Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Saint Jean Pied de Port

Saint-Jean Pied de Port, il borgo francese dove inizia il Cammino di Santiago

Pagina 1/2

Adagiata alle pendici dei Pirenei nei Paesi Baschi francesi, la cittadina fortificata di Saint-Jean Pied de Port (180 m) è stata per secoli l’ultima stazione di sosta dei pellegrini diretti a Santiago de Compostela prima del confine spagnolo. Quest’ultimo dista appena 8 km dal centro del paese, a sua volta separato da poco più di 50 km da Bayonne e la costa atlantica. Malgrado la nascita di numerosi percorsi alternativi, sentieri più brevi e diverse tratte ideali da percorrere in mountain-bike, ancora oggi molti pellegrini transitano da Saint-Jean Pied de Port all’inizio del loro itinerario verso la Spagna occidentale, mantenendo in vita un luogo incantevole, avvolto da un’atmosfera dal sapore antico. Qui potrete richiedere la credenziale per poter effettuare il vostro pellegrinaggio del Cammino di Santiago. Per ottenerla recatevi all'Accueil des Pelerins (Association Amis de Saint-Jacques Pyrénées Atlantique), sita in rue de la Cittadelle, 39.

La fondazione dell’insediamento risale alla seconda metà del XII secolo quando, in seguito alla distruzione della vicina Saint-Jean le Vieux ad opera delle truppe guidate da Riccardo Cuor di Leone, fu posata la prima pietra di Saint-Jean Pied de Port. Malgrado le dimensioni storicamente ridotte, il centro fungeva da capitale dell’antica regione basca della Bassa Navarra, attirando per questo un discreto numero di commercianti e artigiani. Dal punto di vista geografico e morfologico, la cittadina sorge ai piedi del Col de Roncevaux (Passo di Roncisvalle), il valico pirenaico posto a 1.057 metri di altitudine che fin dal Medioevo invitava pellegrini e viandanti a pernottare almeno una notte a Saint-Jean Pied de Port prima di approcciare la salita.

Oltre ai pellegrini, Saint-Jean Pied de Port è meta di parecchi turisti che scelgono di visitarla in giornata partendo da Bayonne ed altre località costiere dei Paesi Baschi. Potendo scegliere, il giorno migliore per intraprendere la gita è il lunedì, quando place Charles de Gaulle ospita il tradizionale mercato contadino, un tripudio di prodotti gastronomici locali tra cui spiccano ottimi formaggi inserito in un’animata cornice caratteristica. In paese non circolano auto e ci si muove esclusivamente a piedi su e giù per le strette stradine acciottolate fino alle rive del Nive, il fiume sormontato da pittoreschi ponti in pietra.

La città vecchia è circondata dalla spessa cinta muraria medievale, all’interno della quale si concentra la maggior parte delle attrattive turistiche. Tra le più celebri ci sono il Vieux Pont (Ponte Vecchio), da cui si ammira una vista mozzafiato che abbraccia una cortina di case imbiancate a calce punteggiate di terrazzini colorati affacciati sull’acqua, e l’Eglise Notre- Dame du Bout du Pont, la basilica fondata in concomitanza con la nascita della città ma quasi interamente ricostruita nel corso del Seicento. Dal ponte parte una breve passeggiata di neanche 500 metri lungo le rive del fiume che porta al Pont Romain che, a dispetto del nome, non è romano ma anch’esso seicentesco.

Tra le strade più affascinanti c’è Rue de la Citadelle, delimitata su ambo i lati da graziosi edifici in arenaria rosa costruiti tra il XVI ed il XVIII secolo; per scoprire l’esatta data di nascita di ciascun fabbricato è sufficiente soffermare lo sguardo sugli architravi delle porte, nei quali è stato scolpito il rispettivo anno di edificazione. Gli elementi decorativi più ricorrenti sono le capesante, simbolo per eccellenza di Saint-Jacques (san Giacomo o Santiago) e dei pellegrini diretti a Compostela. Questi ultimi facevano il loro ingresso in città attraverso la Porte de Saint-Jacques, posta sul lato settentrionale del perimetro del centro, per poi riuscinerne dalla Porte d’Espagne, a sud del corso del fiume.

Al termine di Rue de la Citadelle parte uno sconnesso sentiero acciottolato diretto alla Citadelle, l’imponente edificio in pietra costruito nel 1628 da cui si ammira il panorama migliore della città. Al suo interno si trova una scuola secondaria, ragion per cui è interdetto l’accesso ai visitatori, ma se non soffrite di vertigini potete comunque proseguire imboccando la ripida escalier poterne (scalinata posteriore), che conduce alla Porte de l’Echauguette (Porta della torre di guardia).
... Pagina 2/2 ...
A breve distanza è da non perdere la Prison des Evêques (Prigione dei Vescovi), un lugubre e claustrofobico sotterraneo a volta circondato da un alone di mistero in cui tetre leggende si mescolano a fatti realmente accaduti. Fin dal 1795 l’edificio fu utilizzato come prigione, carcere militare e, durante la seconda guerra mondiale, come luogo di detenzione per chiunque avesse tentato la fuga in Spagna. Il livello inferiore risale al XIII secolo, mentre la parte superiore è più recente e fu completata solo nel XVI secolo, quando i vescovi avevano già lasciato da tempo la città. Attualmente lo spazio è sovente utilizzato per l’allestimento di mostre temporanee di ogni genere, un motivo in più per scegliere di visitare l’edificio.

Soprattutto d’estate, per sfuggire alle folle di turisti che popolano il centro storico, si può prendere in considerazione l’ipotesi di noleggiare una mountain-bike o semplicemente dotarsi di un paio di scarponcini da trekking per intraprendere uno dei numerosi sentieri che partono da Saint-Jean Pied de Port alla volta dei Pirenei. Qui la natura si mostra in tutta la sua incontaminata bellezza, regalando scorsi panoramici entusiasmanti che potrebbero spingere anche il più scettico a proseguire fino a Santiago de Compostela, che rimane comunque a 800 km di distanza!

Il clima di Saint-Jean Pied de Port è soggetto a un’escursione termica notevole tra estate e inverno, quando cade spesso la neve e soffiano venti gelidi. Per questo le stagioni migliori per visitare la cittadina sono la primavera e l’autunno, accomunate da temperature miti, affollamento piuttosto scarso e colori sgargianti dipinti sulle montagne circostanti. D’estate fa molto caldo e, specialmente nei weekend, la pace e la tranquillità della zona sono minate dal gran numero di turisti che la prendono d’assalto.

Il treno è il mezzo di trasporto più indicato per raggiungere Saint-Jean Pied de Port partendo da Bayonne, distante circa un’ora e un quarto di viaggio; in alternativa c’è un servizio di autobus, ma le partenze sono spesso irregolari e la durata del tragitto superiore. L’aeroporto più vicino è quello di Biarritz, dove è possibile noleggiare un’auto con la quale partire alla scoperta di una regione intrisa di storia e caratterizzata da paesaggi mozzafiato.

loading...
close