Cerca Hotel al miglior prezzo

Salina (Sicilia): il vulcano, le spiagge e cosa vedere

Salina, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Salina dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Salina è considerata la perla verde dell'arcipelago delle Eolie: i suoi vulcani sono a riposo da tempo immemorabile, e le cime elevata del monte Fossa delle Felci e del monte Porri fungono da barriera orografica con piogge più abbondanti che in inverno garantiscono un discreto contributo di precipitazioni.

Il doppio vulcano di Salina

La morfologia dell'isola è appunto dominata dal profilo conico delle due grandi montagne, con il Fossa delle Felci che supera i 961 m di altitudine, rendendosi la cima più elevata di tutto l'arcipelago. L'altra montagna si ferma ad un centinaio di metri più in basso, ma comunque dal mare lo sguardo rimane colpito dall'imponenza di questi due coni vulcanici che rendono particolare il profilo dell'isola, chiamata per questo nell'antichità con il nome di Didyme, termine greco che significa gemelli.

Per superficie si tratta della seconda isola dell'arcipelago, superata unicamente da Lipari che si trova separata da Salina solamente da un braccio di mare di 4 km. La morfolgia è costituita da i due vulcani estinti che vengono uniti da una sella centrale pianeggiante, per il resto dominano i ripidi profili delle montgne, mentre sulla punta sud-orientale, quella prospicente a Lipari, troviamo il laghetto di Lingua, una particolarità unica in tutte le Eolie, e lo specchio d'acqua ha proprio dato Il nome all'isola, visto che dalle sue rive veniva estratto il prezioso minerale.

Cosa vedere a Salina

Santa Marina è il borgo principale dell'isola, si trova sulla costa orientale di Salina con le case che si distendono su di un falso piano a ridosso del mare, in uno dei pochi tratti pianeggianti dell'isola. Al centro dell'agglomerato urbano domina la gialla chiesa di Santa Marina della Bitinia che costituisce il riferimento visivo più riconoscibile di tutta la città. La cittadina si può passeggiare e qui, lungo le stradine del centro, si possono acquistare i famosi capperi dell'isola, oltre che le bottiglie della celebre Malvasia di Salina, uno dei vini più rinomati di tutte le Eolie.

A nord dell'abitato troviamo la zona di Capo Faro, da cui si gode un ottima vista su Panarea e Stromboli in lontananza, mentre a sud si può raggiungere la zona di Lingua che oltre essere il luogo del lago delle saline è uno dei punti di attacco del sentiero che conduce alla cima della Fossa delle Felci. Quest'ultima cima, ricca di vegetazione, è uno dei punti panoramici più belli d'Italia, e lo sforzo di quasi 1.000 metri di dislivello è ampiamente compensato dalla vista straordinaria che si gode da lassù: tutto l'arcipelago rimane ai piedi dell'escursionista incantato, con la vista che si spinge alle montagne della Calabria e della Sicilia, fino all'Etna, nelle giornate più limpide.

Rinella è il secondo classico punto d'arrivo sull'isola, ed è caratterizzato da un piccolo ma accogliente approdo. Da qui parte una strada che attraverso i villaggi di Lena e Valdichiesa, conduce a Malfa, sulla costa settentrionale, dotata anch'essa di un porticciolo, ma frequentato più da diportisti, o in alternativa a Rinella in condizioni di mare proibitivo per venti meridionali. Il porto è previsto verrà riqualificato a breve, risollevando la capacità turistica del villaggio di Malfa.

L'ultimo borgo di Salina si trova in una cornice di aureo isolamento, raggiungibile unicamente da una tortuosa stradina che costeggia le ripide fiancate del monte dei Porri. Si tratta della frazione di Pollara, famosa in tutto il mondo per essere stata teatro di alcune delle riprese del celebre film di Massimo Troisi, il Postino.

Pollara si trova sospesa tra mare e cielo, a circa una settantina di metri sul livello del mare, e domina un tratto di costa davvero spettacolare.

Le spiagge di Salina

Per coloro che non vogliono affaticarsi lungo le scalinate che scendono a mare, esistono collegamenti in barca che conducono alla meravigliosa spiaggia di Pollara., una delle più belle del mare delle Eolie. Qui il paesaggio è di una bellezza straordinaria, le case in pietra si fondono in una magnifica simbiosi con le rocce vulcaniche, ed a fianco si apre il spettacolare Perciato, un arco naturale in roccia che offre scorci di rara suggestione.

Gli altri lidi imperdibili sono ad esempio la spiaggia di Rinella, spettacolare per le sue sabbie nere e dai fondali limpidi, che richiamo amanti di snorkeling ed immersioni. Qui è possibile vedere dei fenomeni idrotermali subacquei.

La spiaggia di Lingua si trova invece non lontano da Santa Marina. Qui nel passato si trovavano le saline che hanno dato il nome all'isola, ora rimane unicamente un laghetto d'acqua salmastra.

Lo stesso abitato di Santa Marina, dove si trova il porto, offre una spiaggia, forse la meglio servita dell'isola, ed è una delle più affollate nel periodo di punta

Come arrivare a Salina

E' facile giungere sull'isola: i collegamenti con Salina sono garantiti dagli aliscafi, che servono i due principali porti dell'isola, Santa Marina e Rinella, e ci sono collegamenti che partono da Napoli oltre che al classico arrivo in Eolie partendo da Milazzo. Ci sono numerose compagnie che offrono collegamenti navali tra le isole dell'arcipelago, come Snav, Siremar e N.G.I.
  •  

 Pubblicato da - 05 Maggio 2020 - Riproduzione vietata

22 Settembre 2021 La Festa dei Frutti Dimenticati a Casola ...

Con l’autunno, come da tradizione, torna puntuale sulle colline ...

NOVITA' close