Cerca Hotel al miglior prezzo

Vacanza a Stintino tra le acque pił limpide del Mediterraneo

Stintino, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Quando arriverete alla Spiaggia della Pelosa, con un intreccio di tonalità che virano dal verde al turchese, passando ad un azzurro intenso che prelude al blu cobalto delle acque al largo, il tutto magnificamente incorniciato dal bianco della spiaggia e dal fondale del cielo, vi sentirete in un altro mondo, al pari dei viaggiatori dei Caraibi e della Polinesia, tutto vi farà provare l'emozione di chi si trova davanti alle acque cristalline di un atollo.
E invece siete in Sardegna, più precisamente nella parte nord occidentale dell'isola, sulla penisola di Stintino, separata da uno stretto dall'isola dell'Asinara.

La spiaggia della Pelosa è divenuta un simbolo di tutta la Sardegna, un posto che deve essere assolutamente visitato perchè difficilmente troverete un luogo migliore per tuffarvi in un mare quasi sempre calmo, e godere del relax di una spiaggia di sabbia così fine e candida. Sullo sfondo la torre che dà il nome al lido, la Torre della Pelosa, una costruzione di classico stile aragonese che da un tocco in più al paesaggio. La torre fu costruita nel sedicesimo secolo a difesa delle coste e si trova su di un isolotto quasi collegato alla terraferma, sullo sfondo il profilo dell'Asinara, isola dove i fondali e la macchia mediterranea danno spettacolo assoluto.

Stintino è una piccola località, la sua storia nasce alla fine del diciannovesimo secolo, quando alcune famiglie contadine si insediarono nell'area. Negli ultimi anni, grazie alla celebrità della Pelosa, il paese ha conosciuto un grande sviluppo e offre una discreta ricettività alberghiera.
Un altra spiaggia molto bella si trova appena a sud di Stintino, la Spiaggia delle Saline, forse meno affascinante della Pelosa ma nell'alta stagione meno affollata e quindi un buon rifugio per chi cerca tranquillità e mare pulito.

Se da Stintino si attraversa il promontorio in direzione ovest, gli scenari della costa cambiano radicalmente: In prossimità di Torre Falcone dominano le rocce a picco sul mare, e i venti di maestrale mantengono sempre vivace il mare, con onde violente che si infrangono rumorosamente sulle rocce. A cala Luna si può accedere al mare in una cornice di rocce colorate. In questo modo, dotati di maschera e boccaglio, potrete avventurarvi in uno scenario di fondali e rocce, ricchi di pesci e di colore.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close