Cerca Hotel al miglior prezzo

Tour tra i castelli della Sassonia: Albrechtsburg, Colditz e Delitzsch

Sassonia, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

  • Delitzsch
  • Albrechtsburg
Tanta magnificenza nella volontà di costruire nel medioevo, rinascimento e barocco fu possibile solo perché qui si incontrarono ricchezza e senso artistico: natura e cultura, pittoresche vallate fluviali e imponenti castelli, alte rocce e maestose fortezze, fitti boschi e romantiche tenute della nobiltà formano dovunque in Sassonia contrasti indimenticabili - spesso nobilitati come patrimonio mondiale UNESCO. In quale altro luogo i visitatori troverebbero una stanza con milioni di piume artisticamente tessute, in immediata vicinanza del più antico castello in Germania, poco dopo tre splendidi palazzi come perle di una collana o inspiegabili costruzioni di scale che sembrano contraddire ogni legge della fisica?

Castello di Albrechtsburg
“Dov'è la montagna, sulla quale si ergono tre castelli e sul cui fianco scorrono tre acque?”, cita un antico versetto. La soluzione dell'indovinello è Meissen, perché qui, dove la roccia è bagnata da Elba, Triebisch e Meisa, risiedevano in tempi antichi sopra alla città margravi, vescovi e burgravi. È alla presenza di questi poteri in uno spazio così ristretto che la rocca deve la sua fama di “culla della Sassonia”. Con il castello di Albrechtsburg venne creato più tardi il primo castello tedesco e allo stesso tempo un capolavoro, le cui azzardate soluzioni architettoniche e rivoluzionarie idee formali ancora oggi impressionano i visitatori. Alte guglie, facciate radiose, ampie finestre si specchiano nelle acque dell'Elba e coniano il panorama della vallata. Ironia della sorte: il castello rimase per secoli pressoché inutilizzato. Fu solo grazie alla volontà di Augusto il Forte che il castello si popolò di nuova vita quando vi insediò la prima manifattura europea della porcellana e “l'oro bianco del barocco” iniziò la sua marcia trionfale attraverso l'Europa. Oggi quest'epoca è ricordata da una mostra permanente nelle sale tardo gotiche. E sotto alle volte incrociate dietro a magnifiche finestre ad archi acuti a tenda si presenta ai visitatori - accanto ad una ricca collezione di sculture medievali - con i dipinti murali storici del 19° secolo, un vero e proprio libro illustrato della storia sassone. L'adiacente duomo gotico con la sua cripta principesca invita ad una visita, così come la storica cittadina con i suoi tetti di tegole rosse.

Castello di Colditz
Residenza di principi, castello di caccia, residenza vedovile - con il suo frontone cuspidale bianco il castello di Colditz è uno dei monumenti edili della fine del 16° secolo più belli e stilisticamente più puri. Se oggi però nel castello si affollano gruppi di visitatori stranieri non è dovuto solo al nuovo interesse per il Rinascimento bensì ha origini storiche contemporanee. Perché durante la Seconda Guerra Mondiale il grande castello è stato uno dei più importanti campi di internamento per ufficiali alleati. Furono quasi 300 i tentativi di fuga, tra cui alcuni coronati da successo, che diventano leggende della storia militare: segrete stanze di trasmissione radiofonica per il contatto con la patria, tunnel lunghi fino a 44 metri scavati attraverso le antiche mura, perfino la costruzione di un aliante. Naturalmente il museo dedicato alla fuga considera dettagliatamente questa storia più recente. Eppure anche gli antichi cammini di ronda con le maestose mura, la dimora dei principi, il portale rinascimentale, la chiesa della Trinità, la torre con la sua guglia guelfa, l'antico ponte di pietra possiedono notevole forza di attrazione. Oggi il castello di Colditz non solo offre spazi per concerti, spettacoli e mostre - in un'ala è stato creato l'Ostello Europeo per la gioventù Castello di Colditz.

Castello di Delitzsch
Se una principessa non genera un figlio con l'infantile marito, bensì con uno sconosciuto amante, l'alta nobiltà europea di una volta aveva ben pochi scrupoli: il nascituro illegittimo veniva affidato ad una balia, ma ufficialmente dichiarato morto. Questo toccò anche alla Duchessa Enrichetta Carlotta di Sachsen-Merseburg a Delitzsch. L'aspetto positivo per il Principe Elettore di Sassonia Augusto il Forte, il quale gioca un ruolo decisivo in questo intrigo di corte: la linea rivale dei Sachsen-Merseburg si estingue con la triste coppia di principi. In netto contrasto con queste tetre cabale è invece il carattere lieto-barocco che emana oggi il Castello di Delitzsch. Un castello color pastello, quella che a suo tempo fu dimora di viaggio prediletta dei Principi Elettori sassoni nel bel mezzo del paesaggio lacustre di Delitzsch, che attira con il suo museo e giardino barocco visitatori dal senso artistico, in particolare per l'annuale festa del castello. All'interno del castello gli ospiti ammirano arredi rappresentativi mantenuti quasi interamente nello stato originale, nonostante il temporaneo utilizzo del castello come penitenziario femminile. Foto wikipedia, cortesia: Stephan Hoppe, Joeb07

Fonte: Ente Nazionale Germanico per il Turismo
Per maggiori informazioni: Tel. 02-2611.1730
Visita Vacanzeingermania.com
 
  •  

 Pubblicato da - 09 Maggio 2009 - Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close