Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Diamante

Diamante (Calabria): spiagge e mare sulla Riviera dei Cedri

Pagina 1/2

Nel 1638 un violentissimo terremoto distrusse molti paesi dell’attuale provincia di Cosenza, in Calabria: spaventati e rimasti senza casa, gli abitanti dell’entroterra si trasferirono sulla costa e alcuni di loro, rimboccandosi le maniche, iniziarono a costruire la piccola città di Diamante. Passato lo spavento per la catastrofe naturale, i superstiti devono aver pensato che quell’angolo di costa, affacciato sul Mar Tirreno, in fondo non era così male: nella costa nord-occidentale della Calabria, nel cuore della Riviera dei Cedri, guardando verso il mare blu si vedevano 8 chilometri di splendide spiagge sabbiose, e girandosi verso l’interno si rimaneva affascinati di fronte alle montagne imponenti, spesso spruzzate di neve.

Oggi Diamante, con i suoi 5 mila abitanti e l’aspetto mite di antico borgo marinaro, è un piccolo gioiello degno del nome splendente che porta. Lambita da un’acqua cristallina in cui i pesci sembrano volare, la cittadina comprende anche l’Isola di Cirella, piccolo isolotto dalla forma suggestiva fatto di rocce calcaree modellate dal mare, ricche di grotte e insenature nascoste. Ricoperta di macchia mediterranea dai profumi freschi, l’isola ospita i ruderi di una vecchia fortificazione militare, detta Torre di Cirella, eretta nel 1562 per difendersi dai pirati turchi.

Anche sulla terraferma Diamante possiede una bella torre costiera, che aveva scopi difensivi, mentre poco lontano ci si imbatte nella splendida Chiesa dell’Immacolata, realizzata nel Seicento grazie al contributo di tutti i cittadini benestanti del borgo. Ancora oggi, per questo motivo, sono visibili al suo interni gli stemmi delle famiglie che avevano partecipato all’opera, ma il vero protagonista delle decorazioni è il marmo: l’interno è interamente rivestito di marmo candido, mentre le pareti esterne splendono di marmi variopinti lavorati dai maestri napoletani. La chiesa fa poi da scrigno a numerose importanti statue lignee, tra cui si ricordano quella di San Nicola di Bari, del XVII secolo, e quella della Madonna del Carmine, del XVIII secolo.

Particolarità di Diamante, che colpisce e fa innamorare i visitatori, sono i murales coloratissimi che si possono ammirare percorrendo le stradicciole cittadine. Sono più di 150 i dipinti, realizzati sui muri delle case nel centro storico o nella frazione di Cirella, a partire dal 1981 da artisti di fama internazionale. Alle opere d’arte figurativa si accompagnano le frasi che poeti, scrittori, giornalisti e storici hanno tracciato sulle stesse pareti, e che fanno di Diamante un grande e suggestivo museo all’aperto. La splendore della natura circostante e la vivacità dei colori in città, trovano riscontro in una effervescente vita quotidiana, ricca di eventi tradizionali e feste popolari. Tra queste, una manifestazione golosa e particolare è il Festival del peperoncino, in onore dell’ingrediente piccante più usato nella cucina calabrese.
... Pagina 2/2 ...
Per circa una settimana, all’inizio di ogni settembre, si susseguono le degustazioni, le mostre a tema, le presentazioni di libri e addirittura la premiazione della miglior tesi di laurea sul peperoncino. A controllare il tutto con la massima serietà c’è l’Accademia Italiana del Peperoncino, che ha sede a Diamante e conta migliaia di aderenti in tutto il mondo.

Per raggiungere la perla della Calabria in auto dal nord, si deve percorrere l’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire a Lagonegro, imboccare la SS 585 che porta verso la costa tirrenica e immette nella SS18 verso sud, da percorrere fino a Diamante. Chi viene d sud deve percorrere la A3 fino all’uscita di Falerna, e imboccare la SS18 tirrenica verso nord per 90 km fino a Diamante: questa è la stessa strada che deve percorrere chi è arrivato in aereo all’aeroporto di Lamezia Terme, a 103 km circa da Diamante. Un’alternativa più lunga, ma molto pittoresca, è data dalla strada statale 504, che dall’uscita di Mormanno-Scalea porta alla statale 18: la strada, oltre a richiedere un tempo di percorrenza maggiore, è abbastanza tortuosa, ma regala scorci spettacolari della valle del Lao.

Giunti a destinazione, il clima di Diamante inizierà da subito a parlare d’estate, di mare e di sole: estati calde ma ventilate e inverni freddi ma non troppo sono gli ingredienti che assicurano un soggiorno paradisiaco. Le temperature medie di luglio e agosto, i mesi più caldi, variano tra una minima di 18°C e una massima di 32°C, mentre in gennaio si va da 4°C di minima a 11°C di massima. Le piogge sono quasi assenti in estate (in luglio piove in media 2 giorni) e si concentrano in inverno, specialmente in dicembre, quando piove per una media di 14 giorni.
loading...
07 Agosto 2017 Cinecittą World: biglietti per ingresso ...

Il parco divertimenti di Cinecittà World ha appena iniziato la ...

NOVITA' close