Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Carloforte

Carloforte e l'Isola di San Pietro, la Sardegna che parla ligure

All'estremità della Sardegna, sulla costa sud-orientale dell'isola di San Pietro, è situato il grazioso centro di Carloforte. La posizione è incantevole: a nord e a est le coste della Sardegna e la vicina isola di Sant'Antioco con il grande invaso delle saline. L'Isola di San Pietro fa parte dell'arcipelago sulcitano (anche detto arcipelago del Sulcis), di cui è la seconda in termini di estensione (51 Km²), sesta invece tra le isole italiane. Di chiara origine vulcanica, ha coste alte e rocciose, mentre l'entroterra è rivestito da una fitta macchia mediterranea.

Nota per il Turista: una zona di quest'isola dà il nome ad un particolare tipo di roccia (le commenditi) individuate e studiate qui per la prima volta. Gli amanti di birdwatching possono ammirare il gabbiano corso ed il falco della regina, i quali nidificano su queste scogliere.

Carloforte è l'unico centro abitato dell'isola, la quale conta circa 6600 abitanti, di cui 6488 concentrati in questa località. Il dialetto dei suoi abitanti, l'aspetto e le consuetudini ne fanno un'isola culturalmente ligure. Questa particolare connotazione ha chiaramente un motivo. Nel 1720 la Sardegna passò per motivi di successione, dalla Spagna ai Savoia. Contestualmente in un'isolotto della Tunisia, una lontana colonia ligure di pescatori di corallo (Tabarca o Tabarka) doveva essere abbandonata. Fu così che i suoi abitanti, che dal 1540 vi risiedevano, furono trasferiti qui. L'ingegnere di corte di Carlo Emanuele II, tal Augusto de la Vallée, progettò una nuova città, Carloforte (fondata nel 1738) e che proprio da Carlo Emanuele prese il nome. Il primo insediamento fu una cittadella fortificata, il "Castello", ma immediatamente, nella parte pianeggiante si formò un borgo, di fronte al porto. Le aree intermedie furono edificate nel corso di un secolo. Lo sviluppo fu legato alla fortuna e al declino della pesca, alle saline e alle miniere. Una cinta muraria (1806-1810) circondò l'abitato da terra; era un semplice muro alto e stretto, incapace di resistere a qualsiasi assalto di una certa violenza.

Cosa vedere? Anzitutto un tour per ammirare le antiche mura di cui abbiamo appena parlato. Poi percorrendo i vicolini raggiungete la parrocchiale di San Carlo e il palazzo Rombi. Se vi piacciono le passeggiate in pineta e i panorami mozzafiato, dirigetevi a La Punta, dove potrete ammirare in un solo colpo d'occhio, tutta l'isola e la costa sarda a pochi chilometri. In corrispondenza di Cala Lunga, l'isola sfodera un’impressionante scogliera a strapiombo. Diversamente dal versante occidentale dell’isola, basso e sabbioso, qui a nord il litorale è frastagliato di grotte, calette e speroni, selvaggio e incontaminato ad eccezione degli stabilimenti delle tonnare. I fondali profondi, di un blu intenso, non sono l’ideale per chi ha bambini piccoli o non ha confidenza con l’acqua, ma per chi ama i tuffi, lo snorkeling e le immersioni Cala Lunga è un paradiso. Le scogliere, che nei secoli sono state modellate dai venti e dalle onde, sono comunque una meta valida per una bella passeggiata, meravigliose anche in bassa stagione.
Cala Lunga fa parte del Comune di Carloforte, località La Punta, ed è raggiungibile grazie alla strada 101 che dal porto di Carloforte costeggia il mare e porta al lembo più settentrionale dell’isola, seguendo i cartelli.

Seguendo la strada panoramica ad ovest, raggiungerete Capo Sandalo, dove si si trova Cala Fico e la Montagna di Caporosso. Le saline e l'osservatorio astronomico, realizzato nell'ex forte San Vittorio, si trovano poco a sud di Carloforte. Se siete invece alla ricerca di belle spiagge, vi segnaliamo la più bella: La Caletta, sita sulla costa ovest. Non male, sulla costa ad est anche Bobba e Girin. Presso queste ultime si trovano due faraglioni trachitici, detti Le Colonne. Da non perdere anche un'escursione in barca a vela, attorno all'isola ma anche fino all'isola Piana (poco a nord), su cui potrete visitare l'edificio di una grande ex tonnara, oggi adibito a centro turistico, che ha però ancora l'architettura originale.

Come arrivare sull'isola di San Pietro? La si può raggiungere in traghetto, circa 30-40 minuti, imbarchi da Calasetta o da Portoscuso.
  •  
loading...
25 Agosto 2017 Il Cinema sotto le Stelle a Cinecittą World ...

In questa caldissima estate 2017 solo di sera si può trovare un ...

NOVITA' close