Cerca Hotel al miglior prezzo

Pellegrinaggi religiosi in Repubblica Ceca: Olomouc, Opava e ZlatÚ Hory

Pagina 1/2

Con la fede nel cuore i cristiani hanno vissuto anche nei tempi che non erano favorevoli alla loro religione. Nel 1781 l'Imperatore Giuseppe II legalizzò nuovamente le confessioni cristiane non cattoliche nel paese, ma allo stesso tempo liquidò i conventi e vietò i pellegrinaggi. L'architettura dei secoli XIX e XX preferiva gli edifici secolari, le chiese venivano più spesso ricostruite che costruite, anche se all'inizio del XX secolo qui sono apparsi dei veri gioielli di autori d'avanguardia (J. Plenik, L. Bauer, J. Gočár). Durante e dopo la seconda guerra mondiale, sotto i governi comunisti, la religione doveva esser totalmente estirpata dalla vita della gente. Le trasformazioni dopo il 1989 hanno aperto nuove possibilità. I luoghi devastati e caduti nell'oblio hanno ripreso le loro attività sotto l'amministrazione ecclesiastica e propongono incontri spirituali ispirativi.

Un percorso che riesca a condurre il turista alle radici della fede cristiana in Repubblica Ceca, potrebbe iniziare dall'est del paese ed avere come punto di partenza: Olomouc (a 270 km da Praga). È la più importante riserva storica della Moravia e, per importanza culturale e storica, la seconda città della Repubblica Ceca dopo Praga. La sua tradizione antica viene ricordata dall'area della fortezza přemyslide del primo medioevo, sede dei Principi moravi e del potere ecclesiastico più tardi. Oltre alla cattedrale di San Venceslao, nel torso dei secoli, vi sono state costruite numerose chiese parrocchiali, ospedali con chiese e altri edifici religiosi di tutti gli ordini conventuali vigenti nel medioevo. Le due piazze principali di questa città universitaria, sede sontuosa dell'arcivescovato, sono decorate con fontane e colonne barocche. La colonna in omaggio alla Santissima Trinità con il più grande gruppo scultoreo in Europa centrale, in omaggio alla chiesa e fede cattolica, fu iscritta, nel 2000, sulla lista dell'UNESCO dei monumenti culturali d'importanza mondiale.

A Svatý Kopeek (Sacra Collinetta) non è da perdere la monumentale chiesa barocca della Visitazione della Vergine Maria che è l'edificio religioso che domina la fertile valle di Haná. Da notare uno splendido organo, numerose cappelle, residenze e chiostro. Questo luogo di pellegrinaggio molto frequentato è stato creato in omaggio dell'immagine miracolosa della Vergine Maria col bambino, che tende la mano verso la palma della madre che tiene un pomo - il frutto proibito del biblico albero. Il quadro è stato incoronato nel 1732 e la Moravia fu dichiarata il regno di Maria. Le messe vi sono celebrate più volte al giorno.

Il Museo delle carrozze arcivescovili si trova invece sulla collina sopra il comune di Náměštna Hané ed è situato al centro di un parco un castello barocco tra le cui collezioni si trovano anche carrozze degli arcivescovi di Olomouc, dal XVIII al XX secolo. Il castello è accessibile con una guida nel periodo estivo.

... Pagina 2/2 ... Spostandoci ancora verso levante troviamo Opava: metropoli storica nelle vicinanze della frontiera ceco-polacco-tedesca è una città universitaria con molti monumenti importanti. L’antico influsso tedesco nella Slesia viene confermato dal materiale di costruzione, mattoni rossi, usati per l'edificazione della Chiesa dell'Assunzione della Vergine Maria risalente al XIII secolo, oppure dall'unica cappella della Santa Croce, denominate “svedese" (nei tempi della guerra dei Trent’anni, durante l'assedio della città dagli Svedesi, fu utilizzata dai protestanti come santuario). L’interno della cappella è decorato con cicli di pitture gotiche sui temi dei simboli dell'apocalisse. La chiesa di Santa Edvige, costruita negli anni 1933-1938 da L. Bauer in omaggio ai caduti nella Prima guerra mondiale, costituisce un esempio eccellente dell'architettura moderna.

Guty si raggiunge tra le belle ma aspre montagne dei Beskidi, dove la gente ha vissuto durante i secoli in stretta simbiosi con la natura. Le tipiche casette di legno si sono conservate non soltanto nello skanzen di Ro×nov pod Radhoštěm, ma anche nel pittoresco paesaggio ai piedi della catena montagnosa. Il più bell'esempio dell'architettura religiosa di legno è la chiesa rinascimentale del Corpus Domini nel comune di Guty.

Zlaté Hory, cioè la “Montagna d'oro” è un'altra area famosa per i pellegrinaggi in omaggio alla Vergine Maria Ausiliatrice: fu totalmente devastata dal regime comunista, ma nel 1990 vi fu posta una nuova prima pietra benedetta dal Papa e costruito un nuovo e moderno luogo di ritrovo internazionale specialmente per i giovani credenti della Repubblica Ceca, della Polonia e della Germania.

loading...
close