Cerca Hotel al miglior prezzo

Fondi (Latina): visita alla cittą, al castello, al mare, al lago e ai monti

Fondi, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

A metà strada tra Roma e Napoli, sull’antica Via Appia che ha guidato i romani dal nord al sud della penisola, sorge il comune laziale di Fondi, cittadina di circa 36 mila abitanti nel cuore del sud pontino, in provincia di Latina. Adagiato su una piana che porta lo stesso nome, ombreggiato dai Monti Aurunci e Ausoni, Fondi si affaccia sul lato meridionale verso il blu fresco del Tirreno. Lungo la costa, in un’area suggestiva che è stata definita monumento naturale, si apre il lago costiero di Fondi, dalla caratteristica forma a mezzaluna e collegato al mare tramite due canali, il Sant’Anastasia e il Canneto: l’alternanza delle maree fa sì che in alcuni momenti il Tirreno invada il bacino del lago, determinando un continuo ricambio tra acque dolci e salate.

A incorniciare il lago, e a dividere la città dalle onde, si allungano 13 km di costa sabbiosa e dorata, tesa come un nastro lucente fra Terracina e Sperlonga. Verso l’interno, in certe zone, il terreno si increspa nelle caratteristiche dune litoranee, dai rilievi dolci e sinuosi e la vegetazione tipica.

Per godere al meglio della spiagge e delle calette, i visitatori di Fondi possono contare su un clima mediterraneo temperato, ideale per i soggiorni estivi ma anche per le passeggiate primaverili o autunnali. Il mese più caldo è agosto, con temperature medie comprese tra una minima di 16°C e una massima di 30°C, mentre in gennaio, il mese più freddo, si va da 1°C a 11°C. Le piogge, piuttosto scarse nella bella stagione, si concentrano soprattutto i autunno e inverno, e raggiungono l’apice nel mese di novembre, con una media di 202 mm di acqua.

Quando si abbandonano momentaneamente le spiagge, per addentrarsi nel cuore di Fondi, si possono scoprire alcuni piccoli gioielli architettonici e artistici di valore, timidi ma degni di essere visitati. Tra gli edifici più maestosi c’è il Castello Baronale del XIV secolo, fatto costruire da Onorato I Caetani sulle preesistenti mura romane, in seguito sede della corte di Giulia Gonzaga, frequentatissima da artisti e letterati del Cinquecento. Vero simbolo della città, reso massiccio dalla torre cilindrica di oltre 30 m di altezza, oggi il maniero ospita il Museo Civico.

Da vedere anche il Palazzo del Principe, eretto nel XV secolo e tuttora decorato dagli elementi originali, in impeccabile stile gotico. Più antiche sono invece le terme, di età romana, in parte visibili dalla Piazza dell’Unità d’Italia, e le mura megalitiche nell’odierna Via Guglielmo Marconi. Caratteristico, pervaso da un’atmosfera particolare che sa di medioevo, è il quartiere storico dell’Olmo Perino, La Giudea, testimone di una consistente presenza ebraica in città sin da tempi molto remoti. Tra gli edifici di culto di maggior pregio si ricorda infine la Chiesa di San Pietro, la principale chiesa di Fondi, innalzata nel XIV secolo su un’antica struttura religiosa, ancora oggi ricca all’in terno di opere d’arte pregiate. Tra le più importanti basti citare la tavola di Antoniazzo Romano rappresentante la Maestà con i santi Pietro e Paolo.

Numerose sono le manifestazioni che vivacizzano lo spirito della città portando nelle strade e nelle piazze svariate occasioni di festa. In ottobre c’è la fiera locale per la festa di Sant’Onorato, a dicembre i mercatini natalizi, in luglio si svolgono il Fondi Art Festival e la Rassegna Cinematografica Fondi Film Festival, in agosto si celebra il Festival Internazionale del Folklore e infine, a settembre, c’è il Premio Nazionale di Pittura della città.

Le possibilità per arrivare a Fondi sono numerose e tutte altrettanto comode. Chi in auto viene da nord può prendere l’Autostrada A1 e uscire a Frosinone, oppure prendere la SS156 per Terracina e la SS7 Monte San Biagio. Chi viene da sud deve uscire dall’Autostrada A1 al casello di Cassino, continuare verso Pignataro – San Giorgio a Liri – Ausonia – Spigno Saturnia – Formia, proseguire per GaetaSperlonga – Fondi attraverso la SS156 Flacca. Chi viene da Napoli può anche utilizzare la tangenziale e ricongiungersi alla A1 o alla SS7 Domiziana. Per chi sceglie il treno la stazione di Fondi-Sperlonga si trova lungo la tratta Roma-Napoli, circa a metà strada. Infine, per chi sceglie l’aereo, gli aeroporti più vicini sono il Ciampino e il Fiumicino di Roma, rispettivamente a 128 km e 138 km, e quello di Napoli Capodichino a 140 km.
Foto wikipedia, cortesia: MM, Emanuele
Vista del Lago e della piana di Fondi: Foto di Benito Vertullo - Copyright © 2000 - Paesaggi SNC
  •  
close