Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Agropoli

Agropoli (Campania), guida alla visita della cittą nel Cilento

Agropoli, il maggiore centro della costiera cilentana, è oggi una città che conta circa 22.000 abitanti organizzata principalmente attorno alle attività turistiche e commerciali che prendono vita durante la stagione estiva.

A partire dal nucleo storico sulla rocca, prima insediamento neolitico dell'età del Bronzo o del Ferro e poi sede di un tempio greco dedicato ad Artemide, dal VI secolo a.C. Agropoli si è sviluppata a valle in un primo momento come approdo della città di Posidonia-Paestum.
La località cadde allora in degrado a causa di un bradisismo che provocò l'insabbiamento del porto.

La fortificazione di Acropolis (città fortezza, appunto) risale al VI sec. d.C. in funzione di una posizione di vantaggio per gli abitanti bizantini, nei confronti degli attacchi dal mare. Nuove fortificazioni a partire dal 882 d.C. furono opera proprio dei pirati saraceni, che avevano qui conquistato un approdo, punto di partenza delle scorribande nell'area, fino alla cacciata di questi ultimi avvenuta nel 915. Seguì una fase di dominio ecclesiastico, mentre successivamente i signori del feudo cilentano divennero i Sanseverino (XV sec.), cui subentrarono altre famiglie dopo la congiura dei Baroni. Tra gli episodi da ricordare, c'è un assalto da parte di ben 700 corsari turchi avvenuto nel XVII secolo e vittoriosamente respinto dagli abitanti; l'evento viene ancora oggi suggestivamente messo in scena durante le manifestazioni turistiche estive.

Da visitare ad Agropoli c'è oggi il caratteristico centro storico, con la bella porta d'ingresso che ingloba il castello angioino-aragonese su impianto bizantino a pianta triangolare posto su una roccia a picco sul mare: si tratta di un belvedere naturale da cui, nelle giornate terse, si avvistano Capri e la punta della Campanella.

Le piccole vie del centro, caratteristiche e ben tenute, soprattutto durante la stagione estiva sono teatro di manifestazioni che talvolta ricordano la vita quotidiana del paese in altre epoche. Pregevoli anche le chiese: Madonna di Costantinopoli, del primo barocco, e la medievale di SS. Pietro e Paolo, e la Torre di S. Marco. Eccezionalmente evocativa e ben conservata è la porta d'ingresso merlata che cinge di atmosfera la rocca, distaccandola dalla cittadina moderna. In prossimità del porto, in via Pisacane, si trova l'Antiquarium, che raccoglie testimonianze dalla preistoria all'età greca, romana, lucana e alto medievale. Le vie più commerciali - via Garibaldi su tutte - sono colme di negozi e sempre molto frequentate in particolare nei mesi estivi.

Molto bello è ovviamente anche il litorale che si affaccia sul Mar Tirreno e assai pittoresca è la baia di Trentova. Ad ovest dell'attuale porto turistico s'innalza a picco sul mare la torre costiera (XVI sec.), detta di San Francesco, accanto ai resti rimaneggiati dell'omonimo convento. La leggenda racconta che San Francesco, di ritorno dalla Terra Santa, abbia sostato e predicato ai pesci. Il miracoloso evento è ricordato da una croce posta sullo scoglio.

Tra i tanti appuntamenti dell'agenda locale, ricordiamo infine il Carnevale di Agropoli, la cui fama è cresciuta esponenzialmente nel tempo grazie all'impegno di chi ogni anno crea gli splendidi carri allegorici che sfilano per le strade del paese.

Come arrivare
Agropoli si trova sulla costa in provincia di Salerno, circa 50 km a sud del capoluogo. Da Salerno è facilmente raggiungibile in auto percorrendo l'autostrada A3 fino a Battipaglia e poi proseguendo sulla SS18 Tirrena Inferiore; in alternativa si può percorrere la SP417 per poi ricongiungersi alla SS18.

Fonte: Regione Campania
  •  
close