Cerca Hotel al miglior prezzo

Maspalomas e la spiaggia di Playa del Ingles, vacanza a Gran Canaria

Pagina 1/2

Maspalomas e soprattutto la sua spiaggia di Playa del Ingles sono le mete di villeggiatura più note di Gran Canaria, essendo frequentate ogni anno da decine di migliaia di turisti, in prevalenza nord-europei, che adorano crogiolarsi al sole e fare baldoria dopo il tramonto. Nonostante questo, durante il giorno e ancor più fuori stagione turistica la cittadina ha un’atmosfera raffinata ed esclusiva, ben lontana dagli stereotipi che ci si potrebbe aspettare. Purtroppo, però, non è rimasto praticamente nulla di autenticamente spagnolo, dato che tutto è orientato in funzione dei turisti e le uniche lingue che si sentono parlare in strada sono l’inglese e il tedesco. Anche l’urbanistica del centro è piuttosto anonima, con i viali disposti a formare un reticolo ordinato e le molte rotonde che finiscono per uniformare e appiattire il contesto.

Il termine Maspalomas potrebbe derivare dal nome di Rodrigo Mas de Palomar, colono e soldato di Maiorca, o da quello di Francisco Palomar, un amico genovese di Alonso Fernandez de Lugo, col quale acquistò un centinaio di schiavi originari del luogo colonizzando l’area. Lo sviluppo che ha interessato la zona di Maspalomas ed in generale tutte le Canarie negli ultimi 50 anni è stato a dir poco sorprendente, lanciando l’arcipelago nell’elite delle località turistiche atlantiche. Playa del Ingles, che si trova accanto al centro urbano a forma di triangolo, è il fulcro della vita della città, mentre a sud-ovest di essa si estendono le spiagge e le splendide dune, l’unica attrazione naturale degna di nota di Maspalomas, che tra l’altro ospitano alcuni degli alberghi più lussuosi di Gran Canaria ed il campo da golf più grande dell’isola.

Sole, mare e divertimento: questi sono i tre ingredienti principali di un soggiorno a Maspalomas, dove il clima dolce tutto l’anno consente di partire anche fuori stagione. Tuttavia, tra le attrattive che non si possono proprio perdere ricordiamo le Dunas de Maspalomas, dichiarate parco nazionale nel 1994. Il punto migliore per ammirarle è la parte finale di Avenida Tirjana, mentre passeggiando attraverso le arcate dell’Hotel Riu Palace Maspalomas fino al balcone si potrà ammirare un giardino botanico che racchiude numerosi arbusti e piante endemiche delle Canarie. Sulle dune si può tranquillamente camminare, a patto di rispettare le regole indicate nei cartelli e di seguire i sentieri segnalati; in alternativa si può coprire il tragitto seduti sul dorso di un cammello come foste nel Sahara con Camello Safari.

In questa zona si concentrano tantissimi parchi tematici di divertimento. Il Palmitos Park si trova pochi chilometri a nord della zona turistica ed è un’oasi subtropicale ricca di flora esotica, con oltre 1.500 specie di uccelli, un acquario, una mostra di orchidee, un rettilario, una fattoria didattica e diversi animali come wallaby e oranghi. Il Mundo Aborigen si trova a 6 chilometri dai resort lungo la strada diretta a nord, verso Fataga, ed è costituito da un complesso con un centinaio di guanci ritratti in varie pose, che danno un’idea di come doveva essere la vita qui prima che i conquistatori arrivassero e costruissero parchi tematici. Molti apprezzati sono anche Aqualand, un enorme parco acquatico che vanta una spiaggia per surfisti con sette tipi di onde e scivoli di ogni genere, ed il Camel Safari Park La Baranda, che dispone di 70 cammelli ed è situato in una tenuta lussureggiante, con palme e alberi di avocado e agrumi.
... Pagina 2/2 ...
Durante un soggiorno a Maspalomas è impossibile annoiarsi. Le attività che vi si possono praticare sono tantissime, dalle immersioni, con tanto di servizi e strumentazioni messe a disposizione dalla Dive Academy Gran Canaria, alle escursioni a piedi, dato che lontano dalla costa troverete un paesaggio ideale per camminare, con campagne incontaminate che variano continuamente da aree rocciose alle morbide colline. A seconda dell’inclinazione e dei gusti personali ci si può dedicare inoltre al nuoto, particolarmente indicato nella spiaggia di Playa de las Burras, al surf e al windsurf, per il quale citiamo Pozo Izquierdo, al golf, monopolizzato dal Meloneras Golf, inaugurato nel 2006 tra Maspalomas e il porto di Pasito Blanco, all’equitazione, fino al kayak. La vita notturna di Maspalomas si concentra nello Yumbo Centrum, dove le borse e i portafogli in cuoio esposti nelle vetrine dei negozi vengono sostituiti dalle tenute in pelle indossate nei fumosi bar per omosessuali. L’atmosfera familiare vagamente rassicurante svanisce non appena le discoteche, sia per gay che per etero, iniziano ad animarsi per poi tirare fino all’alba.

La zona temperata in cui si trovano le Canarie conferisce a Maspalomas un clima di eterna primavera-estate, così che ogni periodo è quello giusto per partire. I mesi invernali sono leggermente più freddi, con minime che scendono di poco sotto i 20 gradi e massime intorno ai 25, ma anche in questo periodo le isole si rivelano un vero paradiso se paragonate al resto dell’Europa continentale, ragion per cui tra dicembre e marzo si registra il maggior afflusso di turisti. Da giugno a settembre i prezzi sono leggermente più elevati, così come le temperature, che oscillano in media tra 31 e 24 gradi. Le precipitazioni sono pressoché assenti tra primavera e estate, molto scarse nel resto dell’anno, durante il quale è raro che si raggiungano complessivamente 150 mm di pioggia.

Ad incentivare il turismo è anche la presenza dell’Aeroporto Internazionale Gran Canaria, il più grande scalo aereo dell’arcipelago, collegato al centro abitato dall’autobus numero 66 che impiega circa un’ora per raggiungerlo. I bus fanno regolarmente la spola tra Playa del Ingles ed altre località costiere, ad ovest fino a Puerto de Mogan e a est fino a Las Palmas. Per andare in spiaggia si può anche prendere un taxi, noleggiare un’automobile o affittare una bicicletta o una mountain-bike con la quale dedicarsi all’esplorazione dell’entroterra.
loading...
close