Cerca Hotel al miglior prezzo

Volete diventare esploratori professionisti? Ecco il corso per voi!

La nostra è l’epoca dei corsi: corsi di inglese, corsi di informatica, corsi da seguire in rete e corsi a puntate davanti alla tv. Ma chi avrebbe mai pensato che all’uomo moderno fosse necessario – o quantomeno utile – un corso per diventare professionisti esploratori? È proprio questa l’iniziativa bizzarra promossa da Franco Michieli, geografo ed esploratore, impegnato da oltre vent’anni nella scoperta dei luoghi più selvaggi del globo. Non è da tutti sapersi perdere e ritrovare, ovunque ci si trovi, orientandosi senza bussola né mappe o apparecchi sofisticati, ma Michieli ha alle spalle numerose esperienze in ambienti avversi, come l’Artico o le Ande, e non si è mai affidato a ricetrasmittenti, bussole, orologi, Gps o telefonini.

Per arrivare a tanto si può partire con un weekend di lezioni, che ha lo scopo di valorizzare il rapporto tra l’uomo e il paesaggio, insegnando a riconoscere le costellazioni e le posizioni geografiche. Il primo passo è abbandonare ogni paura e senso di smarrimento, poi si ipotizzano situazioni difficili e si impara a reagire nel modo più razionale, mettendo in campo le proprie risorse personali. Escursioni, trekking, scalate in montagna, ma anche immersioni simulate nella giungla e traversate del deserto. E infine, perché no, esplorazioni delle cosiddette “giungle urbane”, per imparare a cavarsela in caso di pericolo o aggressione.

Le sedute del corso sono teoriche e pratiche. Come si deve camminare? Come si può raggiungere il ritmo giusto, e quali sono le strategie per usare il territorio a proprio vantaggio? Queste e tante altre domande troveranno risposta in tre giorni, dal venerdì alla domenica, dopo una lezione introduttiva sull’interpretazione del cielo e della terra. Durante il corso si sveleranno alcuni segreti dell’orientamento, ci si cimenterà con vari sentieri, si verrà sottoposti a prove di memoria e si imparerà a tracciare e leggere le mappe.

L’appuntamento è per il mese di maggio: il primo corso si svolgerà tra il 12 e il 15 maggio 2011, nella Casa del Movimento Lento a Roppolo, in provincia di Biella, a 100 km circa da Milano e a 60 da Torino.
Chi vuole avvicinarsi al mondo degli esploratori senza “sporcarsi le mani” può invece seguire un corso dell’Università di Parma, intitolato proprio Storia della Geografia e delle Esplorazioni, presso il Dipartimento della Formazione e del Territorio: alla cattedra ci sarà la dottoressa Luisa Rossi dell’Associazione Geografi Italiani (AGEI), membro inoltre del Centro Italiano per gli Studi Storico-Geografici (CISGE) e della Société de Géographie parigina (SG).

Info: 0161 987866 www.movimentolento.it
Fonte: www.ansa.it
  •  
close