Cerca Hotel al miglior prezzo

Ad Abu Dhabi aprirÓ il Louvre, lo Zayed National Museum e il Guggenheim

Nella vastissima gamma delle strutture ed infrastrutture attualmente in fase di realizzazione ad Abu Dhabi, dove ponti, edifici e hotel sorgono ad una velocità impensabile per noi in Italia, uno dei progetti più interessanti è certamente quello che riguarda il Saadiyat Cultural District, il nuovo polo culturale che sta nascendo a Saadiyat Island.

Come previsto dal Plan Abu Dhabi 2030, un piano pluridecennale di sviluppo urbanistico che dovrebbe essere portato a termine nel 2030, l'isola diventerà la sede di alcuni dei più importanti musei degli Emirati Arabi Uniti, tra i quali spiccano nomi internazionalmente noti come il Louvre ed il Guggenheim Museum.


Saadiyat Island, nota fino ad oggi per le sue bellissime spiagge di sabbia bianca ed acqua turchese, diventerà dunque il cuore culturale della città; il Louvre Abu Dhabi aprirà i battenti nel 2015, mentre il Guggenheim Abu Dhabi nel 2017. A queste strutture si affiancherà inoltre lo Zayed National Museum, la cui apertura è prevista per il 2016.

Già inaugurato da alcuni anni – per l'esattezza nel 2009 – invece, Manarat Al Saadiyat è un centro culturale che dispone di sale per esposizioni temporanee e che ospita la mostra permanente sul progetto del Cultural District, con alcuni plastici in scala che danno un'idea dell'aspetto che assumerà l'isola a lavori compiuti.
Proprio di fronte a Manarat Al Saadiyat è stato invece ricostruito l'UAE Pavilion, il padiglione degli Emirati Arabi Uniti utilizzato durante l'Expo di Shanghai nel 2010, smontato e riportato in patria su cinquantadue containers per divenire un nuovo spazio espositivo ed ospitare parte degli eventi dell'Abu Dhabi Art Fair.
In una seconda fase del progetto saranno inoltre realizzate due nuove strutture, che diverranno rispettivamente Maritime Museum – che aprirà nella zona del Saadiyat Marina District – ed il Performing Arts Centre.


Il Louvre Abu Dhabi, nato da un accordo il governo francese e quello degli UAE, sarà il primo museo universale nel mondo arabo a trasmettere lo spirito di apertura e dialogo tra i popoli. Al suo interno saranno ospitate collezioni storiche, culturali e sociologiche che copriranno un ventaglio temporale molto ampio. Come sottolinenano i realizzatori del progetto, il Louvre Abu Dhabi non sarà una copia del più famoso museo di Parigi, ma un museo con una propria identità. Lo stesso direttore del Louvre, Henri Loyrette, ha ribadito questo concetto, spiegando che il museo dovrà farsi carico di rappresentare una doppia cultura ed una doppia tradizione. L'edificio sorgerà su un'area di 87000 metri quadrati ed ospiterà oltre 11000 metri quadrati di gallerie dove esibire la collezione permanente e le mostre temporanee. L'autore del progetto architettonico è il francese Jean Nouvel, già vincitore del Premio Pritzker.


Il Guggenheim Abu Dhabi sarà invece dedicato all'arte e alla cultura contemporanea, e ha tra i suoi propositi quello di divenire un punto di riferimento tanto locale quanto internazionale di questi settori. L'edificio che ospiterà il museo sarà completamente circondato dall'acqua ed avrà una vista spettacolare sul Golfo Persico e sullo stesso Cultural District; la superficie dedicata alle esposizioni sarà di oltre 31000 metri quadrati suddivisi in diversi settori, che sfrutteranno la particolare forma della struttura, che prevede diverse forme geometriche, tra cui alcuni coni che riprendono il concetto delle antiche torri del vento della tradizione araba.
L'obiettivo fin dall'inaugurazione è quello di imporsi come uno dei più grandi musei d'arte contemporanea al mondo, capace di ospitare anche un teatro con 350 posti a sedere. Anche in questo caso, l'architetto incaricato del progetto è un vincitore del Premio Pritzker, il nordamericano Frank Gehry.


Lo Zayed National Museum, che sarà completato nel 2016, diverrà uno spazio dedicato alla storia della regione anche prima della nascita ufficiale degli Emirati Arabi Uniti, avvenuta nel 1971 ad opera di Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan. Ad ospitare il museo sarà una struttura ispirata alle ali dei falchi, animali importanti nella tradizione araba; il museo, dedicato alla memoria del padre della patria, sarà insieme un monumento ed un memoriale allo stesso sceicco, che celebrerà anche il suo amore per la natura. L'edificio è progettato per ridurre al massimo le emissioni, sfruttando l'energia solare e quella del vento per il proprio fabbisogno; le sette sezioni in cui sarà suddiviso tracceranno un segno comune tra la vita dello Sceicco Zayed ed il suo paese, toccando diversi aspetti della società, della storia, della fede, della scienza e della sua gente.

In attesa delle future inaugurazioni, diverse mostre sono già state presentate come anticipazioni di ciò che sarà, ed altre saranno presentate nei prossimi mesi; per maggiori informazioni ed aggiornamenti sul Saadiyat Cultural District rimandiamo al sito internet ufficiale: www.saadiyatculturaldistrict.ae

Immagini © TCA Abu Dhabi
  •  

 Pubblicato da il 02/07/2014 - 10.254 letture - ® Riproduzione vietata

close