Cerca Hotel al miglior prezzo

Brisbane (Queensland), viaggio nella terza città dell'Australia

  • Carnarvon National Park
  • St. John’s Cathedral
Terza città australiana per dimensioni e numero di abitanti, Brisbane è una località fiorente, ospitale, capace di colpire al cuore dei turisti grazie ai suoi spettacolari scenari paesaggistici ed alle tante attrattive che ne abbelliscono centro. L’insediamento, che attualmente conta poco più di 2.000.000 di abitanti, è situato all’interno di un’ansa dell’omonimo fiume Brisbane, all’incirca 23 chilometri a sud-ovest della foce a Moreton Bay, con l’area metropolitana che si è progressivamente estesa nella piana alluvionale compresa tra la vallata scavata dal fiume stesso e la Gran Catena Divisoria. Essendo una delle poche città australiane facilmente accessibili anche dall’estero, Brisbane rappresenta il punto di partenza ideale per visitare la parte meridionale del Queensland e con essa le sue incantevoli attrattive naturalistiche.

La colonizzazione europea cominciò ad interessare la zona dell’odierna Brisbane a partire dalla fine del XVIII secolo, quando Matthew Flinders fu il primo colono a mettere piede nella Moreton Bay. Nel 1823, il governatore del New South Wales Thomas Brisbane, incaricato di istituire una nuova colonia penale, fondò una cittadina battezzata col suo nome che, in pochi anni, perse la sua connotazione originaria a scapito di una repentina crescita economica e demografica, in grado di renderla capitale della neo-nata colonia del Queensland a partire dalla sua fondazione avvenuta il 6 giugno 1859. Nel corso della seconda guerra mondiale, Brisbane ha svolto un ruolo discretamente importante come punto di appoggio delle forze alleate nel Pacifico, mentre nel 2009 la città si è classificata 16esima nella speciale classifica stilata dalla rivista americana “The Economist” in merito alle città più abitabili del mondo.

Tanto per cominciare a prendere coscienza delle dimensioni e dello skyline urbano ci si può recare ai Kangaroo Point Cliffs, poco distanti dal centro, da cui si ammira il miglior belvedere naturale di Brisbane. Osservando l’architettura che caratterizza la zona centrale dell’insediamento si noteranno tantissimi edifici colonici, alcuni dei quali non possono non essere ammirati. Tra questi spiccano il Conrad Treasury Casino ed il Conrad Hotel, ospitati in palazzi costruiti nella seconda metà del XIX secolo, mentre un capitolo a parte lo merita la St. John’s Cathedral, un’autentica perla architettonica, che rappresenta l’unica chiesa gotica del mondo ancora in costruzione. Non lontano dalla chiesa scorre Queen Street, il cuore commerciale della città, che tra l’altro lambisce il Palazzo del Parlamento ed i Giardini Botanici. Guardando con occhio critico i quartieri residenziali si noterà invece come la maggior parte delle abitazioni siano costruite su palafitte e spesso dotate di ampie verande e soffitti molto alti, logica conseguenza di un’architettura che si è dovuta adattare al clima subtropicale e che quindi ha privilegiato quelle soluzioni in grado di garantire la migliore circolazione dell’aria possibile. L’esempio di architettura residenziale più interessante del centro è la Newstead House, un’antica casa privata aperta al pubblico lungo Breakfast Creek Road.

Se tra le vostre passioni c’è l’arte Brisbane ha quello che fa per voi; dalla fine del 2006 in città ha sede il secondo museo più grande d’Australia: la Queensland Gallery of Modern Art (GoMA). I suoi ampi saloni ospitano tantissime opere di artisti locali, ma anche provenienti dal sud-est asiatico, dalle isole del Pacifico e dai villaggi dei nativi australiani, i cui manufatti sono indubbiamente tra i più curiosi e variopinti. Da non perdere anche la prima cineteca d’Australia ed il Museo del Commissariat Store, l’unica struttura rimasta dai tempi della fondazione di Brisbane, quando l’insediamento altro non era che una malfamata colonia penitenziale.

A Southbanks si trova l’unica spiaggia australiana situata praticamente nel centro di una città, caratteristica che la rende particolarmente frequentata dai turisti, ma anche dagli abitanti, che prediligono rilassarsi su questa candida distesa di sabbia con tanto di palme, acqua cristallina e vista sui grattacieli di downtown. Se preferite allontanarvi dal centro potrete partire alla volta di Maroochydore Beach, Mooloolaba Beach e Coolangatta, tutte distanti meno di un’ora di automobile e annoverate tra le più celebri località della costa orientale per praticare il surf ed altri sport acquatici. Per gli sportivi l’offerta turistica di Brisbane comprende anche affascinanti scalate in cordata lungo ripide pareti vulcaniche e soprattutto lo Story Bridge Adventure Climb, un’arrampicata guidata su per le celebri arcate dello Story Bridge, il più importante ponte del centro.

Al largo della costa sabbiosa di Brisbane c’è Fraser Island, un’isola dichiarata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO per via del suo paesaggio naturalistico dominato da un’intricata foresta tropicale e da piccoli incontaminati laghi salmastri che nascondono l’affascinante Parco Nazionale di Carnarvon, una delizia non solo per gli amanti della natura. Restando sulla terraferma ci si può dirigere al Brisbane Forest Park, che ricopre oltre 30.000 ettari di terreno, all’interno dei quali vivono centinaia di specie animali; nel parco è ospitato l’Australian Woolshed, un parco tematico che, oltre ad offrire un’esaustiva immagine di come doveva essere la vita ai tempi dei coloni, presenta l’opportunità di ammirare canguri e koala che vivono indisturbati al suo interno.

Il clima di Brisbane è subtropicale umido, contraddistinto da temperature elevate per tutti i dodici mesi dell’anno e da precipitazioni particolarmente intense soprattutto tra i mesi di novembre e febbraio. Quest’ultimo è anche il periodo più caldo, con le temperature massime che superano stabilmente i 30 gradi e le minime che difficilmente scendono sotto i 20; il mese più freddo è invece luglio, caratterizzato da valori che oscillano mediamente tra 22 e 10 gradi. Data la vicinanza con la costa, le tempeste di sabbia sono rare, ma non impossibili da scongiurare, mentre sono più leggermente frequenti i cicloni, soprattutto verso la fine dell’estate australe.

Il Brisbane Airport, situato pochi chilometri a nord-est del centro, è il terzo scalo più trafficato del paese dopo gli aeroporti di Sydney e Melbourne, ed è comodamente raggiungibile con i mezzi pubblici da downtown. I trasporti locali sono garantiti da autobus, treni e traghetti, mentre tutt’intorno al centro transitano alcune delle autostrade più importanti del paese. Il consiglio è comunque di muoversi il più possibile a piedi o in bicicletta, considerata anche l’ottima estensione di piste ciclabili e camminamenti pedonali.
  •  
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittà World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close