Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Roubaix

Roubaix (Francia): visita alla grande cittą delle Fiandre francesi

Pagina 1/2

La cittadina francese di Roubaix conta circa 95.000 abitanti e sorge sul confine con il Belgio. Si trova infatti nel dipartimento del Nord, nella neonata regione Hauts-de-France, risultato della fusione del Nord-Pas-de-Calais e della Picardie.

Il centro di Lille, il capoluogo regionale, dista meno di 15 km e di fatto le due città formano un unico grande agglomerato urbano, che assieme alle altre località dell'hinterland costituiscono una grande area metropolitana abitata da oltre tre milioni di persone.

Storia

Roubaix compare per la prima volta in un documento scritto nel IX secolo, quando faceva parte delle cosiddette Flandre romane. Successivamente Roubaix assunse il titolo di città nel 1469, quando si trovava sotto il controllo di Pierre de Roubaix, un potente signore dell'epoca.

Nel 1769 un'epidemia sconvolse per diversi mesi la zona di Roubaix, e fu soltanto grazie alla Rivoluzione Industriale che la città si impose all'attenzione dell'Europa come importante centro tessile, soprattutto per quanto riguarda la lana.
L'industrializzazione del Belgio e della Francia, infatti, fece nascere molte fabbriche tessili a Roubaix, tanto che venne ben presto soprannominata "la città dei mille comignoli", e nel 1911 Roubaix ospitò anche l'Expo Internazionale del Nord della Francia.

A partire dal secondo dopoguerra la città ha iniziato, tra alti e bassi, un lento e inesorabile declino economico e demografico; quando i tedeschi la occuparono nel 1940, contava ancora più di 100.000 abitanti, ma è soprattutto dagli anni '70 che si nota maggiormente la crisi.
L'epoca d'oro delle industrie e del commercio è ormai definitivamente tramontata e oggi un'inchiesta congiunta di quattro importanti testate giornalistiche europee ha proclamato Roubaix, suo malgrado, come il Comune più povero di Francia.

Cosa vedere a Roubaix

Nonostante una situazione sociale preoccupante, dove un terzo della popolazione sopravvive con il sussidio dello Stato e circa il 40% vive al di sotto della soglia di povertà, a Roubaix stano nascendo molte start-up e l'attività culturale rimane comunque vivace.
Chi decidesse quindi di visitare la città, famosa soprattutto per la Parigi-Roubaix, una leggendaria classica del ciclismo per via dell'insidioso pavè, rinominata anche "Inferno del Nord", dovrebbe fare i conti anche con la cattiva fama di questa città industriale, un po' grigia e non molto attraente.
In questi anni, nonostante tutto, sono stati fatti molti sforzi per renderla più appetibile ai turisti, che possono iniziare la propria visita dalla Grand Place, la piazza principale circondata da vecchie case restaurate e dipinte con tonalità pastello, caffè, e dove si affacciano sia l'église de Saint-Martin che il grande ed elegante Hôtel de Ville (il Municipio, inaugurato nel 1911), il quale ospita anche una galleria d'arte.

La chiesa di Saint-Martin, in particolare, domina la piazza ed è l'ultima in ordine temporale di una serie di c hiese che sono state costruite in questo luogo nel corso dei secoli; la prima fu infatti edificata forse nel IX secolo, anche se i documenti ne testimoniano la presenza solo dal XII secolo. In seguito, la chiesa fu ricostruita nel Cinquecento – di cui rimane oggi solo una torre – e infine tra il 1848 e il 1859, quando l'architetto Charles Leroy realizzò l'attuale struttura neogotica. Dal 2009 l'edificio è riconosciuto come Monumento Storico.
Per chi ama visitare le chiese, segnaliamo anche la caratteristica église Saint Jean Baptiste, detta “du Raverdi”, costruita in mattoni alla fine del XIX secolo in quella che oggi è nota come Boulevard du Cateau.

... Pagina 2/2 ... L'edificio più conosciuto di Roubaix è, però, quello della famosa piscina. La Piscine - Musée d'Art et d'Industrie (al civico 23 di rue de l'Espérance) è infatti un museo ricavato nell'edificio dell'antica piscina comunale in stile Art Déco realizzata negli anni '30, riconosciuta all'epoca come la più bella di Francia. L'architetto Jean-Paul Philippon, già incaricato dei lavori di ristrutturazione del celebre Museo d'Orsay di Parigi, si è occupato dell'installazione delle collezione all'interno degli spazi dell'antica piscina, trasformando gli spogliatoi, le docce e le grandi sale delle vasche in un suggestivo museo di Belle Arti, arti applicate e dell'industria tessile davvero unico nel suo genere.

Più modesta, negli spazi e nei contenuti, è invece la Manufacture (29, Avenue Julien Lagache), un piccolo museo dedicato alla memoria dell'industria tessile di Roubaix. Segnaliamo che è possibile acquistare anche un biglietto cumulativo per La Manufacture+La Piscine.
Se siete interessati alla storia industriale della città, non perdetevi un'occhiata all'impressionante usine Motte Bossut, una vecchia fabbrica costruita a partire dal 1864 e divenuta oggi uno dei simboli dell'archeologia industriale di Roubaix. L'edificio in Boulevard du General Leclerq ricorda una fortezza medievale ed è stato ristrutturato e riconvertito negli anni '90 dall'architetto Alain Sarfati per ospitare gli Archives Nationales du Monde du Travail.

A meno di 1 km di distanza, l’avenue Jean Lebas collega il la Grand Place di Roubaix alla Gare, la stazione dei treni locale. È una delle principali vie della città, fiancheggiata da case e negozi di ogni tipo. L'edificio della stazione fu costruito dall'architetto Sydney Dunnet nello stile cosiddetto “métallique flamboyant” ed è operativo dal 1888.

La Parigi-Roubaix

Dicevamo anche della fama della città come traguardo della grande classica del ciclismo – la Parigi-Roubaix – una delle più antiche corse al mondo: sulla parete esterna di un edificio della Grand Rue, è possibile vedere l'opera dell'artista Patrick Dupetrz, che ha creato una scultura murale come omaggio ai ciclisti di questa celebre gara che si svolge dal 1896.

Clima

A Roubaix, come nel resto della regione, il clima è generalmente piacevole in primavera e in estate, poiché le piogge sono scarse e le temperature mai troppo alte.
A luglio e agosto le temperature massime si attestano su una media di 22°-23°C, ma in inverno il vento freddo si fa sentire parecchio e non è raro che nevichi.
Le piogge si verificano durante tutto l'anno, con una concentrazione massima nel periodo autunnale.

Come arrivare a Roubaix

Per raggiungere Roubaix si può fare riferimento all'aeroporto di Lille (Aéroport de Lille-Lesquin), dove atterrano voli nazionali e internazionali.
Lille, distante poco più di 10 km, è collegata frequentemente a Roubaix dalla linea della metro e del treno.
Immediatamente uscendo dalla città di Roubaix si trova il confine con la regione delle Fiandre, in Belgio; assieme a Lille, Kortrijk e Tournai crea infatti la cosiddetta l'Eurométropole (Eurometropoli,) nella quale gli spostamenti tra i due paesi sono ovviamente all'ordine del giorno e si possono effettuare comodamente in auto, in treno, in bici o in autobus senza alcun problema.

Per maggiori informazioni, una volta in città, ricordiamo che l'ufficio turistico di Roubaix si trova in Place de la Liberté n°12, nel centro storico.
close