Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Acciaroli

Acciaroli (Campania): il borgo e sue le spiagge del Cilento

Acciaroli (dal nome dell’arbusto spinoso appartenente alla famiglia delle rosacee) è la stupenda frazione sul mare del comune di Pollica nel salernitano. Suggestivo borgo campano vi risiedono ca. 1.000 persone, quasi la metà della popolazione pollichese, che aumenta in maniera esponenziale quando la bella stagione apre le porte ai flussi turistici entusiasti di questa incantevole Marina, che seguita negli anni a essere insignita per la qualità delle sue acque delle “5 vele” da Legambiente e della Bandiera Blu del Touring Club per le rinomate spiagge. E’ inoltre Capitale mondiale della Dieta Mediterranea, sicché ben rappresenta la cultura enogastronomica di tutto il Cilento.

La sua fisionomia di piccola appendice sul mare (caratteristico è il porticciolo di pescatori) non deve trarre in inganno in quanto le eccezionalità architettoniche si prendono molto sul serio e stupiscono per il loro carico di prestigio storico.

Cosa vedere ad Acciaroli

Salta immediatamente all’occhio la Chiesa di Sancta Maria dell’Acciarolo sul lido, esistente dal 1187 e contemporanea alla Torre Normanna entrambe proprietà degli influenti principi Sanseverino di Salerno e successivamente dei Capano di Pollica nel XVII secolo (oggi, invece, appartiene alla famiglia Schiavo, che negli anni ’60 si prese in carico il suo laborioso restauro).

L’attuale Chiesa dell’Annunziata è il prodotto finale di molteplici rifacimenti del più vecchio impianto medievale e la sua torre campanaria – risalente al 1926 - si scorge a notevole distanza. Quanto resta della vetusta fortificazione originaria si rileva nella torre del porto, a base quadrata, un tempo facente parte della cinta a protezione dell’abitato, voluta dagli Angioini e inserita nel sistema difensivo costiero fra Agropoli e Sapri (insieme ad altri 57 torrioni) da Federico II per contrastare gli assalti dei pirati saraceni, più volte rei di aver preso di mira la costa cilentina.

Nel 1520 venne edificata anche la Torre del Caléo per volontà del signore di Cannicchio. Fino al 1970 erano presenti ad Acciaroli tipiche costruzioni a scopo abitativo erette direttamente sugli affioranti scogli e dotate di una passerella per superare il dislivello dovuto alla peculiare ubicazione.

Di particolare concezione erano altresì gli speciali ballatoi aerei di legno che trovarono seconda vita con la più solida realizzazione in cemento. Tutte queste splendenti fievolezze pare abbiano nel tempo attratto personaggi di spicco del panorama letterario mondiale, alcuni per certi motivi, altri per inclinazioni di diversa estrazione: il famoso romanziere francese Dumas, per esempio, approdò al porto con una goletta per rifornire i Mille garibaldini con 400 fucili, consegnati a Leonino Vinciprova; l’altra pietra miliare della cultura scritta, Ernest Hemingway, pare abbia visitato Acciaroli in tempi non sospetti, una visita di cui i pescatori locali ancora parlano tramandando ai posteri questa preziosa testimonianza.

Nel 2016 la San Diego School of Medicine dell’Università della California ha condotto l’Acciaroli Study, un’indagine di 6 mesi effettuata su un campione di 100 abitanti di Acciaroli, tutti centenari, per cercare di scoprire il segreto di tanta longevità, tale per cui nell’intera area cilentina sussiste un rapporto di ben 30 centenari ogni 100.000 abitanti. Complici, sicuramente, la dieta mediterranea, il grande utilizzo di rosmarino, le intense camminate a piedi e, ovviamente, un clima assai favorevole che ha insite le caratteristiche della montagna e del mare.

Le spiagge di Acciaroli

La spiaggia di Acciaroli a Pollica è stata dichiarata la più bella d’Italia nel 2011 secondo la classifica redatta da Legambiente e Touring Club: merito dell’acqua limpida, dei servizi messi a disposizione e dell’alto numero di hotel, residence e B&B dai costi abbordabili. Molto lunga permette a tutti di trovar il proprio angolo di tranquillità.

Altre luoghi ideali alla balneazione e spiagge più piccole le trovate a Porto del Fico, a Cala Bianca e tra Baia del Buondormire e Cala degli Infreschi, considerato uno degli angoli di mare più spettacolari del CIlento.

Come arrivare

In auto bisogna percorrere l’Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, uscire a Battipaglia e prendere la SS18 che esce ad Agropoli sud con indicazioni per Acciaroli; la stazione ferroviaria più vicina si trova ad Ascea; le autolinee CSTP conducono alla frazione; gli aerei fanno scalo all’aeroporto di Napoli Capodichino, ben collegato a Pollica.

  •  
close