Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Tours

Tours, Francia: cosa visitare in cittą dal castello alla cattedrale

Pagina 1/2

La regione Centre della Francia è notoriamente una delle più affascinanti dal punto di vista del patrimonio storico, architettonico e culturale, soprattutto perché lungo il suo territorio scorre la Loira, il cui percorso è disseminato di castelli appartenuti agli antichi re di Francia ed alle più importanti famiglie aristocratiche del paese nei secoli scorsi.
La sua storia rimonta però ad origini ben più antiche, al periodo nel quale i Romani si spinsero in Gallia per allargare il proprio impero.

Ancora oggi nella zona nord-est della città di Tours sono infatti visibili alcuni resti dell'antica Caesarodunum, la città fondata dai Romani proprio in questo luogo. Le vestigia di muri, abitazioni e bagni sono quanto rimane di quell'epoca ormai remota, ma che possono dare un'idea di come si sviluppasse la cittadina duemila anni or sono.

Dal IV secolo il culto delle reliquie di Saint Martin nella cappella costruita sopra la sua tomba, ha favorito la creazione e lo sviluppo della località di Châteauneuf Saint-Martin e nella fattispecie di un luogo di culto, divenuto in seguito uno dei simboli del cristianesimo occidentale. I pellegrini giungevano da ogni parte per pregare in quello che era allora uno dei più grandi santuari del mondo cristiano, aumentando così la fama e la prosperità della piccola località.
Nel XIV secolo, la città unificata risorse dal periodo buio dei secoli precedenti, divenendo una sorta di rifugio per il regno in pericolo: dalla metà del XV secolo al XVI secolo fu capitale del Regno di Francia ed i re Carlo VII, Luigi XI, Carlo VIII, Luigi XII e Francesco I tornarono più volte a Tours con i propri uomini di fiducia, in quella che già allora era considerata una delle capitali francesi della seta. Fu sempre qui che nacque, di fatto, il primo Rinascimento francese, i cui effetti sono ancora oggi apprezzabili in alcuni particolari delle torri della Cattedrale o nel Chiostro di Saint-Martin.

Tours ed il suo territorio, conosciuto con il nome di Turenna (Touraine), hanno l'appellativo di Giardino di Francia (le Jardin de la France), e in effetti bisogna ammettere che non mancano le aree verdi sia in città (ricca di parchi pubblici) che nei dintorni, lungo la Valle della Loira. Da visitare trovate il Jardin botanique de Tours, che venne creato nel 1843 ed ospita oltre 2.000 specie vegetali diverse, un quarto delle quali ospitate in apposite serre, ma anche qualche animale esotico.

Una visita a Tours oggi non può prescindere dalla Cattedrale di Saint Gatien, la cui costruzione iniziò a principio del XIII secolo e terminò solamente tre secoli più tardi; nell'insieme, è evidente lo stile gotico-flamboyant dell'abside e della facciata. La chiesa fu dedicata in un primo momento a San Maurizio, prima di essere poi definitivamente intitolata a San Gaetano.
Un altro grande edificio simbolo della città è lo Château de Tours, ispirato all'architettura carolingia. Le origini del castello risalgono alla fine del IX secolo, quando venne costruita una casa signorile, che fu poi ripetutamente ricostruita assumendo nel tempo l'aspetto che si può oggi ammirare.
L'edificio, che sorge a fianco della Loira, è dunque parte di un'antica fortezza che nell'XI secolo era contigua alle mura gallo-romane; al suo interno trova spazio un museo di storia della Touraine.

Un giro per le strade del centro darà modo di apprezzare le case medievali e rinascimentali o la bella Place Plumereau, sulla quale si affacciano edifici a "graticcio" e cioè dalla caratteristica struttura in legno (conosciuta in francese come “colombage”) ed affollata di bar e bistrò sempre molto frequentati.

Sono molti i luoghi d'interesse della città e, tra questi, la Basilica di San Martino, seppur di recente costruzione, è ancora oggi uno dei siti più visitati; l'antica basilica, tra i principali centri di pellegrinaggio europeo nel Medioevo, fu distrutta durante la Rivoluzione Francese, e di quella costruzione rimane attualmente solo una torre. La nuova chiesa è stata terminata nel 1924 con uno stile romanico-bizantino, all'interno della quale si trova la cripta dove è ricostruita la tomba del santo.
Anche il Museo delle Belle Arti locale è tra i luoghi in assoluto più visitati, se non altro perché è ritenuto tra i più prestigiosi nel suo genere in tutta la Francia. È situato a fianco della cattedrale ed è ospitato in un edificio episcopale del XVII secolo; al suo interno i saloni sono decorati con drappi di seta di Tours ed è molto conosciuto per le esposizioni che organizza con frequenza o per le sue collezioni permanenti, nelle quali spiccano nomi di grande richiamo come Rembrandt, Monet o il Mantegna.

... Pagina 2/2 ... Per concludere la rassegna dei siti d'interesse turistico e culturale di Tours, ricordiamo infine il curioso Musée du Compagnonnage, ricavato all'interno dell'antica abbazia di Saint-Julien de Tours, nel quale sono ospitate collezioni eccezionali del XIX secolo e gli strumenti del Compagnonnage, un'istituzione francese di operai che da più di otto secoli tramanda il sapere alle generazioni successive.

Eventi e manifestazioni
Uno degli appuntamenti sportivi che hanno come teatro la capitale della Touraine è la classica ciclistica dell'autunno, la Paris - Tours, che nel 2014 giunge alla sua edizione n°108. Tenete conto che durante il weekend della gara, in genere il secondo di ottobre, si possono avere problemi nel prenotare una camera d'albergo.
Il primo evento dell'anno si registra a febbraio, con il festival cinematografico Désir Désirs, che si svolge regolarmente dal 1994. Ad aprile è la volta del Festival Mauvais Genre, dedicato ai film horror, al genere thriller ed alla fantascienza.

Anche l'estate presenta svariate attività culturali: da maggio a settembre ci sono appuntamenti musicali ed artistici più o meno importanti, ma è sicuramente da ricordare il Festival Rayons Frais, con eventi gratuti all'aria aperta, che accendono il centro di Tours la prima settimana di luglio. Danza, teatro, arte urbana e tanta musica dal vivo. Chiude l'estate la manifestazione di A Tours de Bulles, un festival del fumetto che si svolge per cinque giorni a settembre.
Infine non mancano i Mercatini di Natale, che si svolgono da fine novembre alla vigilia di capodanno, con chiusura prevista solo per il 25 di dicembre. A tal proposito segnaliamo che la tradizione dei mercatini si estende a molti villaggi della regione della Touraine.

Tours, grazie alla sua posizione nella Valle della Loira – per la precisione nel dipartimento di Indre-et-Loire – è evidentemente uno dei luoghi chiave per partire alla scoperta dei favolosi castelli della Loira, disseminati lungo il corso di questo fiume che ha fatto la storia della Francia. Un'escursione classica è ad esempio quella che conduce al Castello di Amboise , appena ad est di Tours, e successivamente a Blois ed Orleans, o viceversa ci si può spingere lungo la corrente della Loira verso occidente, toccando Leangeais, Saumur, Angers ed arrivare magari a Nantes.

Proprio in virtù della sua posizione centrale, nonostante le ridotte dimensioni della città (che conta circa 150.000 abitanti, o il doppio se si considera l'intera area urbana), è presente un piccolo aeroporto dal quale partono ed arrivano soprattutto voli nazionali.
Grazie al collegamento ferroviario con Parigi, è inoltre possibile raggiungere la capitale con il TGV in appena 55 minuti, mentre chi viaggia in auto può tranquillamente usufruire della rete stradale ed autostradale che la collega a città vicine come Poitiers, Le Mans, Chateauroux, Orléans e la stessa Parigi.

Il clima di Tours risente della sua posizione geografica nella porzione centro-settentrionale della Francia; subisce quindi gli influssi dell'Oceano Atlantico, ma ha anche caratteristiche continentali, specie nella stagione fredda, dato che la città annovera una media di 11 giornate con neve all'anno. Le piogge raggiungono il loro livello massimo in inverno, ma in genere non sono mai troppo abbondanti. In un anno a Tours cadono circa 680-700 mm d'acqua, ed i picchi mensili mediamente non superano i 70 mm. Le temperature estive sono gradevoli, con massime a luglio ed agosto comprese tra i 24-25 °C, cosa che rende l'estate il periodo migliore per una visita.

Sito ufficiale del turismo: www.tours-tourisme.fr
loading...
close