Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Ginza

Ginza a Tokyo, cosa vedere nel quartiere dello shopping e dell'elettronica

Pagina 1/2

Il quartiere di Ginza a Tokyo è situato tra il fiume Sumida e i giardini del Palazzo Imperiale ed è una celebre meta per lo shopping di lusso nel centro di Tokyo.

Questo distretto del quartiere di Chūō si è affermato come zona particolarmente ricca solo di recente, dopo innumerevoli trasformazioni.

La storia di GInza

Dove ora sorge Ginza si trovava inizialmente una palude che venne bonificata nel XVI secolo; questa nuova area nel 1612 diventò la sede di una zecca che coniava monete d’argento e che le diede il nome attuale (Gin significa argento).

Nel 1872 un incendio devastante distrusse completamente gli edifici della zona, così il governo Meiji promosse una ricostruzione più moderna con materiali ignifughi. Il progetto scelto fu quello dell’architetto irlandese Thomas Waters, che presentava un lungo viale costeggiato da edifici in muratura a mattoni di stile georgiano. La Ginza così ricostruita non piaceva agli stranieri in visita in città a causa del suo stampo così occidentale, ma diventò ben presto un esempio di modernità anche grazie agli innovativi allestimenti nelle vetrine dei negozi. Solo alcuni degli edifici originali sono visibili tutt’oggi: tra tutti, l’edificio dei grandi magazzini Wakō con la torre dell’orologio, fatto costruire dal fondatore della Seiko Kintarō Hattori. La torre dell’orologio di Ginza Wako che si vede attualmente nell’incrocio di Yonchome è stata ricostruita dopo i danni del grande terremoto del Kanto del 1923, e ad oggi è il simbolo del quartiere, ed una delle icone tra le varie attrazioni di Tokyo.

Dove fare shopping a Ginza

Ginza è un susseguirsi di boutique, negozi, grandi magazzini e ristoranti esclusivi. In questa area commerciale hanno una sede le più importanti catene mondiali del lusso, come Gucci, Cartier, Bulgari, Chanel, Burberry. Alcuni di questi sono collocati in edifici di gran pregio dall'architettura spettacolare, come la boutique Mikimoto che ha una facciata dalle vetrate irregolari. Notevoli anche la sede di De Beers in un palazzo curvo, il palazzo di Armani ornato di foglie dorate e quello semitrasparente di Tod’s. La Maison Hermes è invece collocata in un maestoso edificio ispirato alle lanterne giapponesi dalle pareti di cubi di vetro.

A Ginza si possono anche fare acquisti nei negozi di marchi più casual come H&M o le giapponesi Muji e Uniqlo.
I grandi magazzini più conosciuti sono quelli di Mitsukoshi, che presentano beni di lusso su 12 piani. Gli 11 piani del Matsuya includono invece un’agenzia viaggi, un negozio per animali, prodotti per la casa e per la cucina. Vale una visita il popolare Tokyu Hands nel centro commerciale Marronnier Gate, che vende tutto per la casa e il do-it-yourself su 14 piani e permette lo shopping tax-free ai turisti muniti di passaporto.

Ginza è anche un polo di grandi negozi di elettronica. Il maestoso Sony Building ospita tutti i più recenti prodotti della casa madre su diversi piani tra showroom, negozi e ristoranti, oltre a un centro di informazioni turistiche al primo piano. Un palazzo di 25 piani è invece occupato dalla sede centrale della Ricoh.

A Ginza gli amanti della cucina potranno scegliere di provare il famoso sushi di Sukiyabashi Jiro (3 stelle Michelin) oppure di optare per i ristoranti adiacenti al famoso mercato del pesce di Tsukiji, che si trova poco distante.
Nell’area si possono visitare anche più di 200 gallerie d’arte e numerosi teatri.

Quando fare shopping a Ginza

I negozi sono aperti ogni giorno della settimana. Ogni sabato e domenica la strada principale di Ginza, Chuo-dori, viene chiusa al traffico dalle 12 alle 17 e l’area diventa temporaneamente pedonale (Hokoten, paradiso per i pedoni; l’orario si estende fino alle 18 da aprile a settembre). Il fine settimana è quindi il momento ideale per passeggiare tranquillamente tra i palazzi e i grandi magazzini di questo quartiere.

Il teatro Kabukiza e i musei
... Pagina 2/2 ... Il teatro Kabukiza è il regno del tipico teatro giapponese chiamato Kabuki. Ristrutturato nel 2013 sul modello dell’originale del 1883, questo splendido esempio di architettura giapponese ospita rappresentazioni quasi quotidianamente e attrae centinaia di migliaia di spettatori. Davanti all’entrata una piccola area di aspetto con sedute permette di attendere in fila il proprio turno per acquistare i biglietti, che sono disponibili anche per un singolo atto (scelta consigliata se non si è abituati a questo tipo di spettacolo d’avanguardia).

A Ginza, oltre al teatro Kabukiza, ci sono anche altre attrazioni per gli appassionati d’arte e cultura. Vicino alla stazione di Kyobashi si trova il National Film Center, un distaccamento del Museo Nazionale di Arte Moderna che ripercorre con sale interattive la storia del cinema giapponese, dalla proiezione a lanterne alle opere di Akira Kurosawa. A due passi dalla stazione di Yarakucho si può invece entrare nel Tokyo International Forum, un imponente centro congressi che ospita periodicamente mostre e spettacoli.

Come arrivare a Ginza

In metropolitana:
Stazione di Ginza ( G09 sulla linea Ginza, H08 sulla Hibiya e M16 sulla Marunouchi)
Stazione di Ginza-itchōme (Y19 sulla linea Yūrakuchō)
Stazione di Higashi-Ginza (A11 sulla linea Asakusa o H09 sulla Hibiya)
In treno:
Stazione Yurakucho sulla linea JR Yamanote e JR Keihin-Tohoku

Link utili:
Wako building (in inglese): www.wako.co.jp/en/index.html
Sony building (in inglese): www.sonybuilding.jp/e/
Teatro Kabukiza (in inglese): www.kabuki-bito.jp/eng/contents/theatre/kabukiza.html
Ristorante sushi Jiro (in inglese): www.sushi-jiro.jp/
loading...
close