Cerca Hotel al miglior prezzo

Francavilla di Sicilia, la storia, cosa vedere e le Gole dell'Alcantara

Francavilla di Sicilia, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Francavilla di Sicilia dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Sulla riva sinistra del fiume Alcantara e nel cuore recondito dell’omonima valle spunta indiscreto e vagamente edonistico il borgo di Francavilla di Sicilia, luogo rimasto cristallizzato nel tempo, estremamente fedele alla propria storia influenzata da origini elleniche con influssi ben più antichi, quasi preistorici.

Storia

Dati attendibili si hanno a partire dall’anno Mille, dunque è il medievalismo di Francavilla a testimoniare per lei, citando l’eremita San Cremete, poi divenuto abate del Monastero di San Salvatore della Placa, fatto restaurare dal sovrano normanno Ruggero d’Altavilla per introdurvi i monaci dell’ordine basiliano.

Origine del nome

Aprendo una breve parentesi sul nome assai curioso, esso deriva etimologicamente dal termine francese franc-ville, tradotto con "Città Franca" a indicare l’esenzione dalle tasse di cui in origine godette questa realtà siciliana.

Cosa vedere a Francavilla di Sicilia

Coevo al Monastero è il castello intorno al quale andò a formarsi un agglomerato di case sempre più grande, futuro nucleo urbano. Nonostante l’importanza, la maestosità e la capacità innata di filtrare i fatti storici succedutisi nell’area, il maniero non viene annoverato fra le principali roccaforti di Sicilia, questo dovuto all’ormai sopraggiunta condizione di rudere, rappresentato da resti di cinta muraria ben visibili sull’altura anche da molto lontano.

Il suo patrimonio conta tesori che indagano concetti architettonici e naturalistici, fondendosi per ricercare una complessiva armonia consolidante la sommaria bellezza della cittadina. La Chiesa dell’Annunziata ricopre il ruolo di capofila dei luoghi di culto, sicuramente la più eclatante con la sua facciata organizzata in un triplice ingresso e doppio campanile a guglia e quattro pinnacoli.

Pezzo importante della cultura ecclesiale è senza dubbio il Convento dei Frati Cappuccini, entro cui è stato istituito il Museo di Storia Francescana e Contadina, del quale si evidenzia l’esposizione di un prezioso lavabo bizantino e un herbarium di piante officinali, tipico della quotidianità monastica. A livello prettamente museale si fa valere nondimeno l’Antiquarium inaugurato nel marzo 2007 dal Servizio Archeologico della Soprintendenza di Messina. Ospitato in una palazzina ex plesso scolastico, conserva nelle sue cinque sale i vari reperti attinenti l’antico sito greco di Kallipos, la Necropoli, il Santuario di Demetra e Kore.

I dintorni e le escursioni

La Valle dell’Alcantara, solare culla di Francavilla, funge da caleidoscopico teatro in cui si manifestano i più rilevanti prodigi della natura. La sua morfologia appare virtuosa, modellata dal corso dei vari torrenti e fiumi, insomma un vero e proprio parco fluviale che cuce insieme elementi emergenziali come le famosissime Gole dell’Alcantara, laghetti (le celeberrime Gurne dell’Alcantara toccate da un sentiero guidato) e cascate incastonate in un complesso geologico di sculture laviche che decorano pareti rocciose apparendo come colonne irremovibili. L’intero sistema si confà un connubio perfetto di flora e fauna (e avifauna) afferibili specificamente alla macchia mediterranea.

Lungo la SS 185 di Sella Mandrazzi si dispongono sette villaggi fantasma che in tempi non sospetti, ovvero durante gli anni della Riforma Agraria in Sicilia, concentravano le abitazioni assegnate ai contadini per coltivare le terre. A Schisina, il più rilevante di questi agglomerati rurali, Michelangelo Antonioni girò alcune scene del memorabile film “L’avventura”.

Eventi, sagre e manifestazioni

Considerato l’evento principe della Valle dell’Alcantara, il Carnevale di Francavilla di Sicilia si contraddistingue per i suoi veglioni e gli spettacoli musicali che per una settimana portano centinaia di curiosi e turisti nel centro storico. Si svolge da oltre un secolo, aumentando ogni anno il suo prestigio e l'incrollabile fascino.

Come arrivare a Francavilla di Sicilia

Dall’Autostrada A18 Messina – Catania bisogna uscire ai Giardini Naxos e imboccare la SS 185 fino a destinazione; dalla stazione ferroviaria di Taormina – Giardini Naxos proseguire in autobus; l’aeroporto di riferimento è il Catania Fontanarossa, il più vicino alla località.

  •  
11 Aprile 2024 La Fiera di Primavera a Vercelli

La Fiera di Primavera a Vercelli è un’occasione per stare ...

NOVITA' close