Cerca Hotel al miglior prezzo

Agnone Cilento (Campania): il mare, le spiagge e cosa vedere

Agnone Cilento, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Agnone Cilento dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Spesso confusa con la località molisana in provincia di Isernia, Agnone Cilento così giustifica il proprio nome esteso che rimarca l’appartenenza geografica a uno dei più bei comprensori territoriali d’Italia. Siamo dunque nell’hinterland di Salerno in Campania, a raccontare di un borgo di 1.000 abitanti identificato quale frazione eclatante di Montecorice.

Sulla costa, il paese detiene il primato per la più alta densità di pescatori, laddove turismo, enogastronomia e le meraviglie naturalistiche del Parco Nazionale del Cilento eccitano l’immaginario collettivo dei futuri vacanzieri. Sebbene si abbiano notizie della perla cilentana già nel 1187, è corretto sottolineare il fatto che la reale nascita non avvenne prima del Seicento: a quel secolo si poteva soltanto constatare l’esistenza di uno sparuto gruppo di case in cui risiedevano i pescatori del posto, all’ombra della Torre di San Nicola dove si preparavano le alici marinate e intrecciavano i libbani, corde di erbe selvatiche tipiche della zona.

Il mare e le spaigge

Agnone Cilento deve la fama che si è ritagliata nel tempo al suo conformarsi località turistica la cui fortuna è regolarmente dettata dall’eccelsa qualità dell’acqua marina, tale da essere premiata dalla FEE con la Bandiera Blu. Fra Castellabate e Acciaroli, questo paese gode di una sana frescura che contrasta le forti calure estive, agevolando in tal modo la villeggiatura in auge in particolare dagli inizi della primavera alla tarda estate.

Dal centro storico e dal lungomare si accede direttamente alla spiaggia di Marina di Agnone, all’azzurro cristallino del mare (favorito dalla Posidonia oceanica che funge da depuratore naturale), alla finissima sabbia dell’arenile e, in sintesi, a scorci che fanno sognare a occhi aperti. Ombrelloni e lettini garantiscono comodi servizi e una permanenza gradevole, come del resto nella spiaggia di Baia Capitello, attraverso la quale si accede a Punta Capitello, poetico angolo di costa libero e selvaggio, contraddistinto da una vegetazione a canneto e dai flysch, ovvero le tipiche rocce stratificate a gradini. Per chi non ama la confusione, ecco Baia Arena, ampia cala quasi mai affollata e in buona parte libera. Vi troneggia al centro del tratto sabbioso la Torre d’Arena.

Proficua la vicinanza al borgo di San Nicola a Mare, anch’esso interessato dal Promontorio Ripe Rosse dichiarato Patrimonio Mondiale dell’UNESCO con i suoi 100 ettari selvatici la cui intera superficie si contraddistingue per l’interminabile distesa di pini d’Aleppo.

Cosa vedere nei dintorni

Abbiamo appurato che qui si alternano alcune fra le spiagge più belle del Cilento, ma non dobbiamo trascurare il patrimonio architettonico di Agnone, un concatenarsi sinottico di vicoletti in cui si adagiano eleganti magioni gentilizie di fattura ottocentesca affiancate da abitazioni moderne orientate verso la centrale Chiesa della Madonna del Carmine, prossima alla Torre del Castello del Mastro eretta nel lontano 1635. Anche la natura ci si mette mostrando alcuni capolavori scolpiti in milioni di anni, pensiamo allo scoglio Marsicano che di profilo assomiglia incredibilmente alla prua di una marticana (vecchia imbarcazione), oppure allo scoglio della Sirena.

Le opzioni di soggiorno ad Agnone Cilento si palesano innumerevoli e riguardano perlopiù case vacanze, B&B, appartamenti e hotel, in particolare l’albergo La Rampa e l’hotel Lembo di Mare, rientrante però nella frazione San Nicola a Mare. Mangiare ha ovviamente la sua importanza per noi italiani, ecco perché si consiglia la visita alle varie pizzerie, friggitorie e ristoranti, fra cui il Paisà specializzato in pesce fresco e segnalato dalla guida Osterie d’Italia Slow Food.

Come arrivare ad Agnone Cilento

Dopo aver percorso l’Autostrada Salerno – Reggio Calabria, uscire al casello di Battipaglia e immettersi sulla SS 267 in direzione di Montecorice; la stazione più vicina è quella di Agropoli, ma sono previsti collegamenti autobus giornalieri con il paese; l’aeroporto di Napoli Capodichino dista ca. 125 km dalla località.
  •  

News più lette

22 Settembre 2021 La Festa dei Frutti Dimenticati a Casola ...

Con l’autunno, come da tradizione, torna puntuale sulle colline ...

NOVITA' close