valorizzare le cantine vinicole della zona. La vicina cittadina di Suvereto è un ottimo punto di partenza.

Come arrivare a Venturina Terme

Venturina Terme è raggiungibile in macchina/moto/camper percorrendo il tracciato, in parte autostradale (A12) ed in parte libero da pedaggio (Strada Statale 1 Aurelia) che collega Genova a Roma. E' quindi il percorso ideale sia per chi viene da sud che da nord, bordeggiando la costa tirrenica della Toscana.

Chi invece proviene dal centro della Toscana ha tre alternative, a seconda dello snodo da cui proviene:

• da Firenze, si può percorrere sia la Superstrada Firenze-Pisa-Livorno (Fi-Pi-Li) ovvero la via Volterrana, più tortuosa ma più panoramica, per poi proseguire lungo la Costa degli Etruschi fino a Venturina;
• da Siena, si può invece utilizzare la statale 223 (raccordo "Siena Grosseto") e deviare poi dal capoluogo maremmano verso la località termale

Quanto ai trasporti pubblici, Venturina è ben servita dalla stazione del treno di Campiglia Marittima, che dista meno di 5 km dal centro abitato, e si trova sulla linea ferroviaria che collega Livorno e Roma. E' inoltre disponibile il servizio di bus dell'ATM Piombino che, partendo dalla famosa località nota per le sue acciaierie, effettua un percorso circolare che raggiunge la stazione di Campiglia e prosegue poi per Venturina.
  •  

News più lette

close